mag
15

Canonical ha valutato l utilizzo di AOT per le applicazioni in Mono

 

Mi piace +1 Tweet

MonoUbuntu 12.10 potrebbe utilizzare Mono, già in fase d’installazione, per ottenere un sistema più rapido applicazioni più rapide in avvio. È una delle proposte discusse all’Ubuntu Developer Summit (UDS) di Quantal Quetzal. In pratica, Ubuntu sfrutterebbe la compilazione Ahead-Of-Time (AOT) di Mono — per amministrare l’installazione dei pacchetti di Debian.

Nello specifico, il compilatore AOT di Mono è capace di generare del codice “nativo” in anticipo – rispetto alla procedura Just-In-Time (JIT) – sfruttando maggiori ottimizzazioni del processore e creando Position Independent Code (PIC), che può essere ridistribuito. Il risultato garantirebbe migliori prestazioni e latenze in avvio.

L’idea è tuttora in embrione e, nonostante Ubuntu 12.10 sia previsto per ottobre, la creazione dell’infrastruttura la transizione necessaria potrebbe non essere pronta per Quantal Quetzal. Non è neppure detto che Canonical decida davvero d’adottare la proposta. Tuttavia, per Ubuntu sarebbe una grande innovazione: peccato soltanto che serva si limiti a Mono.

Aggiornamento: ho corretto il titolo e alcune frasi dell’articolo, perché effettivamente conteneva degli errori. Il mio fraintendimento, però, è stato completamente diverso da quanto è stato fatto notare e – per essere del tutto trasparente – ne ho spiegato le ragioni in un commento.

Via | Phoronix

Canonical ha valutato l utilizzo di AOT per le applicazioni in Mono é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di lunedì 14 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
14

Canonical valuta l’utilizzo di Mono per “snellire” il boot di Ubuntu

 

Mi piace +1 Tweet

MonoUbuntu 12.10 potrebbe utilizzare Mono, già in fase d’installazione, per ottenere un sistema più rapido in avvio. È una delle proposte discusse all’Ubuntu Developer Summit (UDS) di Quantal Quetzal. In pratica, Ubuntu sfrutterebbe la compilazione Ahead-Of-Time (AOT) di Mono — per amministrare l’installazione dei pacchetti di Debian.

Nello specifico, il compilatore AOT di Mono è capace di generare del codice “nativo” in anticipo – rispetto alla procedura Just-In-Time (JIT) – sfruttando maggiori ottimizzazioni del processore e creando Position Independent Code (PIC), che può essere ridistribuito. Il risultato garantirebbe migliori prestazioni e latenze in avvio.

L’idea è tuttora in embrione e, nonostante Ubuntu 12.10 sia previsto per ottobre, la creazione dell’infrastruttura necessaria potrebbe non essere pronta per Quantal Quetzal. Non è neppure detto che Canonical decida davvero d’adottare la proposta. Tuttavia, per Ubuntu sarebbe una grande innovazione: peccato soltanto che serva Mono.

Via | Phoronix

Canonical valuta l’utilizzo di Mono per “snellire” il boot di Ubuntu é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di lunedì 14 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
12

Electronic Arts distribuisce i giochi su Ubuntu, ma sono già sul web

 

Mi piace +1 Tweet

Electronic Arts (EA)Electronic Arts (EA) ha tenuto il proprio intervento di un quarto d’ora all’Ubuntu Developer Summit (UDS) di Oakland, organizzato da Canonical per Quantal Quetzal. Il risultato non è granché entusiasmante: la società ha annunciato la distribuzione di due videogiochi attraverso il Software Center — disponibili per Precise Pangoline.

Purtroppo, non è avvenuto il porting per Linux: i giochi “scaricabili” – se così si può dire – sono Command & Conquer – Tiberium Alliances e Lord of Ultima. Entrambi gratuiti, sono giocabili online dal browser: per non essere volgari, è una presa in giro. Le reazioni degli utenti di Ubuntu, però, non sono state altrettanto negative.

Ad annunciare i risultati della partnership è stato Jono Bacon che ha ricevuto una serie di commenti positivi: l’importante è che EA si dedichi a Linux – e, in particolare, a Ubuntu – a prescindere da come lo faccia. Le premesse erano completamente diverse. Al momento, è difficile pensare al Software Center come a Origin per Linux.

Via | Jono Bacon

Electronic Arts distribuisce i giochi su Ubuntu, ma sono già sul web é stato pubblicato su Ossblog.it alle 14:00 di sabato 12 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
08

Canonical è prossima a raggiungere il 5% del mercato grazie a Ubuntu

 

Mi piace +1 Tweet

Canonical, Ltd.Ubuntu raggiungerà i 18 milioni di installazioni, ovvero il 5% del mercato globale dei computer, entro il prossimo anno. È la statistica offerta da Chris Kenyon – responsabile delle vendite di Canonical – all’Ubuntu Developer Summit (UDS) di Oakland, dedicato a Quantal Quetzal. Una cifra consistente, che lascia qualche perplessità.

Non esistono certezze, infatti, sulla permanenza della distribuzione nei dispositivi venduti dagli Original Equipment Manufacturer (OEM) che collaborano con Canonical. Tuttavia, a prescindere dalle cifre, la società s’appresta ad aprire la prima succursale cinese in Pechino — in aggiunta alla sede di Taipei, già inaugurata nel 2008.

L’obiettivo di Mark Shuttleworth è raggiungere i 200 milioni di utenti entro il 2015, ma il fondatore di Canonical non ha aggiornato sui progressi di quest’espansione dallo scorso UDS-P. In ogni caso la società ha guadagnato $7.5 miliardi soltanto grazie alla vendita di computer con Ubuntu preinstallato. Un successo incontestabile.

Via | Phoronix

Canonical è prossima a raggiungere il 5% del mercato grazie a Ubuntu é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di martedì 08 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
04

Electronic Arts sarà all’Ubuntu Developer Summit per Quantal Quetzal

 

Mi piace +1 Tweet

Electronic Arts (EA)Electronic Arts (EA), la popolare società di videogiochi per computer, parteciperà all’Ubuntu Developer Summit (UDS) di Quantal Quetzal — lunedì 7 maggio a Oakland, in California. L’intervento durerà appena quindici minuti nel corso dei quali dovrebbe presentare un piano per il porting di alcuni giochi su Linux dal Software Center.

Stando alle indiscrezioni trapelate dagli uffici di EA, la società non sarebbe interessata a supportare altre distribuzioni e – almeno, inizialmente – non renderà disponibile Origin su Linux. Il Software Center di Ubuntu sarà l’unico app store dove acquistare i titoli tradotti e il primo gioco dovrebbe essere distribuito in ottobre.

È un’opzione più limitata, rispetto a quella di Valve. Ad ogni modo, Canonical conquista un altro successo nella scalata al mainstream: la stessa Valve sviluppa il proprio prototipo di Left 4 Dead su Ubuntu 12.10. Non mi stupirei se il primo titolo di EA per Linux fosse Dead Space, ma non esistono ancora dettagli a questo riguardo.

Via | Phoronix

Electronic Arts sarà all’Ubuntu Developer Summit per Quantal Quetzal é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di venerdì 04 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
26

Ubuntu 12.10: roadmap e aggiornamento grafico

 

Mi piace +1 Tweet

Il suo codename è stato rivelato appena due giorni fa, ma nella rete si parla già di quelle che saranno le novità di questa nuova versione della distro Canonical, Ubuntu 12.10. Ad ora, non si hanno novità riguardo novità puramente tecniche, ma una cosa è certa: avremo un sostanziale aggiornamento per quel che riguarda l’estetica della distro.

È quello che possiamo evincere dal lungo post scritto da Mark Shuttleworth, patron di Canonical, in occasione dell’annuncio del nuovo codename di Ubuntu 12.10, Quantal Quetzal. Ubuntu 12.10 sarà l’inizio di un ciclo di quattro rilasci, che avrà compimento con il rilascio di Ubuntu 14.10 LTS e avremo principalmente un perfezionamento del font Ubuntu e grazie ad uno studio condotto in collaborazione con l’Università di Reading un perfezionamento del look delle applicazioni e delle interfacce per l’intera piattaforma.

Insieme a questo annuncio che farà sicuramente felici molti utenti, abbiamo anche l’annuncio ufficiale della roadmap per questo ciclo di sviluppo, Ubuntu 12.10 arriverà il prossimo 18 Ottobre. Durante il suo sviluppo avremo ben tre versioni alpha e due versioni beta. Finalmente Canonical ha deciso di dare la giusta importanza all’estetica e prepara il tanto atteso rinnovamento grafico, forse atteso da troppo tempo.

Via | Mark Shuttleworth

Ubuntu 12.10: roadmap e aggiornamento grafico é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di mercoledì 25 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
25

Ubuntu 12.10: roadamp e aggiornamento grafico

 

Mi piace +1 Tweet

Il suo codename è stato rivelato appena due giorni fa, ma nella rete si parla già di quelle che saranno le novità di questa nuova versione della distro Canonical, Ubuntu 12.10. Ad ora, non si hanno novità riguardo novità puramente tecniche, ma una cosa è certa: avremo un sostanziale aggiornamento per quel che riguarda l’estetica della distro.

È quello che possiamo evincere dal lungo post scritto da Mark Shuttleworth, patron di Canonical, in occasione dell’annuncio del nuovo codename di Ubuntu 12.10, Quantal Quetzal. Ubuntu 12.10 sarà l’inizio di un ciclo di quattro rilasci, che avrà compimento con il rilascio di Ubuntu 14.10 LTS e avremo principalmente un perfezionamento del font Ubuntu e grazie ad uno studio condotto in collaborazione con l’Università di Reading un perfezionamento del look delle applicazioni e delle interfacce per l’intera piattaforma.

Insieme a questo annuncio che farà sicuramente felici molti utenti, abbiamo anche l’annuncio ufficiale della roadmap per questo ciclo di sviluppo, Ubuntu 12.10 arriverà il prossimo 18 Ottobre. Durante il suo sviluppo avremo ben tre versioni alpha e due versioni beta. Finalmente Canonical ha deciso di dare la giusta importanza all’estetica e prepara il tanto atteso rinnovamento grafico, forse atteso da troppo tempo.

Via | Mark Shuttleworth

Ubuntu 12.10: roadamp e aggiornamento grafico é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di mercoledì 25 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
24

Ubuntu 12.10 sarà Quantal Quetzal, Fedora 18 sarà soltanto Fedora 18

 

Mi piace +1 Tweet

QuetzalMark Shuttleworth ha annunciato il nome del prossimo rilascio della distribuzione di Canonical: Ubuntu 12.10 sarà Quantal Quetzal — una specie di “scioglilingua”, che significa Trogone Quantico. Il quetzal (trogone, in italiano) è un simpatico uccello sudamericano – simbolo del Guatemala – dai colori vivaci, se è di sesso maschile.

L’aggettivo quantico deriverebbe dalla versatilità sul cloud computing della distribuzione. Shuttleworth non ha perso l’occasione di smorzare le discussioni sul passaggio a systemd di Ubuntu: l’init sarà ancora gestito da Upstart perché, come nella scelta del nome, «non è una democrazia». Anche Fedora sta scegliendo il release name.

Richard Huges, quanto al sondaggio sul nome di Fedora 18, ha un approccio opposto a quello di Shuttleworth: i release name sono «una perdita di tempo» e Beefy Miracle – nome in codice di Fedora 17 – è ridicolo per la distribuzione. Molti non sono d’accordo, ma ha ragione a sostenere che Fedora è identificata dal numero di versione.

Fotografia | Wikipedia

Ubuntu 12.10 sarà Quantal Quetzal, Fedora 18 sarà soltanto Fedora 18 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di martedì 24 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top