giu
21

CollabNet Subversion Edge

 

CollabNet ha rilasciato una versione integrata e certificata di Subversion chiamata CollabNet Subversion Edge.

Oltre a subversion, donato tempo fa all’Apache Software Foundation, è presente il web server Apache ed il visualizzatore web per repository ViewVC. Tutto il sistema è stato confezionato per rendere l’installazione, la configurazione e l’amministrazione dei pacchetti il più semplice possibile.

Gli utenti non avranno più bisogno di un amministratore, ma potranno effettuare tutte le operazioni da web e riceveranno una notifica quando sarà disponibile una nuova versione. Subversion Edge è rilasciato sotto licenza AGPLv3. Per maggiori informazioni potete seguire il video introduttivo.

Via | Collab

CollabNet Subversion Edge é stato pubblicato su ossblog alle 15:32 di lunedì 21 giugno 2010.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
07

SVN: una seconda implementazione del post-commit per progetti web

 

Attivati subito


 Powered by Max Banner Ads 

Una seconda implementazione dello script di post-commit è stata implementata causa bug trovati successivamente e quindi sono stato costretto a rivedere anche lo script per facilitare il bug-fixing.

Di seguito lo script nelle sue varie parti:

#!/bin/sh

#cd /var/www/htdocs/projectsvn/htdocs
#/usr/bin/svnlook dirs-changed /var/local/projectsvn |/usr/bin/xargs /usr/bin/svn up -N {} –username user –password password >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#error_code=`/bin/echo “$?”`
#/bin/echo “Error_code: $error_code” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#if [ "$error_code" != 0 ]; then
#    /bin/echo “[Error] ERROR on $LINENO” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#    #exit 1
#fi

### update su directory
##/usr/bin/svnlook dirs-changed /var/local/projectsvn| /usr/bin/awk ‘{print “/var/www/htdocs/projectsvn/htdocs/”$1}’ |/usr/bin/xargs /usr/bin/svn up -N –username user –password password
#cd /var/www/htdocs/projectsvn/htdocs
#/usr/bin/svnlook dirs-changed /var/local/projectsvn| /usr/bin/xargs /usr/bin/svn up -N –username user –password password >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#error_code=`/bin/echo “$?”`
#/bin/echo “Error_code: $error_code” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#if [ "$error_code" != 0 ]; then
#    /bin/echo “[Error] ERROR on $LINENO” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
#    #exit 1
#fi
### END update su directory

### update su singolo file
/usr/bin/svnlook changed /var/local/projectsvn| /bin/sed “s/^….//” | /usr/bin/awk ‘{print “/var/www/htdocs/projectsvn/htdocs/”$1}’ |/usr/bin/xargs /usr/bin/svn up –username user –password password >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
error_code=`/bin/echo “$?”`
/bin/echo “Error_code: $error_code” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
if [ "$error_code" != 0 ]; then
    /bin/echo “[Error] ERROR on $LINENO” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
    #exit 1
fi
### END update su singolo file

/bin/echo “—————————————————-” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$

#Invio mail
AUTHOR=`/usr/bin/svnlook author    /var/local/projectsvn`;

echo “Upgrade to revision by $AUTHOR” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
/usr/bin/svnlook changed /var/local/projectsvn >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$

mail -s “Projectsvn update from $AUTHOR” user@dominio.it -a “From: svn update <userfrom@dominio.it>” -a “Return-Path: userfrom@dominio.it” < /var/tmp/svn.mail.01.$$$

if [ -e /var/tmp/svn.mail.01.$$$ ]; then
    rm -f /var/tmp/svn.mail.01.$$$
fi

In quest’ultimo caso sono stati inseriti dei codici di controllo al fine di controllare che la procedura vada a buon fine.
Quale ad esempio la parte inerente l’error_code. Tutte queste parti possono essere disattivate in un secondo tempo, insieme all’invio della mail.

Technorati Tags: svn, svnlook, subversion

Related posts:

  1. SVN: una prima implementazione del post-commit per progetti web
  2. mysqldump e i permessi dell’utente per poter fare un dump di una tabella
  3. Spedire una mail con un allegato testo via shell Linux

Articoli correlati elaborati dal plugin Yet Another Related Posts.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

SVN: una prima implementazione del post-commit per progetti web

 


 Powered by Max Banner Ads 

Nel dover gestire dei progetti web utilizzando SVN (SubVersion) è utile abilitare un hook (il post-commit in particolare) che faccia un update del progetto web e in particolare della copia che sarà visibile via HTTP formulando la URL del progetto.
Un primo script è il seguente che in sostanza fa un update per ogni commit del repository.

host:~$ cat /var/local/projectsvn/hooks/post-commit
#!/bin/sh
/usr/bin/svn update /var/www/htdocs/projectsvn/htdocs –username user –password password

Un altro script, che io preferisco, invece si occupa di fare l’update delle singole directory che vengono aggiornate mediante la utility svnlook ed è il seguente:

host:~$ cat /var/local/projectsvn/hooks/post-commit
#!/bin/sh
/usr/bin/svnlook dirs-changed /var/local/projectsvn| /usr/bin/awk ‘{print “/var/www/htdocs/projectsvn/htdocs/”$1}’ |/usr/bin/xargs /usr/bin/svn up -N –username user –password password

dove la directory /var/local/projectsvn sarebbe il repository del progetto, mentre la directory /var/www/htdocs/projectsvn/htdocs/ sarebbe la directory della cosiddetta working copy. In soldoni non viene fatto l’update ricorsivo del progetto ma solo delle singole directory che restituisce la parte /usr/bin/svnlook dirs-changed /var/local/projectsvn.

In ultimo può essere comodo controllare che lo script sia funzionante magari implementando anche l’invio di una mail. Come ad esempio con il seguente script:

#Invio mail
AUTHOR=`/usr/bin/svnlook author    /var/local/bakecasvn`;

echo “Upgrade to revision by $AUTHOR” >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$
/usr/bin/svnlook changed /var/local/projectsvn >> /var/tmp/svn.mail.01.$$$

mail -s “Projectsvn update from $AUTHOR” user@dominio.it -a “From: svn update <userfrom@dominio.it>” -a “Return-Path: userfrom@dominio.it” < /var/tmp/svn.mail.01.$$$

if [ -e /var/tmp/svn.mail.01.$$$ ]; then
        rm -f /var/tmp/svn.mail.01.$$$
fi
#END Invio mail

Technorati Tags: svn, svnlook, subversion

Related posts:

  1. NFS, condivisione di file ed eventuali permission denied
  2. mysqldump e i permessi dell’utente per poter fare un dump di una tabella
  3. Spedire una mail con un allegato testo via shell Linux

Articoli correlati elaborati dal plugin Yet Another Related Posts.


Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
19

Subversion ora è un Apache Top-Level Project

 

La Board of Directors dell’Apache Software Foundation ha approvato una risoluzione per trasformare Subversion in un progetto Apache a tutti gli effetti.

Mettendo fine al periodo di “incubazione” durata solo qualche mese si passa ad una nuova gestione il cui primo effetto tangibile potrebbe essere quello di veder uscire Subversion 1.7 un po’ prima di quanto preventivato, cioè quest’estate.

Un’ottima notizia per un SCM come subversion che nell’ultimo periodo sta soffrendo un po’ la concorrenza di mercurial e git.

Via | Wandisco


Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
12

Subversion – compilare l’ultima versione disponibile

 

Durante la mia esperienza lavorativa, ho notato che molte distribuzioni (Centos in primis) non hanno nei loro repositories l’ultima versione di subversion (svn).

Per esempio, in Fedora 12, l’ultima release disponibile è la 1.6.6 (ultima) mentre su Centos 5.3 (usata molto sui server per l’hosting e servizi web) c’è la 1.4.2.


Questo è molto limitativo in quanto nell’ultima versione hanno migliorato molto il codice e la velocità, nonché il supporto per altri protocolli.

Di seguito uno script per eseguire la compilazione diretta di subversion dai suoi sorgenti.

#installiamo, se ce ne fosse bisogno, i compilatori
yum install -y gcc make

#rimuoviamo l’eventuale versione attuale
yum remove subversion

#prima di dare l’ok per l’eliminazione, controllare se non ci siano dipendenze tipo mod_svn per apache
#se esse ci sono bisogna rimuovere il pacchetto tramite ‘rpm’ in questo modo:
# rpm -e `rpm -qa | grep subversion`

#prima di procedere, bisogna installare le librerie openssl-devel per i certificati di sicurezza
yum install -y openssl openssl-devel

#cominciamo spostandoci nella cartella adibita (non è detto :) ai sorgenti
cd /usr/src

# scarichiamo ed estraiamo l’ultima versione di subversion
wget http://subversion.tigris.org/downloads/subversion-1.6.6.tar.gz
tar zxvf subversion-1.6.6.tar.gz
cd subversion-1.6.6

# scarichiamo, estraiamo e spostiamo il pacchetto delle dipendenze
wget http://subversion.tigris.org/downloads/subversion-deps-1.6.6.tar.gz
tar zxvf subversion-deps-1.6.6.tar.gz
mv subversion-1.6.6/* .
rm -rf subversion-1.6.6

#configuriamo zlib (non lo compiliamo adesso)
cd zlib/
./configure –shared
cd ..

#compiliamo subversion
./configure  –prefix=/usr CPPFLAGS=”-Izlib/ -Lzlib/” –with-ssl
make
make install

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
05

Subversion, anche lui dentro all Apache Software Foundation

 

Il progetto Subversion, sponsorizzato da Collabnet, sta per entrare sotto l’ombrello dell’Apache Software Foundation come recentemente è successo anche per Yahoo Traffic.

Durante il periodo di incubazione il progetto continuerà ad essere sponsorizzato da Collabnet ed ospitato su http://subversion.tigris.org/. Secondo il presidente della fondazione, Justin Erenkrantz, si tratta di una scelta naturale poiché subversion utilizza libreria del progetto apache ed è utilizzato abbondantemente da altri software di ASF come Ant e Maven.

Il Ceo di Collab, Bill Portelli, ha detto che il trio Tomcat/Subversion/Maven diventerà un punto di riferimento all’interno della comunità Java.

Via | Apache

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
02

Soulseek client per Linux (nicotine+)

 


Grazie a un tweet di A_G ho riscoperto la rete Soulseek.

Per linux e disponibile il client nicotine+, ecco come utilizzare la versione piu recente:

(sul sistema deve essere installato il pacchetto subversion)

Scaricare i sorgenti di Nicotine nella directory nicotine+/

svn checkout http://nicotine-plus.org/svn/trunk/nicotine+ nicotine+

Spostarsi nella nuova directory nicotine+

cd nicotine+

Eseguire la versione di nicotine appena scaricata

./nicotine

Scaricare una release specifica di Nicotine+

svn checkout http://nicotine-plus.org/svn/tags/X.X.X/nicotine+ nicotine+

Sostituisci X.X.X con il numero di release richiesto

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
13

Installare un Server SVN su ubuntu

 

Installare e gestire un server svn sulla nostra ubuntu è molto semplice. Se non sai cos’è svn ti consiglio di leggere un mio vecchio post sull’argomento.

Quello che noi installeremo è un modulo del web server apache, quindi installiamo sia apache (se non lo avete già) che il modulo svn, nella finestra del terminale digitiamo:

sudo apt-get install apache2 subversion libapache2-svn

Alla fine dell’installazione dovremmo abilitare il modulo con il comando a2enmod:

sudo a2enmod dav_svn

Per questo esempio io scelgo di collocare il repository nella directory /svn del filesystem, voi siete liberi di scegliere un qualsiasi altro percorso. Digitiamo nel terminale:

sudo svnadmin create /svn

Il repository è stato creato, adesso bisogna abilitarlo e configurarlo. Apriamo il file di configurazione per modificarlo:

sudo gedit /etc/apache2/mods-enabled/dav_svn.conf

La riga dove c’è scritto location deve essere riscritta in questo modo:

<Location /svn>

Questo dice ad apache che il nostro server sarà raggiungibile all’indirizzo http://localhost/svn

Adesso dobbiamo decommentare alcune stringhe del file, per decommentarle basterà togliere il simbolo di cancelletto ‘#’ dalle seguenti righe:

DAV svn
SVNPath /svn

Se salvate il file e riavviate apache tutto dovrebbe funzionare, tuttavia se volete rendere il vostro server più sicuro tramite un’autenticazione di base dovete anche decommentare queste stringhe:

AuthType Basic
AuthName "Subversion Repository"
AuthUserFile /etc/apache2/dav_svn.passwd

Salvate il file ed ora creiamo l’utente che avrà accesso al repository:

sudo htpasswd -cm /etc/apache2/dav_svn.passwd tuonomeutente

Verrà chiesto di inserire una password. L’opzione -c si usa solo per configurare il primo utente registrato, l’opzione -m server a criptare la password con l’algoritmo md5.

Diamo ad apache i permessi di lettura e scrittura al repository:

sudo chown -R www-data /svn

E riavviamo apache:

sudo /etc/init.d/apache2 restart

Adesso verificate se il server funziona andando con il browser all’indirizzo http://localhost/svn capirete da soli se tutto è andato ok.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
27

Emuliamo open moko sul nostro pc

 

Popularity: 11% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
06

Installazione: cPanel + Subversion + Apache 2

 

Mi è capitato per lavoro di installare una vps con cPanel con delle particolari richieste:

Installazione dei seguenti moduli:

  • Subversion client
  • Subversion server
  • Modulo di svn in apache

Per effettuare tale operazione, basta seguire questi passi:

#install perl-URI and subversion client/lib

wget “ftp://rpmfind.net/linux/redhat/9/en/os/i386/RedHat/RPMS/perl-URI-1.21-7.noarch.rpm”
yum -y install subversion
cd /var/
mkdir -p repo/source/
svnadmin create /var/repo/source

#install apache
cd /usr/src/
rm -rf httpd*
wget “ftp://mirror.nohup.it/apache/httpd/httpd-2.2.6.tar.gz”
tar zxvf httpd-2.2.6.tar.gz
cd httpd-2.2.6
./configure –prefix=/usr/local/apache_svn –with-port=2080 –enable-dav –enable-dav-fs –enable-proxy –enable-rewrite –enable-so –with-included-apr
make
make install

#install apr and apr-util
cd /usr/src/
rm -rf apr*
wget “http://apache.panu.it/apr/apr-1.2.12.tar.gz”
tar zxvf apr-1.2.12.tar.gz
cd apr-1.2.12
./configure
make
make install

cd /usr/src/
wget “http://apache.panu.it/apr/apr-util-1.2.12.tar.gz”
tar zxvf apr-util-1.2.12.tar.gz
cd apr-util-1.2.12
./configure –with-apr=/usr/local/apr/
make
make install

#install subversion
yum info subversion | grep “Version:” | cut -d ” ” -f 2-2
cd /usr/src/
rm -rf subversion*
wget http://subversion.tigris.org/downloads/subversion-`yum info subversion | grep “Version:” | cut -d ” ” -f 2-2`.tar.gz
tar zxvf subversion-*
cd subversion-*
./configure –with-apxs=/usr/local/apache_svn/bin/apxs –with-apr=/usr/local/apr/ –with-apr-util=/usr/local/apr/
make
make install

A seguito, far partire apache: /usr/local/apache_svn/bin/apachectl start
Quando ci serve un reposity svn basta mettere gli entry in httpd.conf dell’apache appena installato, del tipo:

<location>

DAV svn
SVNPath /var/repo/source
AuthzSVNAccessFile /var/repo/conf/svnpolicy
AuthType Basic
AuthName “Imthiaz Subversion repository”
AuthUserFile /var/repo/conf/svnusers
Require valid-user

</location>

Howto ottimizzato e modificato rispetto all’originale.

Tags: , , , , , , , , ,

Tags

,
,

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top