set
30

Full circle notifier

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
14

Installare Miro su Ubuntu

 
Miro per Ubuntu

Miro per Ubuntu

Miro è un player video ( ma anche audio :) ) davvero semplice e completo. Tra le caratteristiche principale vi è la capacità di accedere ai filmati tramite Feed RSS e Podcast, oppure condividere i video dai principali portali di video sharing come Youtube e Google Video. Miro è anche integrato con il client BitTorrent e presenta una veste grafica davvero accattivante e coinvolgente.

Per installarlo su ubuntu, basteranno pochi e semplici passi. Aprite il terminale e digitate:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

e a seconda della versione di ubuntu che avete aggiungete i seguenti repository

Ubuntu Jaunty (9.04)

#Miro
deb http://ftp.osuosl.org/pub/pculture.org/miro/linux/repositories/ubuntu jaunty/

Ubuntu Intrepid (8.10)

#Miro
deb http://ftp.osuosl.org/pub/pculture.org/miro/linux/repositories/ubuntu intrepid/

Ubuntu Hardy (8.04)

#Miro
deb http://ftp.osuosl.org/pub/pculture.org/miro/linux/repositories/ubuntu hardy/

Ora chiudiamo l’editor salvando le modifiche e aggiorniamo il sistema con il classico

sudo apt-get update

e installiamo Miro

sudo apt-get install miro

E’ tutto :) Troverete Miro in Applicazioni -> Audio e Video.Naturalmente  Se in futuro vi siete stancati di Miro o non vi soddisfa basterà disinstallarlo con un semplice

sudo apt-get remove --purge miro

Alla prossima :)

Vuoi aumentare la velocità dei tuoi download,dello streaming e migliorare la qualità del video?? Scarica Speed Downloading, un programma gratuito di cui non ti pentirai.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
12

Tornare ad Amarok 1.4 in (K)ubuntu Jaunty

 

Dopo l’aggiornamento a Jaunty (eseguito senza il minimo problema sia sul fisso che sul portatile) mi sono trovato con Amarok 2, che a mio avviso non è assolutamente pronto per l’utilizzo quotidiano. Almeno non per il mio utilizzo quotidiano.

Amarok

Trovo la versione 1.4 quasi perfetta, non ha nessun problema a fare quello che mi serve: gestione della mia libreria (~30 GB), gestione del mio iPod Nano, gestione dei podcast con relativa sincronizzazione con l’iPod, ascolto delle radio online.

Al di là delle considerazioni personali su Amarok 2, ecco le istruzioni pratiche per rimuovere la versione 2 e reinstallare la 1.4 da un comodo PPA:

sudo apt-get remove amarok-common
echo deb http://ppa.launchpad.net/bogdanb/ppa/ubuntu jaunty main | sudo tee -a /etc/apt/sources.list
sudo apt-get update
sudo apt-get install amarok14

Tutto qui!

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
07

FatRat, un ottimo download manager per scaricare: torrent, file da Rapidshare, video da YouTube, e tanto altro

 

screenshot 0011 FatRat, un ottimo download manager per scaricare: torrent, file da Rapidshare, video da YouTube, e tanto altro

Oggi voglio parlarvi di FatRat, un download manager che mette a disposizione degli un buon numero di funzioni. È un applicazione semisconosciuta ma penso che meriti un po’ più di attenzione. FatRat infatti, oltre per i normali download (http e ftp), può essere usato sia come bittorrent client, che per l’upload ed il download di files da Rapidshare.com (anche come premium). Ma non è tutto, con FatRat, si possono scaricare video da YouTube, cercare e caricare torrent sui principali tracker (Demonoid, BtJunkie, Mininova, ecc), controllare l’hash dei file e scaricare feed e podcast.

fatrat4 FatRat, un ottimo download manager per scaricare: torrent, file da Rapidshare, video da YouTube, e tanto altro

L’interfaccia grafica è molto curata e permette di compiere comodamente i più svariati compiti, suddivisi per schede. FatRat è anche molto configurabile, sia per quanto riguarda il download dei file .torent, che per le altre opzioni, ed è dotato di una struttura a plugin, che permette di estenderne le funzionalità. Questo è il sito ufficiale del progetto, dal quale si possono scaricare i sorgenti.

fatrat5 300x221 FatRat, un ottimo download manager per scaricare: torrent, file da Rapidshare, video da YouTube, e tanto altro

Stranamente, esistono i pacchetti precompilati per OpenSuse, Gentoo ed Arch, ma non per Debian/Ubuntu. Chi quindi utilizza Ubuntu se lo deve compilare, ed è forse per questo che FatRat non è molto conosciuto. Oggi ci ho provato, e dopo alcuni problemi con l’archivio dei sorgenti, ce l’ho fatta, scaricandolo dal git repository. Ecco come.

Installazione in Ubuntu 9.04

Innanzitutto bisogna scaricarlo con:

git clone git://git.dolezel.info/fatrat.git

cd fatrat

git branch –track 1.1 origin/1.1

git checkout 1.1

poi si devono installare alcune dipendenze con:

sudo apt-get install qt4-dev-tools cmake

sudo apt-get install libssh-2 libqt4-core libtorrent11 build-essential

sudo apt-get install libtorrent-rasterbar-dev libgloox-dev

sudo apt-get install libcurl4-openssl-dev

ed infine lo si compila e installa con:

cmake . -DWITH_BITTORRENT=ON -DWITH_SFTP=ON -DWITH_CURL=ON

make

sudo make install

Una volta terminata l’installazione, lo trovate nel menù “Applicazioni”, nella sezione “Internet”.

Articoli correlati:

Vuze, l’erede di Azureus. Ecco una panoramica sulle principali novità e come installarlo sotto Linux

Rilasciato LimeWire 5 alpha: condividere i nostri file con gli amici e i contatti Gmail

Apt-p2p, fare l’upgrade da Hardy a Intrepid tramite BitTorrent

Importare le blocklist di PeerGuardian in Deluge e KTorrent

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
29

Rilasciato Floola 3.0, un ottima alternativa libera ad iTunes

 

Popularity: 5% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
12

Rilasciato Banshee 1.0, una miriade di novità

 

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
14

Floola: un ipod manager non opensource (ma figo lo stesso)

 

Sono un possessore involontario (e stato un regalo) di un ipod nano terza edizione. Per questa versione rockbox non e disponibile e ho avuto dei problemi ad usarlo con rhythmbox per via del database criptato (grazie apple). Ho trovato, pero , questo sowftware freeware: si chiama floola ed e un gestore di ipod multipiattaforma che utilizza le gtk. La versione per linux e semplicemente un binario compilato: basta scaricarlo e cliccandoci sopra parte subito floola. La cosa bella e che si puo salvare anche il binario direttamente dentro l ipod in modo da poterlo lanciare in qualsiasi linux box ci si trovi!
Floola funziona molto bene: si possono importare le canzoni, modificare i tag delle canzoni gia salvate, creare playlist, importare le copertine degli album, i testi e anche i video. Il supporto per i podcast e veramente notevole, basta inserire l url del sito e il programma automaticamente scarica tutti i nuovi podcast direttamente sull ipod!
Ecco floola alle prese con il podcast di make:


Infine questa e la schermata generale di floola:


Ricordo anche che e possibile ascoltare i brani contenuti nell ipod direttamente con floola.

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
29

Gestiamo il nostro iPod con Floola

 

Floola è un ottima alternativa libera ad iTunes, che ci permette di gestire comodamente iPod e Motorola mobile phone. È un applicazione stand alone e non necessita quindi di nessuna installazione. Floola gira su Windows, Linux e Mac, e supporta tutte le principali funzioni dell’iPod come: artwork, podcast e playlist. Questo comodissimo tool consente inoltre di convertire i formati audio e video non supportati, e di aggiungere video da YouTube e MySpace, semplicemente inserendo l’Url della pagina. Le possibilità sono tante, se possedete un iPod, vi consiglio di provarlo. Questo è il sito ufficiale, dal quale potete scaricare l’ultima versione del software.

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
28

gPodder; a tutto podcast!

 

Oggi volio parlarvi di gPodder, un piccolo programma per la gestione dei podcast. A differenza di Amarok e Listen, quest’applicazione è stata pensata per svolgere un solo compito, e lo svolge appieno. gPodder infatti, ci consente di gestire comodamente, i nostri canali di podcast preferiti. Il suoi pregi principali sono sicuramente la semplicità e la leggerezza. Gli utenti Ubuntu possono installarlo con un semplice:

sudo apt-get install gpodder

altrimenti è possibile scaricarlo dal sito ufficiale. Questa, invece, è una lsta completa dei podcast italiani, suddivisi per categoria.

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
12

[Chicche] Juice…una bella piattaforma per scaricare i vostri Podcast

 

Ieri sono stato contattato da Vega su messenger, mi chiede:
“Ma tu riesci a scaricare i podcast di Radio Deejay?”
ed io: “Bo non so, ora provo”.

E così me ne vado sul sito di Radio Deejay seleziono l’rss di “Tropical Pizza” e lo carico con Brief (il feed reader che uso su Firefox)…non funziona. Faccio una piccola ricerca e scopro che il problema è dovuto ad una errata configurazione dei tag xml del feed…in pratica se si apre l’rss con un aggregatore di feed non si riesce ad accedere ai contenuti e di conseguenza a scaricarli.

Così vedo un pò in giro se esiste qualche applicativo appositamente studiato per i podcast e scopro Juice!

è decisamente un bel programmino, che vi permette di aggregare diversi feed per i vostri podcast preferiti ed, eventualmente, selezionarli e scaricarli sul vostro PC.

Juice gira sia su Windows che su Mac…la versione Linux è in via di sviluppo (nel frattempo lo stesso sito consiglia per “il pinguino” due valide alternative: Podnova client e Icepodder).

Se siete interessati a Juice ecco il link dove potete trovare maggiori informazioni a riguardo e, soprattutto, scaricarlo: http://juicereceiver.sourceforge.net.

A voi la prova.

P.S: I podcast di Radio Deejay su Juice funzionano benissimo.

Popularity: 6% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top