giu
15

Importanti aggiornamenti per la visione e il download dei video da Rai.tv

 

Mi sono già lamentato numerose volte di quanto il sito Rai.tv sia un disastro di incoerenze multiple, in cui più o meno ogni video viene inserito con metodi leggermente diversi e trovare i link per scaricarli è un procedimento abbastanza arzigogolato. Due esempi di “inutile complicazione” che il mio script non riusciva a gestire sono i seguenti, dovuti al fatto che il sito Rai “dichiara” il tipo di video nella pagina, in modo totalmente a caso, a volte.

  • I video di «Chi l’ha visto», tipo questo – nel codice manca il riferimento al video in formato MP4, ma viene indicato doppiamente lo stesso URL al video, inclusa la variabile videourl_wmv, ed estensioneVideo e MediaItem.type sono impostate ad indicare il formato WMV… peccato che il video sia un file MP4
  • Questa puntata de «I migliori Anni» — è letteramente la fiera dell’incoerenza: MediaItem.type fa riferimento al formato WMV, estensioneVideo indica CSM ma il file è di tipo MP4

Ora, a parte il fatto che anche un ragazzino di 13 anni saprebbe sviluppare il sito in modo più coerente e sensato, capite bene che questa tragedia di informazioni contraddittorie creava serie difficoltà al mio script che cercava di capire che tipo di video c’era sotto e come gestirlo.

Oggi ho rianalizzato la questione e ho inserito ulteriori controlli per aggirare questi problemi. In particolare, se il sito fornisce un esplicito URL al file MP4 posso andare tranquillo, altrimenti in caso di “sospetto WMV” lo script prima controlla che questo sia coerente con il Content-type, dopodiché se è affermativo si occupa di verificare se è un vero file o uno stream MMS. Il controllo di coerenza dovrebbe impedire di cadere nella trappola delle false informazioni, e da quanto ho potuto testare è del tutto robusto.

Già che c’ero, ho aggiornato lo script per gestire altri casi di video (ormai alla Rai non sanno più cosa inventarsi), come ad esempio questa puntata del «Maurizio Costanzo Talk». Ho trovato questo video guardando gli esempi dal piccolo web-service di Paolo Pancaldi, che fa più o meno le stesse cose del mio script (tranne Rai Replay e la riproduzione con player nativo) ma in “stile lato server”, perciò un grazie a Paolo per avermelo fatto scoprire.

Se avete già lo script e volete aggiornare manualmente oppure se volete installarlo da zero, trovate tutti i dettagli nel mio post apposito.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
07

Nuova versione dello script per guardare e scaricare da Rai.tv e Rai Replay

 

Come sapete, da un po’ di tempo sviluppo un comodo script che consente di guardare e scaricare i video on demand dal portale Rai.tv, che include anche Rai Replay. Lo script ha sempre funzionato bene o male con tutti i video, tuttavia in qualche sporadico caso — per via della “variabilità” del layout delle varie pagine Rai — poteva fallire. Oggi ho provveduto ad aggiornare ed estendere il codice dello script per fare alcune migliorie, alcune delle quali importanti. Ecco la lista dei cambiamenti:

  • Migliore supporto ai video in formato MP4 — Prendete ad esempio questo servizio di RaiNews24, che prima non era correttamente riconosciuto.
  • Miglior posizionamento del riquadro verde — Ora il link dovrebbe essere sempre sotto al video anche su pagine dalla struttura “arzigogolata”, come questo video del TG1, fornendo un aspetto più consistente.
  • Supporto a Rai.it — Nel caso in cui i video su Rai.it siano inseriti in modo “tecnologicamente uguale” a Rai.tv (come per esempio le rubriche del TG2) ora il mio script li riconosce e individua il link (cercando per quanto possibile di rimandare l’utente a Rai.tv dove sicuramente funziona).
  • Supporto ai video in Flash sui domini Rai — Avete presente quelle numerose puntate sui sottodomini che finiscono per rai.it, per esempio questo? Ebbene, ora il mio script è in grado di aiutarvi anche per quelli. Non esiste un link diretto ai file, ma sotto al video troverete la linea di comando da dare in pasto a RTMPdump, un programma per salvare flussi con protocollo RTMP. Il file risultante alla fine del processo sarà in MP4.

Per le informazioni su come installare lo script — nonché come usarlo per salvare i video — vi rimando al mio precedente articolo. Per favore pazientate ancora un po’ e datemi tempo per aggiornarlo affinché contenga anche le istruzioni riguardo RTMPdump, che è la principale novità di questa versione 4.0 dello script. ;) Come sempre, buona visione!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
25

Guardare e scaricare i video di Rai.tv e Rai Replay — anche con Linux

 

In passato vi avevo scritto riguardo ad un mio script per Greasemonkey che consentiva di vedere le puntate delle trasmissioni TV sul sito Rai.tv senza usare Silverlight. Soffriva però di una limitazione: non era compatibile con Rai Replay, il servizio che permette di rivedere quasi tutti i programmi degli ultimi 7 giorni trasmessi da Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rai 5. Inoltre devo dire onestamente che aveva qualche piccolo bug.

Ebbene, sono lieto di annunciarvi che ho rilasciato una nuova versione dello script che non solo corregge i bug di cui sopra, ma aggiunge il pieno supporto a Rai Replay! E la cosa migliore è che non dipende per nulla da Silverlight, non dovete averlo nemmeno installato. Lo script fornisce un link diretto al file che vi interessa e vi permette di vedere la trasmissione direttamente nel browser, usando uno dei tanti player multimediali disponibili su Linux, su Windows, o su Mac, posto che abbiate tutti i codec installati.

Qui potete vedere alcuni esempi dello script in azione, a sinistra sull’archivio di Rai.tv e a destra su una trasmissione in Rai Replay

Per installare lo script basta che impostiate l’estensione adatta per il vostro browser. Potete usare Greasemonkey su Firefox, Tampermonkey su Chrome/Chromium e GreaseKit su Safari. A questo punto vi basta recarvi alla pagina di download per installare lo script. In teoria se usavate già lo script vecchio Greasemonkey dovrebbe aggiornarlo da solo, ma meglio che controlliate.

Se avete intenzione di usare l’estensione anche per guardare i video nel browser con Linux, vi consiglio caldamente di non adoperare il plugin di Totem, bensì di installare Gecko Media Player. Nei miei test è l’unico che non ha mai avuto intoppi.

Se volete qualche dettaglio tecnico in più, i video che potreste trovare possono essere (cliccate per vedere l’esempio!) stream MMS (che si scaricano con mimms, come vi avevo già spiegato), file MOV, file WMV, oppure file MP4. I video di Rai Replay sono sempre in formato MP4. Per scaricare questi file basta usare il tasto destro e scegliere di salvarli.

Nel caso in cui aveste problemi con Rai Replay vi consiglio di ricaricare la pagina oppure di cambiare video e poi tornare a quello che vi interessa. Se trovate video con cui il mio script non funziona (che non siano dirette ovviamente, per quelle ci vuole Raismth!) fatemelo sapere e vedrò di sistemare.

Ricordandovi che potete anche provare il mio script per il sito Mediaset, vi auguro buona visione! ;)

Pagina di download: Rai.tv native video player and direct links for Greasemonkey

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
26

Scaricare facilmente video con tecnologia Silverlight (Smooth Streaming) in Linux

 

È già da un po’ di tempo che se ne parla, i siti di alcune delle maggiori televisioni (Rai e Mediaset) utilizzano la tecnologia Silverlight per pubblicare molti video che si possono (ri)vedere online. Si tratta di un sacco di programmi, fiction, telegiornali, eccetera forniti direttamente dalle suddette reti televisive, quindi si tratta di uno streaming perfettamente legale.

Il problema è che Silverlight è una tecnologia proprietaria di Microsoft che non è molto ben supportata da Linux. È vero, esiste il progetto Moonlight (sostanzialmente fermo), il quale però non supporta a pieno la riproduzione dei video di questi portali. Inoltre non è possibile scaricare le puntate offerte con tecnologia Smooth Streaming allo stesso modo in cui si fa solitamente con i siti che pubblicano video in Flash. Perciò tutto questo complica usi perfettamente legittimi (e prevedibili) dei video, come ad esempio poterli guardare in treno senza avere un computer con connessione 3G.

Per Linux esiste un progetto chiamato smooth-dl, realizzato da Antonio Ospite, un prolifico sviluppatore di software libero. Per i dettagli sul progetto e la tecnologia di Smooth Streaming, vi rimando al suo articolo che è scritto molto meglio di quanto potrei fare io.

Smooth-dl è però ancora in uno stato “non perfetto”, nel senso che non supporta tutti i siti che offrono video con questa tecnologia, ma lavora bene con il sito Rai. Esiste un software più completo chiamato ismdownloader, che però è realizzato per Windows. Perciò ho deciso di realizzare uno script che “maschera” il programma sotto Wine, e arricchisce la visualizzazione dello stato del download calcolando la percentuale rimanente e mostrandola a video. Di seguito vi spiegherò come effettuare la prima configurazione e poi usare lo script.

Creare l’ambiente Wine

Per evitare di “far confusione” e mischiare il programma che useremo per il download con altri eventuali software che girano sotto Wine, vi farò creare un “contenitore” personalizzato con una copia a se stante del disco “C:” simulato. Per prima cosa quindi nel terminale create la directory, dichiaratela come il prefisso di Wine che andrete ad utilizzare e poi “forzate” Wine all’uso dell’architettura a 32bit:


mkdir -p $HOME/.smoothwine
export WINEPREFIX=$HOME/.smoothwine
WINEARCH=win32 winecfg

Appena finisce di creare la configurazione e vi apre la finestra di Wine, potete chiuderla e proseguire. A questo punto vi servirà Winetricks, che solitamente (perlomeno su Ubuntu) viene installato assieme a Wine, altrimenti provvedete ad installarlo dal vostro gestore di pacchetti. Winetricks si occuperà di scaricare l’ambiente .Net Framework, che servirà poi ad eseguire il programma per il download vero e proprio dei video:


winetricks dotnet20

Seguite la semplice procedura nella finestra che si aprirà e .Net verrà installato. Ora non vi resta altro da fare che cliccare questo link e salvare l’archivio ZIP, dal quale dovrete estrarre solo il file EXE e copiarlo nella cartella che potete aprire usando questo comando:


xdg-open $WINEPREFIX/drive_c

Questo termina la configurazione di Wine. Giunti a questo punto potete procurarvi una copia dello script smooth.sh col comando seguente, che lo salva nella vostra cartella home:


wget "http://pastebin.com/raw.php?i=b9u2EvgK" -O $HOME/smooth.sh
dos2unix $HOME/smooth.sh
chmod +x $HOME/smooth.sh

Per il secondo comando dovrete avere installato dos2unix, mi spiace per l’inconveniente ma a volte PasteBin “rovina” gli script, e la seconda riga serve ad assicurarsi che tutto funzioni. Ovviamente se volete potete spostarlo dove vi pare, l’importante poi è che lo richiamate correttamente.

Scaricare i video in Smooth Streaming

La parte di configurazione di cui sopra andrà fatta solo la prima volta, in seguito potete limitarvi all’utilizzo dello script come segue. Supponendo che lo script sia nella vostra home e la vostra directory corrente nel terminale sia altresì la medesima cartella, potete semplicemente richiamarlo come segue:


./smooth.sh "http://url/del/manifest" "nome"

Il primo parametro sarà l’URL del cosiddetto file “manifest” relativo al video. Qui viene il problema: ogni pagina web avrà un manifest diverso, e il metodo per ricavarne l’URL varia da sito a sito. Per questo motivo non posso dirvi dettagliatamente come fare a trovarlo in generale, perché la spiegazione sarebbe molto lunga. Per certi siti come quelli di Rai e Mediaset ci sono già delle indicazioni in rete, in ogni caso questo sarà oggetto di un mio prossimo articolo, dedicato appositamente a scovare gli URL dei video online.

Il secondo parametro è il nome (preferibilmente senza spazi) desiderato per il file video (senza estensione). Una volta terminato il download, il video verrà salvato nella vostra home con estensione MKV. Sebbene il contenitore sia Matroska, la codifica vera e propria di audio e video dipende soltanto dal sito web da cui scaricate, quindi potrebbe variare. In ogni caso con VLC e gli opportuni codec dovreste riuscire a visualizzare tutto e potete sempre convertire i video con Arista Transcoder.

Esempio di utilizzo dello script con una puntata di “Ris Roma” dal sito Video Mediaset

Note finali

Come ogni cosa, anche lo script ha i suoi limiti. Il download non si può mettere in pausa, perché il programma originale non lo permette, e ogni tanto succede che l’eseguibile sotto Wine vada in crash. In generale comunque funziona bene, e avendo aggiunto il calcolo della percentuale (non presente in origine) penso di averlo reso abbastanza gradevole anche dal punto di vista estetico. La codifica del video finale è un po’ un terno al lotto, ma quasi sempre non crea nessun problema con VLC.

L’unico difetto visibile dei video è la presenza sporadica di lievissime macchioline nere, ma a dire il vero non so se imputare la cosa al programma che si occupa del download oppure al sito web che fornisce i video. In definitiva comunque i risultati sono buoni e con una risoluzione niente male. Il prezzo da pagare è l’uso di Wine e di qualche componente proprietario, ma d’altronde abbiamo a che fare con tecnologie Microsoft ed è difficile evitarlo del tutto.

Spero di poter finire presto anche il post dedicato a “scovare gli URL” in modo da poter completare questa serie di articoli sul salvataggio dei video, che sembrano essere i più gettonati nel blog. Che ne pensate dello script? Vi tornerà utile?

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
30

Come vedere Rai.tv senza Silverlight su Linux o Mac

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
14

Scaricare, ritagliare e convertire le puntate RAI per guardarle sul telefono

 

Questa guida nasce per spiegare come ho fatto per risolvere una situazione che mi riguarda personalmente. Sono partito da alcuni presupposti base per cercare di capire come ottimizzare la mia fruizione di una trasmissione che mi piace. Prima considerazione: guardo ben poco la RAI, ma c’è una trasmissione che mi interessa e seguo fedelmente: Chi l’ha visto? Seconda considerazione: ogni mercoledì sera sono impegnato col gruppo Linux, quindi non posso guardare la trasmissione in diretta.

La soluzione più ovvia è adoperare il videoregistratore per memorizzare su cassetta la puntata alla sera e guardarla successivamente. Il problema è che spesso mi dimentico di farlo o continuo a rimandare perché ho tante cose da fare al pomeriggio. Da qui nasce la terza e ultima considerazione: per cinque giorni a settimana, quando vado all’università, ho due ore di treno, una all’andata e una al ritorno.

Dato che sono sempre accompagnato dal mio fedele HTC Wildfire (mi scuso se non ve ne ho parlato ma di recensioni ne trovate tante in rete, sarebbe inutile un’ennesima) ho deciso di approfittare del tempo “perso” in treno e guardare le puntate di Chi l’ha visto mentre viaggio verso Mestre o torno a casa. Ecco come ho fatto…

Requisiti

Inutile dirlo, la guida si basa su Linux, e in particolare uso come riferimento la distribuzione Ubuntu (ho ancora la 10.04 ma non cambia nulla). La prima cosa da fare è assicurarsi di avere tutti i codec installati secondo la mia guida. Inoltre avrete bisogno del mio script Greasemonkey per i programmi RAI (non che sia fondamentale, ma automatizza la parte noiosa del tutto, che infatti non vi spiegherò). Infine assicuratevi di avere installato VLC, FFmpeg, Mimms e Gimp sul vostro sistema, potete farlo dal Software Center.

Scaricare il video

Ovviamente prima di fare qualsiasi conversione il video va salvato. Per fare questo si può consultare l’elenco dei programmi sul sito Rai.tv. Dopo aver cliccato sul programma scelto si può decidere che puntata guardare. Io prenderò come esempio la puntata del 3 novembre 2010. Una volta aperta la pagina col video il mio script si occupa di estrarre il link allo streaming originale.

A voi basta cliccare col tasto destro e copiarlo. Ora aprite un terminale e spostatevi in una cartella comoda, l’ideale a mio parere è il Desktop.

cd ~/Scrivania

Ora dovete guardare l’url che avete copiato (per esempio mettendo il cursore di sopra al link di prima, oppure incollandolo in un file di testo. Ci sono due casi, o inizia per mms:// oppure per http://. Le puntate di Chi l’ha visto corrispondono al primo caso, ma ci sono altri video che sono trasmessi semplicemente con HTTP.

Per scaricare i flussi MMS è necessario usare Mimms. Innanzitutto è opportuno pensare ad un nome “furbo” per salvare il video, ad esempio io chiamo i video con la loro data, nel formato AAAAMMGG. Quindi in questo caso vorrò salvare il video 20101110.wmv.

Per scaricare il flusso con Mimms si fa quindi:

mimms "mms://a1124.v560967.c56096.g.vm.akamaistream.net/7/1124/56096/v0001/rainet.download.akamai.com/56228/raitre/chilavisto/chilhavisto_puntate/243768.wmv?auth=daEadbHcEb1dObPdea1cYaMb3cdbQb3a7aX-bm3fbY-8-DkuwrFq&aifp=V001" 20101110.wmv

Il programma vi mostrerà un progresso sul download, come ad esempio qualcosa del genere (non badata alla velocità lentissima indicata, poi si stabilizza):

358.40 kB / 451.16 MB (28.31 kB/s, 04:25:25 remaining)

Mettete sempre (!!!) le virgolette attorno all’url, in modo da non fare disastri. Se per caso avete bisogno di interrompere il download (con Ctrl+C) e riprenderlo dopo, potete semplicemente ri-eseguire il comando nella stessa cartella anteponendo all’url l’opzione -r quindi iniziando la riga con “mimms -r …“.

Un piccolo appunto se vi capitano degli URL che usano il “normale” protocollo HTTP: il sito RAI ha alcuni video mascherati dietro a url in HTTP che rimandano continuamente ad altri riferimenti. Sono parecchio difficili da scaricare e non ho ancora approfondito la cosa, fortunatamente sono pochi comunque e si riescono a guardare online perlomeno.

Calcolare i margini

Una volta che il video è stato scaricato (le puntate che scarico io sono di circa 450 MB) si può finalmente stabilire come convertirlo. Le puntate scaricate infatti hanno sempre dei margini neri non solo in alto e in basso, ma persino su ambo i lati. Inoltre la proporzione dei video scaricati è 3:2 mentre quella del mio telefono è 4:3.

Ho deciso di trovare un modo per sistemare la cosa, anche perché lo schermo del telefono è già piccolo rispetto a quello del computer, figuriamoci se si sprecano anche pixel. Fortunatamente basta farlo una sola volta per le puntate di una data serie, perché poi hanno tutte il “difetto” con la stessa entità. Il modo più semplice si attua inziando con l’aprire il video con VLC, scorrere in un punto in cui si veda bene la scena, mettere in pausa e cliccare col destro sul video, scegliendo Video > Zoom > 2:1 doppio.

A questo punto si cattura la schermata (tasto Stamp sulla tastiera), ottenendo qualcosa del genere:

Ho ritagliato la schermata per maggiore chiarezza, perciò purtroppo non potete godervi il mio bellissimo sfondo di Paperino!

La schermata appena catturata va aperta con Gimp. La prima cosa da fare è mettere delle guide esattamente sui bordi del video, senza contare ovviamente il bordo di VLC. Vi metto un esempio fortemente zoomato dell’angolo in alto a sinistra per farvi capire, per l’angolo in basso a destra è la stessa cosa ovviamente.

Siate precisi…

Una volta che avete messo tutte e quattro le guide potete usare lo strumento taglierino aiutandovi con le guide per ritagliare solamente l’area del video (non metto lo screenshot). Poi andate su Immagine > Scala immagine e dimezzate le dimensioni per tornare alla grandezza vera del video. Bisogna a questo punto mettere le due guide laterali per regolare il ritaglio a sinistra e a destra. Quello in alto e in basso seguirà poi.

Le due guide verticali “interne” aggiunte sui bordi dell’immagine “utile”

La guida in basso a volte sparisce con il ridimensionamento ma non serve più dopo.

Ora il punto interessante: bisogna infatti decidere come ritagliare in alto e in basso. Un modo che avevo pensato inizialmente era quello di mettere anche le guide orizzontali sul bordo del video, tagliando così i loghi e il numero di telefono, che comunque non sono essenziali per vedere la puntata. Poi però ho pensato a un paio di cose.

Innanzitutto il mio telefono quando apre un video purtroppo lo espande per riempire tutto lo schermo, senza rispettare le proporzioni. È vero, c’è un pulsante da premere per aggiustare la cosa, ma bisogna premerlo ogni volta perché il comportamento di default non si può modificare. Inoltre nel caso di Chi l’ha visto? la parte bassa che solitamente è nera viene usata per mettere i sottotitoli quando parlano delle persone e l’audio si sente male.

Per questi motivi ho deciso di adeguarmi alla risoluzione esatta del telefono, mantenendo buona parte delle bande nere. Sono partito sapendo che la risoluzione del mio telefono è 320×240 e quindi il rapporto è 4/3 (questa informazione è importante da sapere anche per la conversione). Con Gimp perciò ho creato una selezione bloccando il rapporto di aspetto e l’ho messa in centro all’immagine aiutandomi con le guide laterali, dopo aver eliminato quella in cima ed eventualmente quella sotto (si fa trascinandole fuori dall’immagine).

Poi con la selezione ho messo due nuove guide per delimitare il bordo (si trascinano dai righelli). È una cosa abbastanza lunga da spiegare, me ne rendo conto, però vi garantisco che a farlo ci si mette molto meno! Inoltre tenete presente che tutto questo va fatto solo col primo video.

Guida orizzontale aggiunta con l’aiuto della selezione e parametri per bloccare il rapporto d’aspetto

Una volta che ho tutte e quattro le guide posso usare lo strumento misurino per contare quanti pixel ritaglio da ogni lato. Nel mio caso ho visto che ho un ritaglio di 6 pixel a sinistra e destra, mentre ne ho 5 sopra e 5 sopra. C’è però un problema, i margini da ritagliare devono essere pari (per una limitazione di FFmpeg). Per questo motivo, adattate i margini per eccesso sui lati e vedete come meglio sistemarli sopra e sotto.

Io alla fine ho deciso di aggiustare le cose in questa maniera:

  • sinistra: 6px
  • destra: 6px
  • sopra: 4px
  • sotto: 6px

Appuntate i margini che volete su un foglietto o un documento di testo e chiudete pure Gimp senza salvare nulla, potete anche cancellare lo screenshot.

Convertire il video ritagliandolo

La nostra fatica è sostanzialmente conclusa, la conversione va fatta fare al computer. Un solo piccolo appunto prima di darvi l’ultimo comando: come avete potuto notare il video è stato ritagliato poco sui bordi, e come vedremo verrà ridimensionato anche poco (la larghezza desiderata di 320 pixel è poco più stretta della dimensione originale del video). Per questo motivo non aspettatevi che facendo semplicemente un ritaglio e una conversione si ottenga un video tanto più piccolo dei 450 MB originali.

Tuttavia dobbiamo tenere conto che tutto quello spazio è tanto, anche se si tiene una sola puntata alla volta. Inoltre sul cellulare non si ha bisogno di una qualità altissima. Questa è la ragione per cui vi consiglio di cambiare il bitrate del video, ovvero la quantità di “spazio” da dare ad ogni secondo di registrazione. Io uso 128 kbps, che sono un po’ bassi, però non bado troppo all’effetto “quadrettoni” che ogni tanto spunta fuori e l’audio lo lascio invariato per cui si sente bene.

Ok ho detto tutto! Potete finalmente usare FFmpeg per convertire automaticamente il video in MP4 mentre lo ritaglia e ne abbassa il bitrate col comando seguente, ovviamente adattando i parametri alle vostre necessità di ritaglio:

ffmpeg -i 20101110.wmv -cropleft 6 -cropright 6 -croptop 4 -cropbottom 6 -b 128k -s 320x240 20101110.mp4

Lasciatelo lavorare un bel po’ e potrete poi mettere il file nella memoria del vostro cellulare, ad esempio facendovi una cartella chiamata PuntateTV come ho fatto io, in maniera da avere i video separati nella galleria.

Per tutti i prossimi video della stessa serie che vorrete scaricare, potete semplicemente tenere per buoni gli stessi margini e passare direttamente dal download alla conversione, lasciando fare praticamente tutto al PC. È una cosa molto comoda anche se ci vuole un po’ di tempo perché finisca il lavoro. Però ne vale la pena!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
03

Guardare i video dal sito Rai senza Moonlight direttamente nel browser

 

Da qualche tempo utilizzo l’estensione per Firefox Greasemonkey. Questo add-on fantastico consente a chi naviga di modificare il comportamento di alcuni siti web tramite piccoli pezzi di Javascript. Ho iniziato naturalmente utilizzando alcuni tra i tanti script presenti su UserScripts, e poi ho iniziato a crearne anche di miei.

Qual è lo scopo di modificare il comportamento di un sito? Ce ne possono essere diversi, ma bene o male quasi tutti rientrano nella categoria “risparmiare tempo“. Gli script aggiungono funzioni comode alle pagine, integrano servizi diversi, permettono di automatizzare delle operazioni noiose da fare a mano. Chi di voi usa ancora Facebook senza FFixer? Se vi riconoscete nella descrizione rimediate subito, installate l’estensione e poi installate lo script.

Oltre a una decina di script scaricati, uso 6 script creati da me, e quando ne ho bisogno ne creo altri. Finora non ho mai condiviso nessuno di questi script perché, onestamente, sono delle sciocchezze. È vero che fanno risparmiare un mucchio di tempo, ma sono relativamente semplici (al contrario di veri “mostri” stupendi come FFixer appunto…), quasi da far ridere.

Stavolta però credo di aver realizzato qualcosa di utile, perciò ho deciso di condividerlo. Una delle cose più stressanti per chi usa Linux è indubbiamente il sito dei programmi Rai. Questo sito richiede Microsoft Silverlight (o nel nostro caso Moonlight) per vedere i video. Moonlight in sé è open source, ma richiede dei codec super-proprietari per funzionare. In ogni caso non è questa tecnologia così fantastica, e il player del sito è brutto, se andate a schermo intero non “sfoca” il video e si vedono i pixel. Insomma, un mezzo disastro. Tra l’altro scaricare il video non è facilissimo, se si vuole salvare sul PC (con i player in Flash è più semplice).

Ho pensato perciò di scrivere uno script che sostituisca il player Moonlight quando si vuole visualizzare un programma con il video originale inserito in modo “generico”. Per la precisione viene inserito un riproduttore compatibile con Windows Media Player, che funziona perfettamente sotto Linux (ad esempio col riproduttore Totem) e presumo possa funzionare anche sotto Windows (ma non m’interessa). Naturalmente avrete bisogno di avere i codec correttamente installati.

Oltre a fare questo vi inserisce di fianco al titolo della registrazione che state guardando un link al video originale, sia esso riprodotto tramite MMS o HTTP, in modo che si possa facilmente copiare e scaricare con qualche programma apposito. Vi parlerò in un altro articolo su come fare.

Esempio dell’azione dello script su questa pagina

Come side-effect piacevole questo comporta l’eliminazione della pubblicità prima di vedere il video vero!

Alcuni di voi sapranno che esistono anche modi alternativi di vedere i video dal sito di Rai. Due esempi famosi sono UbuntuWinTV e tv-player, che sono applicazioni separate per una navigazione alternativa al sito web, in sostanza vi puntano direttamente ai link di ciascun video e fanno partire un lettore multimediale. Sicuramente sono dei bei programmi, anzi vi consiglio di provarli, tuttavia io volevo qualcosa di semplice che mi permettesse di navigare direttamente sul sito, vedere le puntate registrate saltando le pubblicità e soprattutto avere i link agli stream originali.

Vi preciso anche che per ora lo script funziona solamente sulle pagine delle puntate dei programmi, mentre sul servizio “Rai replay” e sulle dirette per il momento no in quanto la struttura della pagina è diversa in entrambi i casi e la devo studiare. Probabilmente estenderò lo script per supportare anche queste funzioni in futuro (i contributi sono ben accetti ).

Basta, vi ho annoiati anche troppo per cui non mi resta che rimandarvi alla pagina su UserScripts dove potete scaricare e commentare il mio piccolo lavoro!

Download “Rai.tv native video player for programmes”

Mi raccomando, fatemi poi sapere se vi è stato utile!

Aggiornamento: una piccola cosa che ho dimenticato… il sito Rai.tv è abbastanza poco navigabile se non avete installato Moonlight, però teoricamente lo script vi evita di dover installare i codec proprietari, e rimangono gli altri vantaggi descritti.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
12

Railibera.info : finalmente liberi da Microsoft Silverlight

 

Oh diamine! Ieri mi sono perso l’ultima puntata di Ballarò alla televisione! Come posso fare per vederla?! Meno male che la RAI ha messo a disposizione dei suoi telespettatori il portale rai.tv. Bene allora posso ancora vederla! Basta solo andare sulla pagina della puntata e… mumble mumble…

Oh cacchio! Non posso vederlo dal mio pc con Ubuntu Linux. Mannaggia, rai.tv utilizza una tecnologia proprietaria e non aperta come Microsoft Silverlight che rende difficile la visione dei suoi programmi su pc che non hanno windows… Ma ci deve essere un modo per vederlo, per forza… Ah si! Eccolo!

Ecco, finalmente posso vedermi i programmi che voglio :) railibera.info

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
05

TV-Player, vedere la RAI senza andare sul sito RAI (per davvero)

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
17

TVClick dirette RAI e TV Windows e Linux

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
14

Dirette RAI-TV-Radio da Ubuntu si può

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
10

TVLC 2.0 per dirette RAI-TV da Windows

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
06

Guardare la TV con qtv

 

Dopo programmazione a vuoto, mi sono riproposto nel riprogettare un applicativo che permetta di visualizzare su una piccola finestrella, i canali standard rai e mediaset.

Se volete compilarlo, ecco le istruzioni:

svn co http://svn.assembla.com/svn/montoya83/qtv
cd qtv
mkdir build
cd build
cmake ..
make
./qtv

Ovviamente vi servono subversion, cmake, qt4 e libvlc.

Fatemi sapere se funziona o meno, perché finora funziona SOLO a me :O

In ogni caso, specificate anche sistema operativo e bits, versioni qt e vlc:

Esempio:

Debian sid 32 bit, Qt 4.5.3 e vlc 1.0.4.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
02

StreamRai: Vedere e registrare tutti i canali Rai in streaming

 
Spesso si sente parlare di streaming e della possibilità di guardare alcuni canali televisivi e radio direttamente online stando seduti comodamente al pc. Tutto questo è vero ma spesso ciò che cerchiamo non lo troviamo. Oggi invece voglio segnalarvi un metodo per guardare tutti i canali Rai in modo semplice ed efficace che ci viene offerto da StreamRai. I canali che potrete guardare sono: Rai Uno, Rai Due, Rai Tre, Rai Quattro, Rai Sat Premium, Rai Gulp, Rai Edu1, Rai Storia, Rai Sat YoYo, Rai Sat Extra.

Il procedimento funziona sia per Windows che per Linux o Mac. L’unica cosa di cui avete bisogno è avere installato nel sistema VLC che è un famoso player video/audio. Seguite le indicazioni a seconda del sistema operativo che usate.

Utenti Windows

Per prima cosa scaricate StreamRai dal link in fondo all’articolo. Piccola precisazione, potrebbe essere necessario .NET Framework . Se riscontrate problemi con NET Framework, consultate questa guida che scrissi tempo fa. Adesso l’unica cosa da fare è lanciare l’eseguibile che non richiede installazione e dovete solo selezionare la directory dove avete installato VLC che di default è C:/Programmi/VideoLAN/VLC/

Utenti Linux e Mac

Per gli utenti Linux o Mac il procedimento è semplice ma leggermente più lungo. Il vantaggio di questo metodo è che eviteremo di installare Silverlight! Per prima cosa aprite vlc e:

  • Andate su Strumenti -> Preferenze
  • In basso a sinistra troverete la voce “Tutto“, selezionatela.
  • Andate su Ingresso/Codificatori >Moduli di accesso > HTTP(S)
  • Ora dobbiamo sostituire il valore dell’User Agent con il seguente:

Mozilla/5.0 (X11; U; Linux i686; en-US; rv:1.9.0.6) Gecko/2009020911 Ubuntu/8.10 (intrepid) Firefox/3.0.6;

Salvate tutto. Adesso andate su Media > Opzioni d’apertura avanzate > Rete e potete guardare i vostri canali rai inserendo i link seguenti:

  • RaiUno: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=983
  • RaiDue: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=984
  • RaiTre: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=986
  • RaiQuattro: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=75708
  • RaiNews24: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=1
  • RaiSport: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=4145
  • RaiStoria: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=24269
  • RaiEdu: http://mediapolis.rai.it/relinker/relinkerServlet.htm?cont=24268

Attenzione! Questo procedimento non funziona per chi è all’estero! Per raggirare il problema, seguite questa guida :) Un ringraziamento a Flavio Tordini :)

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
14

Messaggi subliminali nell’etere…

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top