nov
18

Microsoft ha predisposto un add-in open source per MediaWiki su Word

 

Microsoft Office Add-In for MediaWiki

In questi giorni l’attenzione ai wiki ha subito un’impennata per almeno due ragioni, entrambe legate a Jimmy Wales (co-fondatore di Wikipedia). Prima le indiscrezioni su Wikia, poi la raccolta fondi di Wikimedia hanno riportato in auge un format che sembrava aver fatto il suo tempo. Se n’è accorta Microsoft, che ha subito pubblicato i sorgenti di un add-in per il salvataggio dei file di testo creati con Word 2007 o, superiore in un formato compatibile coi wiki di WikiMedia. L’estensione è liberamente scaricabile dal Microsoft Download Center.

Via | Port 25

Microsoft ha predisposto un add-in open source per MediaWiki su Word é stato pubblicato su ossblog alle 10:00 di giovedì 18 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
11

Screenie, un editor per creare screenshot in stile Mac

 

Screenie Screenie non serve per “scattare” degli screenshot, ma – come recita il suo slogan – è un «fancy screenshot composer», ovvero una semplice GUI per creare composizioni d’immagini con uno stile exposé simile a quello già visto nelle pubblicità di Apple.

Disponibile sia per Windows che per Linux, Screenie è un progetto ospitato su Google Code e sfrutta le librerie Qt — di cui è necessario disporre almeno dalla versione 4.4. È rilasciato sotto licenza GPLv2 e i sorgenti sono scaricabili anche da un repository su GitHub.

Chi utilizzasse Ubuntu può installarlo direttamente da APT (facendo attenzione al pacchetto, che si chiama screenie-qt e non ha nulla a che vedere con l’omonimo screenie) a partire da Jaunty Jackalope: l’applicazione ha un’interfaccia molto intuitiva e funziona con il drag’n'drop delle immagini esistenti — se ne possono aggiungere fino a 3 per ogni composizione.

Via | WebUpd8

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
16

Due video che mostrano l’insicurezza di Windows 7

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
18

Far girare Ubuntu su Windows XP grazie a Portable Ubuntu

 

Portable Ubuntu for Windows è un sistema che fa girare il classico ambiente Ubuntu come se fosse un’applicazione Windows.

Tutte le applicazioni linux appariranno come finestre sul desktop di windows e sarà possibile anche effettuare copia ed incolla fra i due diversi ambienti in entrambe le direzioni.

Grazie a Portable Ubuntu non sarà neanche necessario installare alcun software perché basterà avere tutto sul vostro pendrive o disco esterno. HowToForge ha scritto una guida passo passo per ottenere questo risultato.

Dopo aver scaricato e decompresso il software, lanciate run_portable_ubuntu.bat ed istruite il firewall per lasciare connettere le varie applicazioni. Dopo la fase di avvio avrete la barra del pannello in alto con cui poter lanciare altre applicazioni.

Se voleste accedere al disco C: di windows sarà sufficiente andare nella dir /mnt/C. È possibile anche installare altre applicazioni con synaptic.

Via | HowToForge

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
05

OpenDNS: maggiore sicurezza, libertà e velocità

 

opendns_logo_300

Spesso mi viene chiesto di sapere quali server DNS è meglio usare per sfruttare al meglio la propria connessione ad internet. La mia risposta è sempre: “USATE OPENDNS“!
Il perchè di questa mia scelta è presto detto: innanzitutto proteggono dal phishing: riconoscono nella stragrande maggioranza di casi, siti “finti” che cercano di rubarvi i soldi o informazioni. Basti pensare a quello che aveva “clonato” il sito di Poste Italiane.
Sono veloci: dispongono grandi quantità di cache, che riducono i tempi per l’accesso a server diversi.
Inoltre correggono gli errori di digitazione: se sbagliamo a digitare un indirizzo, OpenDNS cerca di capire dove avrei voluto veramente andare, oppure mi restituisce con una ricerca fatta su google con il testo di quanto ho sbagliato a scrivere.
Ultimo, ma non ultimo, ed ulteriore vantaggio nell’usare OpenDNS, consiste nel riuscire a svincolare la propria connessione dal controllo, spesso invadente, dei providers. Ad esempio ci svincoleremo da siti bloccati
Tutto questo servizio è completamente gratuito, e se vi state chiedendo chi finanza tutto questo, la risposta è semplice: quando ci si collega ad un sito inesistente ci sarà visualizzerà una pagina pubblicitaria con in più la ricerca della pagina cercata fatta in google!

Gli indirizzi da impostare per usarlo sono: 

  • 208.67.222.222
  • 208.67.220.220

Io lo uso da molto tempo, o meglio da quando ho inziato ad aver problemi con i DNS telecom… e da allora non li ho più abbandonati!

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
05

Registrare le canzoni da Last FM

 

the-last-ripper

Faccio subito la premessa che scaricare musica da internet è illegale, se non per procurarsi una copia dei CD regolarmente acquistati. Detto questo vi presento The Last Ripper.Si tratta di un fantastico software che ci consente di registrare gli streaming di Last.fm in MP3. Organizza la nostra musica in cartelle del genere: Artista / Album / Canzoni.

Genera automaticamente delle playlist nei formati principali: M3U, SMIL, PLS. Inserisce nelle canzoni i tag ID3v2, recupera le copertine degli album, supporta i caratteri internzionali, server proxy.

È disponibile per tutti i sistemi operativi, da Windows a Linux. Per il funzionamento richiede le librerie Mono, oppure il .NET 2.5 sotto windows. Per quello che riguarde Mac OSX funziona dal 10.3 (Phanter), ma non in Leopard, almeno al momento! Per linux sul sito troviamo dei pacchetti già precompilati per Ubuntu, Mandriva ed OpenSuse, ed i sorgenti se usiamo un’altra distro.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
15

Internet Explorer 8 Beta 1 disponibile per il download

 

winsows-internet-explorer-8-beta.gif

Semplici curiosi, oppure webdesigner o webmaster, ecco a voi la nuova creatura di Microsoft con cui dovrete fare i conti: Windows Interent Explorer 8.

Non c’è ancora una versione in italiano, perché si tratta ancora di una beta.

Al momento, sembra che l’unica funzione interessante sia “Web Slice”, ovvero il “copiare” una porzione di una pagina web, come ad esempio un’asta di ebay. La funzione, chiaramente non è stata “inventata” da Microsoft, ma copiata dal suo peggior nemico: è una funzione di Leopard, il nuovo sistema operativo di casa Apple.

Detto questo, non vi rimane (se interessati e masochisti s’intende :) ) a scaricare e provare il nuovo IE8Beta, nella vostra partizione windows. Mi raccomando: a fine installazione non vi sbagliate:

Ie85.png

Ecco il link per il download.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
04

Asus Eee PC 904 e 905: schermo da 8.9”, ma nello chassis da 10.2”

 

Eee PC 904: display da 8.9 ma tastiera del 10.2 , 80 GB di hard disk non SSD, Celeron 900 a 535$… e il 901 si abbassa a 545$!

Continua a leggere Asus Eee PC 904 e 905: schermo da 8.9”, ma nello chassis da 10.2”

Autore: Notorious aka Andrea Romagnoli | Licenza: Creative Commons BY-SA | Lascia un commento

Ti è piaciuto l'articolo? Allora segui il feed di Technoburger!

Technoburger.net

Altri blog e risorse di Technoburger.net:

Articoli simili:

a7j8e25s4hb5dwt8

Popularity: 5% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
11

[GNU/Linux] Installare PlayOnLinux su Ubuntu 8.04

 

E’ giunto il momento di vedere e provare PlayOnLinux, software sempre più chiacchierato fra le comunità di videogiocatori Windows e Linux.  PlayOnLinux è un semplice frontend che vi permette di semplificare l’installazione dei giochi Windows su Linux, il tutto ovviamente tramite il nostro fido wine. PlayOnLinux non si limita a questo perchè è anche in grado di facilitarvi nel processo di installazione di patch ed espansioni, permettendo anche l’installazione di alcuni dei software Windows più famosi.

PlayOnLinux

Citando la wiki di PlayOnLinux:

PlayOnlinux è uno script, distribuito sotto licenza GPL v3, realizzato all’interno di una community francese di giocatori Linux e nato per permettere una più facile installazione e uso dei giochi non nativi tramite Wine, senza dover impazzire in prima persona tra i mille parametri del programma.

Vediamo come installare in pochi e semplici passi questa comoda utility su Ubuntu..

1) AGGIUNGERE IL REPOSITORY

Per prima cosa come di consueto aggiungiamo il repository per apt, che ci permetterà di tenere aggiornata la nostra copia di PlayOnLinux alle future versioni del programma.
Apriamo un terminale e aggiungiamo la chiave gpg del repository in questo modo:

wget -q http://playonlinux.botux.net/pol.gpg -O- | sudo apt-key add -

Dopo aver fatto questo possiamo aggiungere il repository di PlayOnLinux alla nostra lista di repo recuperandolo direttamente dalla rete e copiandolo nella directory dei sources in questo modo:

sudo wget http://playonlinux.botux.net/playonlinux_hardy.list -O /etc/apt/sources.list.d/playonlinux.list

2) INSTALLARE PlayOnLinux

Ora i passi consueti. Aggiorniamo la lista dei pacchetti con il classico:

sudo apt-get update

E installiamo PlayOnLinux così:

sudo apt-get install playonlinux

Il programma presenta un interfaccia semplificata che ci aiuta nel compito di installare i programmi tramite wine. Nello screenshot sottostante vediamo Office 2003 pronto per essere eseguito su Linux grazie all’intefaccia di PlayOnLinux

Screen PlayOnLinux

Abbiamo una completa gestione dei programmi: possiamo installarli, eseguirli e rimuoverli

PlayOnLinux è un progetto interessante che non mancherà di destare interesse nelle comunità di hardcore gamer che sono insoddisfatti di Vista e vogliono passare a Linux senza rinunciare ai propri giochi preferiti. Fino a pochi anni fa tutto questo poteva sembrare un miraggio, ma con gli immensi progressi di wine degli ultimi anni e l’arrivo di software come PlayOnLinux, installare software Windows su Linux non è più un problema ;-)

Condividi

Popularity: 5% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
25

[Windows] XP Codec Pack: il coltellino svizzero per i codec audio/video

 

Una delle procedure più fastidiose quando si va incontro ad una formattazione di Windows (cosa che in verità avviene abbastanza spesso) è sicuramente il dover reinstallare tutti i codec video e audio (mp3, wma, ac3, wmv, mov ecc..) che sono spesso fondamentali per poter decodificare la grande quantità di file multimediali disponibili in rete. Per velocizzare questa noiosa ricerca di codec esiste uno strumento utilissimo che ci viene incontro: Xp Codec Pack.

Xp Codec Pack

Xp Codec Pack non è altro che una raccolta di codec video/audio che in pochi click vengono installati sul nostro sistema e ci permettono di eseguire con il nostro player preferito (ad esempio Media Player Classic, incluso in questo “pacchetto”) il 99% dei formati video e audio disponibili..

Potete scaricare Xp Codec Pack da questo link: XP_Codec_Pack_2.3.7.exe (questa è l’ultima versione al momento della stesura di quest’articolo, la 2.3.7). Si tratta di un file di installazione che copia i file necessari sul nostro sistema.

Xp Front

Il Setup Wizard di Xp Codec Pack

Attraverso il classico Setup Wizard di Windows veniamo presi per mano e condotti durante il corso dell’installazione, la quale dura pochi secondi. E’ anche possibile selezionare i codec da installare, anche se personalmente vi consiglio un installazione standard (e quindi completa).

Xp Componenti

Possiamo selezionare i singoli codec da installare

Effettuando un installazione standard ci viene proposto come player Media Player Classic, un player semplice e minimale che oltre a non sprecare troppe risorse si carica anche molto velocemente. Io in genere lo utilizzo in combinazione con vlc, altro mostro sacro dei player.

Media Player Classic

Media Player Classic: poche pretese, massima efficienza

Xp Codec Pack è un alleato prezioso quando si installano i fondamentali di un sistema Windows formattato di fresco. Se non l’avete ancora provato vi consiglio di farlo, diventerà senza dubbio uno dei tool su cui farete più affidamento per la visualizzazione di file multimediali in ambiente Microsoft.

Condividi

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
12

Problemi con il S.P.3!!????

 

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
28

Il pre-downgrade per non passare a Vista

 

Dell, Hp e Sony sarebbero intenzionate a proporre ai loro clienti business macchine con Windows Xp anche oltre il 30 giugno, esercitando preventivamente il diritto di downgrade.

Che qualche perplessità alberghi tra i corridoi della stessa Microsoft traspare anche dalle parole del Ceo Steve Ballmer: “Per ora la deadline resta fissata al 30 giugno, ma potremmo riconsiderare il phase out di Windows Xp, in base ai feedback dei clienti”.

Ma in attesa di eventuali ripensamenti, ci pensano i produttori a mettere le mani avanti e a estrarre dal cilindro un escamotage per continuare a offrire al mercato macchine con Windows Xp, malgrado la “scadenza dei termini”.

L’escamotage nasce dal diritto garantito da Microsoft agli Oem di effettuare il downgrade a Xp su macchine con precaricato Vista. In questo caso, i produttori eserciterebbero preventivamente il diritto di downgrade, offrendo, di conseguenza, ai loro clienti macchine con sistema operativo Windows Xp.

Al momento, intenzionate a inserire a listino i cosiddetti pre-downgraded pc sarebbero Dell, Hp e Sony, ma non si esclude che altri possano seguirne l’esempio.

L’unico limite, sembra al momento risiedere nel fatto che il diritto non si estende alle macchine consumer, ma è altrettanto vero che le maggiori resistenze al cambiamento vengono proprio dal mondo business.

Fonte: il sole 24 ore.it

Related Post

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top