mag
27

Lo smartphone di Facebook, prima o poi, esisterà e utilizzerà Linux

 

Mi piace +1 Tweet

Facebook for MobileLo smartphone di Facebook, un prodotto che ricompare nei rumor a intervalli regolari, è davvero in progetto: lo conferma un’anonima fonte di Michael Larabel. In un certo periodo – complice la partnership del social network con Microsoft – si pensava che il dispositivo avrebbe proposto Windows Phone. A quanto pare utilizzerà Linux.

Non esistono dettagli sulla formula: lo smartphone potrebbe installare un fork di Android oppure utilizzare il kernel di Linux con un’interfaccia grafica personalizzata. È un dettaglio relativo, considerando che il dispositivo avrebbe un mercato potenziale di 900.000.000 di utenti. Numeri che non possono certo essere sottovalutati.

Personalmente, non acquisterei un device gestito da Facebook per una lunga serie di motivazioni. Ma, se le indiscrezioni saranno confermate, per Linux potrebbe essere l’ennesimo successo: il social network (a prescindere dalle altre implicazioni) contribuisce all’open source con vari progetti, da HipHop for PHP ai moduli di MySQL.

Via | Phoronix

Lo smartphone di Facebook, prima o poi, esisterà e utilizzerà Linux é stato pubblicato su Ossblog.it alle 17:00 di domenica 27 maggio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
11

EMeSeNe introduce la possibilità di “connettersi” coi social network

 

Mi piace +1 Tweet

EMeSeNeEMeSeNe, la popolare alternativa open source a Windows Live Messenger, ha in progetto d’estendersi maggiormente sui social network. Andrea Stagi ha pubblicato un resoconto del proprio lavoro, illustrando le opportunità di EMeSeNe nel dialogo con le Application Programming Interface (API) di piattaforme come Facebook oppure Google+.

In particolare, Stagi è al lavoro sul recupero dei messaggi privati di Facebook con EMeSeNe: l’applicazione permette già d’utilizzare la chat del social network o GTalk grazie al plugin per il protocollo XMPP. Le novità riguardano altri aspetti della comunicazione, dall’invio di posta elettronica all’impostazione delle foto–profilo.

Quanto ha realizzato Stagi con Facebook può essere predisposto anche per Google+ o altri social network. Non si tratta di creare delle estensioni, bensì di ristrutturare EMeSeNe in una nuova direzione: gli sviluppatori interessati a collaborare sul progetto in Python sono i benvenuti. Diventerà un’applicazione più simile a Gwibber?

Via | EMeSeNe

EMeSeNe introduce la possibilità di “connettersi” coi social network é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di domenica 11 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
08

Work for Pie, una piattaforma per i curriculum vitæ sull’open source

 

Mi piace +1 Tweet

Work for PieWork for Pie è un social network dedicato ai programmatori che vogliono mettersi in mostra per essere assunti. È un ibrido fra Klout, la piattaforma che misura il livello d’influenza sul web, e LinkedIn, il portale per le assunzioni. Gli avvisi e gli aggiornamenti proposti da Work for Pie sono ridotti al minimo per evitare lo SPAM.

Il portfolio redatto da Work for Pie somma il recupero dei commit effettuati su GitHub e Bitbucket all’attività su Stack Overflow. Il curriculum vitæ può essere completato dalle informazioni fornite al profilo di LinkedIn, qualora fosse stato connesso a Work for Pie, e gli utenti ricevono un punteggio basato sulle operazioni svolte.

Il social network è stato appena completato e, di conseguenza, alcune popolari piattaforme per l’hosting dei progetti open source potrebbero ancora risultare assenti. Work for Pie è uno strumento interessante per condividere le proprie esperienze di programmazione e, magari, ottenere un giusto riconoscimento nell’ambito lavorativo.

Via | The Next Web

Work for Pie, una piattaforma per i curriculum vitæ sull’open source é stato pubblicato su Ossblog.it alle 19:00 di giovedì 08 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
10

LinkedIn aggiunge l attività su GitHub come competenza professionale

 

LinkedInLinkedIn, il social network dedicato alla condivisione d’esperienze e titoli professionali, ha integrato l’attività svolta su GitHub tra le competenze segnalabili sui profili. La scelta, tra gli hosting riservati allo sviluppo con Git, è ricaduta su GitHub perché ospita più di 1,8 milioni di progetti con oltre 600.000 utenti attivi.

L’integrazione di GitHub per LinkedIn avviene in forma d’applicazione: una volta aggiunta, questa chiede di autorizzare l’accesso alle informazioni del profilo su GitHub. L’associazione degli account permette di controllare quali sono i progetti in corso nella propria rete di contatti e di mostrare i progressi realizzati su GitHub.

La sincronizzazione degli eventi di GitHub su LinkedIn è speculare: scegliendo di seguire un progetto rintracciato da LinkedIn, il “watch” sarà salvato anche sul profilo di GitHub. Lo stesso vale per i contatti appartenenti alla propria rete o ai gruppi cui si è iscritti su LinkedIn. È un’opportunità per mostrare il proprio lavoro.

Via | GitHub

LinkedIn aggiunge l attività su GitHub come competenza professionale é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di giovedì 10 marzo 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
19

fatevi localizzare grazie a facebook!

 

I'm here!

Siete in vacanza? Volete farlo sapere a tutti ladri compresi? oppure siete dalla vostra amante e non resistete al desiderio di diffondere la notizia?
Da oggi in poi ci pensa “Facebook Luoghi“!

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
29

PeerBook, un social network P2P dalla Scozia

 

United College University of St. AndrewsGli studenti dell’università scozzese di St. Andrews stanno lavorando a un social network basato sulla tecnologia P2P. PeerBook non è ancora disponibile pubblicamente, nonostante gli sviluppatori sostengano che sia già entrato in una fase avanzata dello sviluppo. Rispetto ad altri progetti la novità di PeerBook è nella struttura priva di server cui appoggiarsi per la trasmissione dei dati personali.

PeerBook sfrutta Chord per la costruzione del network attraverso il quale distribuire le informazioni. Gli utenti dovranno scaricare un’applicazione, molto probabilmente in Java, con cui collegarsi alla rete e condividere messaggi privati, fotografie ed eventi. I contenuti sono crittografati tanto per chi invia, quanto per chi riceve con un sistema ibrido per garantire la sicurezza delle trasmissioni.

L’idea alla base di PeerBook non è del tutto nuova e in qualche modo è già stata utilizzata da Osiris, una specie di CMS peer-to-peer. Gli sviluppatori di PeerBook sono convinti che il futuro dei social network sia nel P2P e si augurano che anche Diaspora usi la stessa tecnologia perché le reti un domani possano interagire. La soluzione sarebbe un protocollo aperto cui tutti i progetti confluiscano.

Foto | Wikipedia

PeerBook, un social network P2P dalla Scozia é stato pubblicato su ossblog alle 10:30 di martedì 29 giugno 2010.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
18

youfeed 0.2.1

 

Jammy stamani mi ha mandato una nuova versione di youfeed, lo sviluppo continua :D

Dopo avergli segnalato l’impossibilità di poter inserire like e commenti nei post, visualizzandoli all’interno di un gruppo, si è messo al lavoro e stamani mi sono ritrovato una sua mail con l’apk aggiornato alla versione 0.2.1, vediamo il changelog:

Bug Fixed in 0.2.1
  1. Fixed comment & Like options missing in Group feeds
New  Features in 0.2.1
  1. adding “refresh thumbnails” option to entry list context menu an single entry option menu. use it to refresh thumbnails if it don’t show correctly

Fino ad ora dalla 0.1.0 non ho mai avuto problemi con le thumbnail dei contenuti dei post visualizzati in home page, ma è cmq utile la funzione che, tramite tocco prolungato in home page, fa apparire varie funzioni in un menu contestuale tra cui refresh thumbnail appunto, una specie di refresh page ma solo per le miniature, molto utile per chi usa tariffe a consumo (non ti costringe a refreshare l’intero feed infatti).

Coming Soon(maybe in ver.0.3):

  1. a new way to edit “To” field of post entry page
  2. full group list for navigation
  3. user profile page and group info page , subscribe / unsubscribe user/group functions

Dopo che abbiamo visto la 0.2.0 abbiamo fatto altre richieste tra cui quella del punto 1, per adesso infatti non è possibile aprire un topic modificando il campo to inserendo un contatto personale, per adesso si possono inserire solo gruppi.

Il punto due imho può essere un arma a doppio taglio, adesso youfeed fa vedere solo i gruppi settati come preferiti, evidentemente qualcuno gli ha chiesto di far vedere tutti i gruppi, che se parliamo di 4/5 gruppi ok, chi ha decine di gruppi può ritenere la cosa un pò fastidiosa.

Il punto 3 invece è utilissimo, con la 0.3.0 Jammy renderà possibile la visualizzazione delle info personali degli utenti e la possibilità di sottoscrivere o cancellarsi dal feed di quella persona, stessa cosa dicasi per i gruppi ovviamente.

appena installata ho avuto un pò di problemi col login, nonostante la remotekey fosse giusta non voleva loggarsi, alla fine ho risolto aggiungendo uno spazio alla fine della remotekey (!) va beh roba di poco conto. Per il resto questa 0.2.1 va che è una meraviglia, lo sviluppo Jammy lo sta conducendo in maniera precisa e veloce, sono ben speranzoso che presto verrà rilasciata per l’intero universo android la prima stable release. :)

Related posts:

  1. Youfeed – killer app di android per friendfeed
  2. Inizia la migrazione

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
15

Youfeed – killer app di android per friendfeed

 

Gli utenti androide muniti che frequentano il celebre social network friendfeed sono al corrente che al momento una buona applicazione per interagire coi propri contatti non esiste…

E Jammy Lee lo sa bene, per questo si è messo a sviluppare un applicazione per noi friendfeeders.

L’ho scoperto quasi per caso, uno dei miei contatti fece un forward di un suo messaggio nella stanza dedicata ad android e da allora iniziai a seguirlo con interesse, finchè finalmente Jammy non fece richiesta di “beta tester” per avere una mano nello sviluppo, fu cosi che entrai nel suo progetto ed iniziati a provare youfeed.

Graficamente potrebbe sembrare spartana o addirittura poco curata agli utenti abituati ad applicazioni più fancy, ma youfeed si fa notare sin da subito per le funzionalità.

La grafica “spartana” rende l’applicazione parecchio leggera, ovviamente ci sono alcuni crash ma essendo ancora in fase beta è comprensibile, l’applicazione infatti non la troverete in nessun market per adesso, in quanto non è stata rilasciata.

Di recente Jammy ha rilasciato però, per noi tester, la versione 0.2.0 che introduce alcune features, alcune delle quali le ho richieste io per cercare di rendere l’applicazione il più funzionale possibile, features come quella di rendere visibile l’applicazione dal menu “condividi” android cosi da poter condividere al volo contenuti web (cliccare per vedere l’immagine).

Con la versione 0.2.0 è stata introdotta la possibilità di far scorrere col tocco il frame dedicato ai commenti di un thread in modo da rendere più visibile il contenuto od i commenti in base a ciò che ci serve (cliccare per vedere l’immagine)

Rimangono alcune lacune, ad esempio io ed altri utenti abbiamo notato come fosse impossibile piazzare commenti e like ai thread, visualizzandoli però nel gruppo di appartenenza, questo bug scompare se il thread viene visualizzato in home page, stranamente questo problema sembra riguardare solo alcuni dispositivi ed è già sotto indagine, probabilmente con la prossima beta release verrà risolto.

Insomma è una ottima applicazione che promette molto bene, su friendfeed sta riscuotendo un successo non indifferente, restiamo sintonizzati quindi per seguirne gli ulteriori sviluppi, non appena Jammy ci rilascerà nuove versioni da testare ovviamente vi aggiornerò.

Related posts:

  1. Va dove ti porta android
  2. Simpatico bug di Android
  3. Il fascino di Android coinvolge anche OpenMoko

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
19

Il talent show dei social network

 

Carissimi, è con immenso piacere che oggi vi vorrei parlare di una nuovissima iniziativa del web tutta italiana!
Dopo America s got talent, Italia s got talent e Britain s got talent (che ha dato fam
a e notorietà a quella cessa di Susan Boyle) non poteva di certo mancare un appuntamento dedicato ai nuovi talenti del web:

Hai un talento nascosto? Sai cantare, ballare, hai voglia di metterti in gioco e pensi di meritare i tuoi 5 minuti di celebrità? Benissimo, è super-semplicissimo, entra in Meemi  (il social network italiano motivo del mio orgoglio) e posta il tuo video corredandolo con il tag #sgts   - Verrai giudicato da una giuria composta da 5 temibili e potrai finalmente essere tu il nuovo talento del web!

Per entrare a far parte di Meemi, ci vogliono solo 10 secondi , e per postare il tuo video altri 5, non ci credi?


Anche io abbandonando la timidezza che mi contraddistingue, ho deciso di parteciparvi insieme alla mia  panzAllegra in qualità di maestro della spada, e tu? chi aspetti?

Social s got Talents nasce da un idea del vulcanico Merlinox e dal geniale Enrico Capobecchino creatore e padrone di casa di Meemi!

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
02

Seesmic Look – una finestra sul mondo di Twitter

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
01

Red Hat: OpenSource.com per evolvere l open source

 

OpenSource.com Non è certo per rispondere alla nuova community di MSDN che Red Hat ha inaugurato in questi ultimi giorni OpenSource.com — un portale destinato alle conversazioni sull’open source a 360°: al contrario, la concomitanza delle presentazioni appare del tutto fortuita. Diversi sono pure i motivi alla base dell’apertura dei due siti: quello di Red Hat non riguarda specificatamente un’applicazione.

In primo luogo OpenSource.com è completamente “aperto” anche nella tecnologia alle sue spalle: ospitato dalla nota piattaforma EC 2 di Amazon si appoggia su Acquia Drupal ed è installato su un web server Apache con database MySQL e ovviamente sistema operativo Red Hat Enterprise Linux. Sono gli stessi amministratori a sottolinearlo, nel caso qualcuno avesse dei dubbi.

Secondariamente l’apertura è nell’estrema duttilità della sua natura: ciò che sarà di OpenSource.com dipende principalmente dall’utilizzo che intenderanno farne i suoi utenti. Red Hat ha messo la piattaforma a disposizione dell’intera comunità, cominciando a stimolare il dibattito con alcuni interventi — ma a determinarne il successo saranno i suoi membri, chiamati a esprimersi su cosa/come debba diventare lo stesso portale.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
26

Free Tutorial For.. – Un sito che raccoglie fino a 38 milioni di tutorial gratuiti

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
16

Kopete-Facebook plugin arriva alla versione 0.1.4

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
14

Facebook Chat plugin per Pidgin su Ubuntu

 
Chattare con gli amici di facebook con pidgin

Chattare con gli amici di facebook con pidgin

Tempo fa già vi parlai della possibilità di utilizzare la chat di facebook e chattare con i propri amici o contatti senza dover per forza collegarsi alla homepage di facebook. Oggi nel dettaglio vi propongo un plugin per pidgin che aggiungerà la funzione di chat per facebook con il nostro account.

Collegatevi a questa pagina e scaricate l’ultima versione del plugin. Potete notare che è disponibile sia per Windows che per Ubuntu sottoforma di pacchetto .deb.

Installatelo attraverso un semplice doppioclick oppure aprendo il terminale e digitando:

sudo dpkg -i *.deb

Adesso avviate pidgin e noterete nella gestione dell’account la presenza di una nuova voce per account Facebook.

Alla prossima! :D

Vuoi aumentare la velocità dei tuoi download,dello streaming e migliorare la qualità del video?? Scarica Speed Downloading, un programma gratuito di cui non ti pentirai.

Vuoi caricare il tuo cellulare in modo gratuito veloce e legale?
Vinciricarica e Vinciricariche possono aiutarti!

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
12

Utilizzare la chat di Facebook senza collegarsi a Facebook.com

 
La chat di facebook dove, come e quando vuoi

La chat di facebook dove, come e quando vuoi

Tra le varie funzioni di Facebook vi è una piccola chat che permette la conversazione con i propri amici collegati online. Uno dei nei di questa chat è però la dimensione ridotta. Possiamo scegliere alcuni servizi internet o programmi IM per chattare con i nostri amici senza doverci collegare a facebook.com e senza dover usufruire di questa chat spesso poco funzionante o di dimensioni fastidiose.

Utilizzare la Chat di Facebook all’interno del proprio Browser

Se usate Google Chrome oppure tenete installato Prism per Firefox, potete aprire questa pagina e creare un collegamento per la chat di facebook direttamente sul vostro desktop.

Gli utenti di firefox possono scegliere alternativamente di “caricare il segnalibro nella sidebar laterale di firefox“. Farlo è semplice: premete i pulsanti ctrl+shift+B e si aprirà la libreria dei segnalibri di firefox. Selezionate “Barra dei segnalibri” e andate su Organizza -> Nuovo Segnalibro ed inserite questo indirizzo

http://www.facebook.com/presence/popout.php

Adesso mettete il segno di spunta alla voce “carica questo segnalibro nella barra laterale“. Vi basterà ora lanciare il segnalibro oppure se usare la Barra dei segnalibri potete aggiungere il bottone per avere a portata di mano la vostra chat.

Se utilizzate invece Internet Explorer provate Gabtastik che è un client desktop per facebook minimale che riproduce esattamente la versione web della chat di firefox ma integra anche le funzioni di notifica nella system tray ( la barra di windows dove ci sono le icone vicino all’orologio per capirci :) ).

Meebo

Meebo è un servizio di messaggistica instantanea conosciuto da molti ed ora supporta anche la chat di facebook. Possiamo infatti collegarci su meebo al nostro account di facebook e chattare con i nostri amici.

I vantaggi di questo sistema è che potete utilizzare la chat di facebook anche se nel vostro ufficio vi hanno bloccato l’accesso a facebook.com eppoi potete collegarvi simultaneamente anche su altri account IM tipo MSN e chattare con altri amici ^^

Utilizzare la Chat di Facebook sul proprio Desktop

ChitChat è solo per Windows ed è organizzato in finestra per permettere una migliore conversazione con i vostri amici. Sarete notificati anche nel caso in cui qualche vostro amico entra in linea oppure va offline. Questo programma è però ancora in fase di sviluppo e potreste trovare qualche piccolo malfunzionamento nel sistema.

ChitChat

ChitChat

Digsby possiamo definirla un applicazione all-in che ci permette di rimanere al passo con Facebook ma anche Twitter, Gmail e altri. Facebook come sapete non supporta le chiamate video o audio ma con questo programma grazie a tokbox potete integrare queste funzioni; altra caratteristica potete usare più account facebook contemporaneamente.

Digsby

Digsby

Adium è un applicazione per utenti mac ed è sicuramente la scelta migliore per utilizzare la chat di facebook sul proprio desktop. Proprio come Pidgin e Digsby, Adium supporta i protocolli Windows Live Messenger, Google Talk, AOL AIM, ICQ, Yahoo! Messenger, Skype, Twitter and Jabber (XMPP). Messenger, Skype, Twitter e Jabber (XMPP).

Pidgin è un applicazione valida sia per windows che per linux. Di per se però non supporta la chat di facebook. Esiste questo plugin che ci verrà in aiuto e ci permetterà di chattare con i nostri amici con pidgin in modo ordinato ed intuitivo.

Pidgin

Pidgin

Alla prossima ;)

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top