mag
23

openSUSE 12.3 “Edu Li-f-e”

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
25

openSUSE 12.3

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
12

Cinnamon approda nei repository di openSUSE 12.2

 

Cinnamon, il DE creato dal team di sviluppo di Linux Mint per la propria distribuzione, è da poche ore approdato anche nei repository di openSUSE 12.2. Cinnamon arriva in versione di sviluppo, la 1.5.7, in attesa della 1.6 di cui abbiamo già parlato in precedenza e che vedrà la luce il prossimo Novembre, contemporaneamente al rilascio di Linux Mint 14 nome in codice Nadia. La notizia arriva direttamente dal Wiki ufficiale del progetto dove è apparsa una apposita pagina che spiega cosa è e come deve essere utilizzato al meglio Cinnamon.

Dopo esser approdato sui repository di importanti distribuzioni quali Fedora e a breve pure su Ubuntu e Debian, ecco che Cinnamon conquista un’altra distro storica come openSUSE. A quanto pare, lo stile GNOME 2.X continua a piacere a quanto pare e gli sviluppatori di openSUSE hanno deciso di includere questo interessantissimo De, che col prossimo rilascio diventerà a mio parere, un signor ambiente desktop.

La decisione annunciata sulla mailing del progetto è stata accolta sul web con entusiasmo in quanto il progetto pare evolversi molto rapidamente e allo stesso tempo risulta essere un ottimo progetto. Personalmente dopo un minimo di titubanza iniziale, apprezzo e simpatizzo parecchio per Cinnamon, il mix dell’esperienza utente offerta da questo desktop mi piace e con l’arrivo della versione 2D l’utenza potrebbe crescere a dismisura.

Via | List

Cinnamon approda nei repository di openSUSE 12.2 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di mercoledì 12 settembre 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
06

Rilasciata openSUSE 12.2

 

Con un mese di ritardo rispetto alla tabella di marcia, stilata e successivamente modificata, il team di openSUSE nelle scorse ore ha rilasciato la tanto attesa versione 12.2 di openSUSE. Inusuale il ritardo per la distribuzione del camaleonte verde, ritardo che possiamo giustificare viste le numerose novità e la qualità del rilascio, decisamente superiore rispetto alle precedenti.

In questa versione 12.2 abbiamo il consueto aggiornamento dei pacchetti, troviamo i nuovi DE: GNOME 3.4.2, KDE 4.8.4, XFCE 4.10 e LXDE aggiornato all’ultimo rilascio. Subito dopo aver comunicato il rilascio dell’aggiornamento il team ha affermato che verranno forniti a breve gli aggiornamenti per GNOME, che verrà portato alla versione 3.6 e per KDE, che riceverà la versione 4.9.1. Assieme ai più famosi DE, troviamo anche i pacchetti aggiornati, troviamo infatti: LibreOffice 3.5, GIMP 2.8, Krita 2.4, Inkscape 0.48.3.1, Amarok 2.5, GCC 4.7.1, X.org 1.12, Qt 4.8.1 e Firefox 14.0.1 (che verrà aggiornato a Firefox 15, al momento del rilascio). Per quel che riguarda le novità più “tecniche” troviamo la versione 44 di systemd, che permette un boot ancora più rapido, GRUB 2.00 e l’utilizzo di Playmouth.

Davvero ottimo questo rilascio di openSUSE, che con la versione 12.2 potrebbe continuare a riconquistare alcuni utenti persi negli ultimi anni. Ho avuto modo di provare la versione con GNOME e mi sento di esprimere un parere più che positivo. Possiamo trovare ulteriori informazioni riguardo questo interessantissimo rilascio consultando il post ufficiale di presentazione, tramite la pagina delle features e la completissima pagina delle note di rilascio, mentre è possibile scaricare la versione a questo indirizzo.

Via | H Online

Rilasciata openSUSE 12.2 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di giovedì 06 settembre 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
17

Un agosto di ricorrenze: Debian ha 19 anni, openSUSE ne ha compiuti 7

 

Logo di DebianSe in Italia l’agosto significa soprattutto relax – sempre più di rado, a quanto pare – nel resto del mondo occidentale molti progetti legati all’open source sono nati proprio in questo mese: mercoledì GNOME ha compiuto 15 anni, ma le ricorrenze sono iniziate giovedì scorso con openSUSE, che ha festeggiato i 7 anni. A seguito dell’acquisizione di SuSE da parte di Novell, infatti, Ted Haeger ha effettuato l’annuncio della nuova distribuzione il 9 agosto 2005 durante il LinuxWorld Expo. La versione commerciale è apparsa nel 1994.

Il compleanno più importante è indubbiamente quello di Debian: ieri, il progetto avviato il 16 agosto 1993 da Ian Murdock ha raggiunto i 19 anni. Entrambe, considerando SuSE dalla quale openSUSE deriva, sono nate da Softlanding Linux System (SLS) – la prima distribuzione mai realizzata che risale al 1992 – dopo Slackware che le ha precedute di qualche mese. La storia di Debian abbraccia quella di altri kernel, oltre a quello di Linus Torvalds, perché fra gli 11 porting distribuiti in questi anni sono presenti FreeBSD e GNU Hurd.

Il ruolo de «il sistema operativo universale» ha assunto un nuovo significato con Ubuntu e Jono Bacon – il responsabile della comunità di Canonical – non ha dimenticato di ringraziare gli sviluppatori di Debian, facendo gli auguri a una distribuzione senza la quale il progetto di Mark Shuttleworth «non sarebbe nulla». Molti dei programmatori di Ubuntu vengono proprio da Debian e alcuni di loro sono tuttora coinvolti nel mantenimento dei pacchetti di entrambe le distribuzioni. Di conseguenza, buon compleanno a openSUSE e Debian.

Via | Jono Bacon

Un agosto di ricorrenze: Debian ha 19 anni, openSUSE ne ha compiuti 7 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 17:00 di venerdì 17 agosto 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
03

Rilasciata openSUSE 12.2 RC2

 

Nelle scorse ore, il team di sviluppo di openSUSE ha rilasciato la versione RC 2 di openSUSE 12.2. Il rilascio in questione risulta essere piuttosto interessante visti i grandi miglioramenti per quel che riguarda lo sviluppo del sistema e la sua stabilità. Con un post piuttosto corposo, la comunità Italiana di openSUSE ha annunciato il rilascio di questa versione, illustrandone le novità.

Come ad ogni rilascio troviamo il consueto aggiornamento delle applicazioni e dei vari ambienti desktop, l’introduzione di GRUB 2, Plymouth, una rivisitata impostazione dei permessi, alcune interessanti modifiche a YaST, l’aggiornamento di Python alla versione 3.2.3 e incremento generale delle prestazioni di sistema, con una particolare attenzione per gli ambienti desktop “minori”.

Possiamo conoscere ed apprendere ulteriori informazioni riguardo questo rilascio grazie al post pubblicato sul blog della comunità Italiana di openSUSE, che come di consueto ci tiene aggiornato sugli sviluppi della distribuzione. È possibile inoltre scaricare la versione RC2 di openSUSE 12.2 da questo indirizzo.

Via | openSUSE Italia

Rilasciata openSUSE 12.2 RC2 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 17:00 di venerdì 03 agosto 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
28

Unity è tornato disponibile per Fedora 17, ma è mantenuto da openSUSE

 

Logo di UnityUnity, la soluzione di Canonical per il desktop di Ubuntu, è nuovamente installabile su Fedora: un gruppo di sviluppatori di openSUSE ha aperto un repository dedicato all’ultimo rilascio della distribuzione mantenuta dalla comunità di Red Hat. La notizia è arrivata con la disponibilità di Cinnamon, il fork di GNOME 3.x ideato per Linux Mint. A differenza di quest’ultimo, però, Unity non è stato accettato negli archivi dei pacchetti di Fedora 17 e difficilmente potrà esserlo in un prossimo futuro. Il perché è piuttosto evidente.

Canonical non ha mai ostacolato il porting di Unity su altre distribuzioni, eppure – escludendo il lavoro degli sviluppatori indipendenti – nessuna di esse ha deciso d’adottarlo. È un esplicito tentativo di fare “terra bruciata” attorno alla società di Mark Shuttleworth o più semplicemente una scarsa fiducia nel progetto? Ognuno faccia le proprie considerazioni. La disponibilità ufficiosa di Unity per openSUSE e/o Fedora è mancata nel febbraio del 2011, quando Nelson Marquez e Adam Williamson hanno sospeso i rispettivi progetti.

Dal punto di vista dell’utente, poco interessato alle questioni “politiche”, il rilascio di Unity su Fedora 17 aumenta le possibilità di scelta. Non essendo supportato in via ufficiale, il desktop environment rischia di compromettere seriamente la stabilità della distribuzione e non è sicuro che funzioni davvero: i pacchetti sovrascrivono dei componenti essenziali dell’ambiente grafico e gli aggiornamenti di Red Hat potrebbero creare dei conflitti. Quanti volessero provarlo, comunque, possono confidare nell’impegno di openSUSE.

Via | Jono Bacon

Unity è tornato disponibile per Fedora 17, ma è mantenuto da openSUSE é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di sabato 28 luglio 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
16

Jan-Simon Möller ha compilato il kernel di Linux in Clang su openSUSE

 

Linux 3.3.0 può essere compilato in Clang, utilizzando il backend di LLVM, per openSUSE 11.4 — la versione stabile precedente a quella attuale. È il risultato ottenuto da Jan-Simon Möller che collabora al progetto LLVMLinux di The Linux Foundation. Oltre a inizializzare il sistema ed effettuare il login dal terminale, Möller è riuscito ad avviare con successo il desktop environment. Nel video, l’unico errore sembra riguardare il profiling di AppArmor: non dovrebbe avere alcuna attinenza col compilatore utilizzato per il kernel.

Clang è il frontend di LLVM su C, C++, Objective-C e Objective-C++. Quanto basta per compilare il kernel. Rilasciato sotto una licenza BSD-like, sostituirà definitivamente GCC a partire da FreeBSD 10: ancora non esistono, invece, delle distribuzioni di Linux che proporranno altrettanto. La motivazione non è legata alla licenza di rilascio: la LLVM/UIUC di Clang, infatti, è compatibile con la GPLv3 come la GPLv2, utilizzata per il kernel. Debian e Fedora, ad ogni modo, hanno già sperimentato la compilazione dei singoli pacchetti.

LLVMLinux utilizza delle patch che non sono incluse nel kernel mantenuto da Linus Torvalds ed è disponibile esclusivamente per le architetture ARM, x86 (i586), x86_64 e MIPS. Al momento, non ne sono previste altre. Il test di Möller è stato effettuato con un laptop e Linux 3.3.0 a 64-bit. Le patch si riferiscono a questa specifica versione del kernel: almeno, a giudicare dal contenuto presente in un repository dedicato su Git. Poco affinché la toolchain possa essere adottata da una distribuzione, però è un esperimento positivo.

Via | openSUSE

Jan-Simon Möller ha compilato il kernel di Linux in Clang su openSUSE é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di lunedì 16 luglio 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
14

Arriva openSUSE 12.2 RC1

 

OpenSUSE LogoQualche giorno fa, il team di sviluppo di openSUSE ha rilasciato la prima versione RC per la versione 12.2 della distro rappresentata dal camaleonte verde. Originariamente attesa il 14 Giugno scorso, questo aggiornamento è arrivato lo scorso 11 Luglio, sono passati quattro giorni, tempo necessario per provare questa nuova versione.

OpenSUSE 12.2 introduce tante novità, ma porta sopratutto un consistente aggiornamento dei pacchetti, troviamo infatti il nuovissimo GRUB in versione 2.0.0, il package-manager Zypper alla versione 1.7.3, Plymouth 0.8.5.1, LibreOffice 3.5.4.6 (è previsto un aggiornamento per la release finale) e Chromium 22.0.190. Per quel che riguarda il comparto desktop troviamo GNOME 3.4, KDE 4.8.4, LXDE 0.51, XFCE 4.10; notizia un po’ meno felice per gli utenti KDE: non sarà infatti disponibile la versione 4.9, per questioni puramente di tempistiche.

Sono già disponibili per il download alcune immagini in formato DVD per testare i progressi e segnalare i vari bug, che gli sviluppatori chiedono di segnalare per migliorare la qualità del rilascio di openSUSE 12.2. Insieme a questo rilascio, è stata aggiornata la lista dei problemi noti, dalla quale scompaiono i vari crash di KDE e Gnome-Shell.

Via | H-Online

Arriva openSUSE 12.2 RC1 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 20:00 di sabato 14 luglio 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
28

Ecco le novità di openSUSE 12.2

 

OpenSUSE LogoNelle prossime settimane, come da consueta roadmap dovremmo assistere al rilascio di openSUSE 12.2 nonostante qualche piccolo rallentamento dovuto a qualche ritardo. OpenSUSE è sicuramente una delle distribuzioni GNU/Linux più importanti e di spicco all’interno del mondo del pinguino e anche questa, è pronta a lanciare una nuova versione della sua distro con alcune interessanti novità.

Secondo quanto possiamo apprendere dalla pagina ufficiale del wiki di openSUSE, nella versione 12.2 troveremo infatti li comparto dei DE aggiornato alle ultime versioni: GNOME 3.4, XFCE 4.10, KDE 4.8, Cinnamon e probabilmente LXDE; tra le altre novità software troviamo il kernel Linux 3.4, i driver Mesa 8.0, GCC 4.7.x, Pulse Audio 2.0 e Xorg-server 1.12.1.

Decisamente interessante openSUSE 12.2 che darà una rinfrescata ai pacchetti della precedente versione. Che openSUSE stia provando a riprendere terreno perso a causa di Ubuntu? Fedora ha deciso di rialzare la testa e innovare, non solo aggiornare. Vediamo se in futuro openSUSE saprà innovare.

Via | Muktware

Ecco le novità di openSUSE 12.2 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 18:00 di giovedì 28 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
15

Ritardi per openSUSE 12.2, gli sviluppatori prendono tempo

 

OpenSUSE Logo Gli sviluppatori di openSUSE non potranno rispettare la scadenza per il rilascio della versione 12.2, inizialmente fissata per Luglio. Stephan Kulow, release manager, ha colto l’occasione per porre la problematica in termini di organizzazione e qualità dei processi.

Come osservato anche da Jos Poortvliet, community manager di openSUSE, in diverse occasioni gli sviluppatori si sono ritrovati nella situazione di dover ritardare, o addirittura cancellare, alcune milestones durante il ciclo di rilascio. Il tutto sembra essere una presa di coscienza del fatto che l’attuale modello consente di rispettare gli standard qualitativi della distribuzione.

La discussione in atto sarà fondamentale per il futuro di openSUSE, su un punto però sembrano essere tutti d’accordo: ritardare non può più essere considerata una soluzione. A questo punto, il ritardo ha il ruolo di portare un ripensamento nelle politiche di rilascio e nella gestione dei pacchetti. Attualmente, ci sono troppi pacchetti non sufficientemente stabili che stanno saturando le risorse disponibili. Inoltre, la complessità delle dipendenze porta ad avere situazioni dove “pacchetti rompono altri pacchetti”.

Al momento non ci sono altre certezze sulla data di rilascio. La proposta di Stephan Kulow di aumentare la soglia di tolleranza per i pacchetti che possono entrare in factory, sta generando un ampio dibattito e non potevano ovviamente mancare i più radicali devoti del modello rolling release. Qualunque siano gli esiti della discussione, gli sviluppatori hanno dimostrato di voler porre fine a situazioni critiche come quella attuale, dove il numero dei pacchetti difettosi durante il ciclo non è mai sceso sotto i 100.

Via | The Register

Ritardi per openSUSE 12.2, gli sviluppatori prendono tempo é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:32 di venerdì 15 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
20

openSUSE 12.2 Milestone 3 disponibile al download

 

Mi piace +1 Tweet

Gli sviluppatori di openSUSE hanno annunciato di recente la disponibilità della versione openSUSE 12.2 Milestone 3, con interessantissime novità. Tra le novità di spicco troviamo GNOME 3.4, LibreOffice 3.5.2 e GCC 4.7.

Come era già successo con la prima Milestone, anche questa ha subito un leggero ritardo dovuto alla volontà degli sviluppatori di testare a fondo la release prima di distribuirla per i vari canali ufficiali. La prossima Milestone è attesa per il 26 Aprile, contemporaneamente al rilascio di Ubuntu 12.04.

Le novità di questa versione sono numerosissime e consistono principalmente nell’aggiornamento dei pacchetti: troviamo: GNOME 3.4, LibreOffice 3.5.2. GCC 4.7, KDE SC 4.8.2 ed una nuova e più stabile versione di Plymouth. Nei piani futuri troviamo inoltre la volontà di includere GRUB2, impossibile allo stato attuale per motivi tecnici.

Insieme a questo rilascio è arrivato anche un sostanziale miglioramento del portale software di openSUSE, http://software.opensuse.org/ che ora presenta una nuova UI, numerosi screenshots delle varie applicazioni e informazioni più approfondite riguardo un software e il relativo aggiornamento.

Via | openSUSE News

openSUSE 12.2 Milestone 3 disponibile al download é stato pubblicato su Ossblog.it alle 22:00 di giovedì 12 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
19

openSUSE 12.2: ecco la prima milestone

 

Mi piace +1 Tweet


Il team di sviluppo di openSUSE ha rilasciato di recente la prima milestone per la versione 12.2 della omonima distro. Questa risulta essere la prima di ben quattro milestone, alle quali succederanno una versione beta e due release candidate. Secondo il piano di sviluppo ipotizzato dagli sviluppatori e pubblicato sulla apposita pagina del Factory Portal, la versione 12.2 di openSUSE dovrebbe arrivare a metà Luglio dell’anno corrente.

Orientata principalmente a sviluppatori e test, questo rilascio risulta essere un passo intermedio tra openSUSE 12.1 e la version 12.2, non troviamo infatti numerosi cambiamenti e/o miglioramenti, possiamo trovare nuovi artwork, la versione 4.8 di KDE SC e l’ultima versione di Mozilla Firefox. Possiamo conoscere ulteriori cambiamenti all’interno della apposita pagina.

Questa prima versione di openSUSE 12.2 è disponibile per il download nelle varianti da 32 e 64 bit direttamente dalla pagina del progetto. Il team, come sempre invita a sviluppatori, test o ai semplici contributori di segnalare il maggior numero di bug possibili in modo da rendere la distro mano a mano più stabile.

Via | The H Online

openSUSE 12.2: ecco la prima milestone é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di domenica 19 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
10

Old Toad, la birra (sì, la birra) creata per la comunità di openSUSE

 

Mi piace +1 Tweet

Old Toad – openSUSE BräuOld Toad prende in parola il detto «free as in free beer». Perché, infatti, è proprio una birra — commissionata dagli sviluppatori bavaresi di SUSE e openSUSE. Molti di loro sono originari della Fränkische Schweiz: una regione della Oberfranken, nota per l’enorme quantità di birrifici a gestione familiare. Ahimè, non è open source.

Prodotta da Klosterbrauerei Weißenohe, un’azienda di famiglia nei pressi di Nuremberg, Old Toad ha esordito alla seconda conferenza internazionale di openSUSE. Il prodotto ha all’incirca un anno: le bottiglie da 0,33L sono state vendute a 1€ durante il FOSDEM 2012 di Bruxelles… per la gioia di quanti non apprezzavano le birre belga.

Rispetto ad altre bevande del genere – ad esempio, la Ubuntu Cola – Old Toad è l’unica a essere prodotta direttamente dalla società che promuove. La distribuzione della birra è limitata agli eventi del settore ai quali è presente uno stand di openSUSE: non è acquistabile con altre modalità. Il prossimo “giro” sarà al LinuxTag 2012.

Via | Phoronix

Old Toad, la birra (sì, la birra) creata per la comunità di openSUSE é stato pubblicato su Ossblog.it alle 08:00 di venerdì 10 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
04

Ecco openSUSE Edu Li-f-e 12.1

 

Mi piace +1 Tweet

L’openSUSE Education development team ha annunciato recentemente il rilascio della versione 12.1 di openSUSE Edu: Linux for Education (L-i-f-e), questa variante di openSUSE include numerosi tool per studenti, docenti e genitori.

Questa versione modificata di openSUSE permette di scegliere tra i due maggiori desktop: GNOME 3.2 e KDE 4.7. I software aggiuntivi specifici per questa versione riguardano principalmente la matematica, la chimica e l’astronomia, per i più giovani troviamo molte applicazioni per il disegno e lo svago come GCompris, Childispaly e TuxPaint.

Ovviamente sono inclusi i classici tool di amministrazione, ma troviamo anche Moodel, ATutor e FreeSMS. Attualmente però questa versione di openSUSE Edu è disponibile solamente in versione a 32 bit, e necessita del kernel-pae su macchine con 4 o più GB di RAM.

Possiamo trovare ulteriori informazioni riguardo questo rilascio nel post sul portale openSUSE, insieme ad un buon numero di screenshot. Possiamo scaricare le immagini ISO direttamente dalla pagina ufficiale di SourceForge.

Ecco openSUSE Edu Li-f-e 12.1 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di mercoledì 04 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top