apr
02

Importare un planet di OpenStreetMap in un database PostgreSQL 9.1 con estensione Postgis

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
28

Libertà digitali a Vicenza e OSMit a Padova

 

Vorrei segnalarvi alcuni appuntamenti legati al software libero (e non solo) che si svolgeranno a Padova e Vicenza nei prossimi giorni. In particolare, la tappa vicentina del festival delle libertà digitali si articola in 3 appuntamenti:

  • Domenica 2 ottobre – ore 09.30
    Escursione al Pian delle Casarette, laboratorio ambientale, Valstagna (VI)
  • Martedì 4 ottobre – ore 20.30
    Internet contro Gutenberg: 1 a zero - tavola rotonda sul destino dei libri
    L’editoria e i lettori stanno cambiando grazie alla Rete e alle nuove tecnologie. Quale sarà il libro di domani? La separazione tra “contenuto” e “contenitore” farà sparire i libri che conosciamo?
  • Mercoledì 5 ottobre – ore 17.30
    Adotta un libro - incontro culturale
    Come Internet e il volontariato delle comunità online “wiki” possono aiutare a preservare e diffondere i contenuti culturali.

I dettagli di ogni singola giornata li potete trovare sul sito ufficiale, nella pagina dedicata a Vicenza.

Il 7 e l’8 ottobre invece si tiene a Padova l’OSMit, un incontro degli utenti OpenStreetMap italiani. È un’ottima occasione per conoscere e approfondire la conoscenza delle tematiche legate alla mappatura del territorio, l’apertura dei dati, e la comunità OSM stessa. Il programma degli interventi è molto ricco, per cui vi mando direttamente alla pagina dove troverete l’elenco completo di tutti i talk. ;)

Una nota a margine, per quanto riguarda il Linux Day a Bassano del Grappa, tra pochi giorni pubblicherò un post e troverete anche il volantino da scaricare. Se siete impazienti, sul sito di GrappaLUG c’è già buona parte del programma. :)

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
18

Ushahidi e OpenStreetMap collaborano sulla crisi sismica in Giappone

 

Ushaidi - OpenStreetMap (Japanese Earthquake)

Ushahidi, la piattaforma africana per l’analisi di big data, è stata applicata da alcuni studenti nipponici alla crisi sismica che ha colpito il Giappone. Per la visualizzazione delle informazioni è stata scelta OpenStreetMap: in poco tempo sono stati raccolti oltre 3.000 report dalle aree più colpite dal terremoto (e dal maremoto).

L’iniziativa è partita da The Fletcher School della Tufts University di Boston, già mobilitata per il progetto di Ushahidi su Haiti. OpenStreetMap propone un progetto a sé, per la mappatura dei luoghi del sisma in Giappone: Ushahidi è stata concepita per la gestione delle crisi, perciò l’incontro tra le piattaforme era inevitabile.

Purtroppo è difficile contribuire dall’Italia: servono traduttori dall’inglese al giapponese, oltre a residenti in loco per le segnalazioni. L’unico modo per dare il proprio contributo sembra essere il sistema delle donazioni, facendo attenzione a non incorrere nei siti di phishing che sono già stati predisposti da malintenzionati.

Via | Ushahidi

Ushahidi e OpenStreetMap collaborano sulla crisi sismica in Giappone é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di venerdì 18 marzo 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
17

MapQuest offre un applicazione gratuita per Android su OpenStreetMap

 

MapQuest AndroidMapQuest, dopo un consistente investimento su OpenStreetMap, rinnova l’interesse sull’open source con un’applicazione gratuita per Android. Già scaricabile dall’Android Market, l’applicazione copre il nostro Paese: aggiunge agli itinerari per ciclisti quelli pedonali guidati come sui tradizionali GPS. Le mappe sono di OpenStreetMap.

MapQuest 4 Mobile è l’applicazione ufficiale di MapQuest per iPhone e BlackBerry: quella per Android, lanciata soltanto ieri, è molto simile alla versione su iOS. Si chiama semplicemente MapQuest e sostituisce alla mappatura standard le mappe di OpenStreetMap. L’applicazione richiede l’autorizzazione al GPS e ai dati in background.

Perché si possa abilitare la feature di text-to-speech è richiesta SpeechSynthesis Data Installer, un’applicazione gratuita. Lo switch alla mappatura di OpenStreetMap potrebbe non essere automatico: è possibile effettuarlo manualmente dalle impostazioni. Non è possibile cambiare la lingua: MapQuest 1.0.0 Beta è soltanto in inglese.

Via | ReadWriteWeb

MapQuest offre un applicazione gratuita per Android su OpenStreetMap é stato pubblicato su ossblog alle 11:00 di giovedì 17 febbraio 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
24

Il fondatore di OpenStreetMap entra nel team Bing Maps

 

Steve Coast, fondatore dell’OpenStreetMap (OSM), ha annunciato che è stato assunto da Microsoft per lavorare nel team di Bing Maps.

Si trasferirà da Seattle a Washington per lavorare su progetti “maptastic” con la qualifica di Principal Architect a Bing Mobile. Se state già pensando che sia un peccato questa notizia, Microsoft fornirà accesso alle sue immagini satellitari ortorettificate al progetto OpenStreetMap che continuerà a rimanere indipendente.

Steve Coast si dice entusiasmato per questa opportunità e non possiamo che credere che il futuro porterà a lui ed al progetto OpenStreetMap sfide interessanti e gustose novità.

Via | Steve Coast

Il fondatore di OpenStreetMap entra nel team Bing Maps é stato pubblicato su ossblog alle 13:59 di mercoledì 24 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
16

Open MapQuest e gli itinerari collaborativi per ciclisti con OpenStreetMap

 

Open MapQuest

Abbiamo parlato altre volte di come MapQuest (un’azienda di cui è proprietaria AOL) abbia abbracciato il progetto OpenStreetMap con investimenti in denaro e quant’altro. Con l’integrazione del servizio di mappatura collaborativo, MapQuest ha raggiunto anche l’Italia e altri Paesi europei. La partnership sta continuando e i servizi connessi sono sempre interessanti, come in questo caso.

Il valore aggiunto di MapQuest consiste essenzialmente nell’Open Directions Service, un set di API per realizzare applicazioni e mashup basati sulla mappatura di OpenStreetMap. Tale servizio è disponibile in diversi formati tra cui JSON e XML: la documentazione è piuttosto completa e propone un efficace tool per provare le query. L’ultimo aggiornamento ha aggiunto pure le bike route.

Col termine bike routing non s’intende altro che gli itinerari per ciclisti. Non è prevista soltanto la mappatura delle piste ciclabili, ma soprattutto la realizzazione di percorsi specifici per l’uso delle biciclette anziché dell’automobile. Altre possibili applicazioni riguardano la condivisione degli itinerari d’allenamento o, il geocaching. Opzioni di tutto rispetto per MapQuest e OpenStreetMap.

Via | ReadWriteWeb

Open MapQuest e gli itinerari collaborativi per ciclisti con OpenStreetMap é stato pubblicato su ossblog alle 14:00 di martedì 16 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top