giu
30

Gnome Shell vs Ubuntu Unity ? DIY with Cairo-Dock Session

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
27

8 tips for Ubuntu Linux to succeed

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
04

Netbook ASUS EeePC 1011PX con Ubuntu Linux da Mediaworld

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
22

Nuovi netbook economici e tablet nei supermercati spagnoli

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
08

Linuxcast #25 – Come fare fare uno Screencast su Linux Ubuntu

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
18

Il nuovo sistema operativo basato su Linux per i netbook è WebOS 2.0

 

HP WebOS 2.0Forse, Chrome OS e il netbook CR-48 di Google costituiscono la novità più attesa per il settore mobile di Linux… benché l’innovazione del prodotto sia molto relativa e da più parti parlino prematuramente di un fallimento annunciato. Google dimostra comunque di credere nel progetto, tanto da avere assunto Scott Remnant per Upstart. Dal 9 febbraio un altro soggetto dovrebbe inserirsi nella competizione.

È Hewlett-Packard (HP), che ha acquisito Palm e con essa WebOS — un sistema operativo Linux-based installato sul Pre Plus e su altri smartphone tuttora assenti dal mercato italiano. WebOS 2.0 è stato annunciato in ottobre e l’evento di HP del 9 febbraio dovrebbe estendere le funzionalità del sistema a tablet e netbook. Un segnale positivo, che conferma l’interesse per un segmento duro a “morire”.

Gli analisti, magari condizionati dall’iPad, si sono affrettati a determinare la scomparsa dei netbook in favore dei tablet. Ciò nonostante, aziende del calibro di Google e HP continuano a investire sui computer ultra-portatili. Prezzi e versatilità sono caratteristiche che portano molti utenti ad acquistare ancora dei netbook: WebOS ha più affinità con Android che con Chrome OS e può essere intrigante.

Via | ZDNet

Il nuovo sistema operativo basato su Linux per i netbook è WebOS 2.0 é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di martedì 18 gennaio 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
20

Jolicloud ha già cominciato a distribuire il proprio Jolibook a $380

 

Parlando di Jolicloud abbiamo accennato alla possibilità che la società parigina distribuisse un netbook per promuovere la diffusione del sistema basato su Ubuntu. L’ultra-portatile in questione è apparso in Gran Bretagna al costo di £279 e cioè circa $380. Curioso che un’azienda francese non abbia scelto il proprio Paese per il lancio e non sia stato annunciato il prezzo in euro. Il Jolibook è molto simile a un EeePC e stando alle caratteristiche dichiarate il costo non è dei più competitivi. Ha senso offrire Jolicloud preinstallato su un dispositivo?

Via | CrunchGear

Jolicloud ha già cominciato a distribuire il proprio Jolibook a $380 é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di sabato 20 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
08

[Ubuntu 10.10] Netbook e Intel GMA500. Guida all’installazione.

 

Il chipset intel GMA500 è montato su molti netbook come Sony Vaio P, Acer Aspire One 751, Asus Eee PC 1101HA, Asus Eee PC 1201HA, Asus Eee PC T91MT, Dell Inspiron Mini 12. Il problema è che per sfruttare al meglio le sue potenzialità (leggete questo articolo per maggiori informazioni circa il supporto di linux e video HD) bisogna installare driver non presenti nella versione ufficiale della distribuzione.

Il modo per far funzionare egregiamente questo chipset/scheda video su Ubuntu 10.10 è utilizzare i driver presenti in ppa e effettuare qualche modifica a Xorg.conf.

Scarichiamo i driver:

sudo add-apt-repository ppa:gma500/ppa && sudo aptitude update && sudo aptitude install poulsbo-driver-2d poulsbo-driver-3d poulsbo-config

Apriamo il file di configurazione di GRUB

sudo gedit /etc/default/grub

inseriamo la stringa (anche alla fine del file):

GRUB_CMDLINE_LINUX="acpi_osi=Linux acpi_backlight=vendor"

Inoltre, se abbiamo 1gb di ram inseriamo la stringa :

GRUB_CMDLINE_LINUX="mem=896mb"

Per 2gb di ram:

GRUB_CMDLINE_LINUX="mem=1920mb"

Aggiorniamo grub e riavviamo.

sudo update-grub
sudo halt

Al riavvio andiamo a modificare il file xorg.conf

sudo gedit /etc/X11/xorg.conf

Andiamo alla sezione Device e controlliamo che tutto sia configurato come segue :

Section "Device"
Identifier "Configured Video Device"
Option "AccelMethod" "EXA"
Option "MigrationHeuristic" "greedy"
Option "ExaNoComposite" "true"
EndSection

Riavviamo X.

Non ho testato ancora con Compiz… fatemi sapere!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
11

Nuova Ubuntu e nuovo netbook a 179€

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
26

Linux sui netbook

 

Vorrei segnalare (anche se un po in ritardo) la nascita di un nuovo blog dedicato a come installare, configurare ed ottimizzare Linux sui netbook.

Apprezzabile sopratutto il fatto che sia un blog non specifico di una certa distribuzione, avendo tra i fondatori/autori utenti di Arch, OpenSuse, Fedora e Debian.

In bocca al lupo per questa vostra avventura!

Se volete dare una occhiata, lo trovate a questo indirizzo; mi raccomando, dite che vi mando io ;-)


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
22

Unity? Gnome-Shell? Mah…

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
27

MeeGo 1.0 per Intel Atom

 

MeeGoIl giorno è finalmente arrivato: ieri in tarda serata MeeGo 1.0 ha visto la luce a circa due mesi di distanza dalla prima anteprima pubblicata. La ISO scaricabile ora è completa di desktop environment e pronta per l’installazione su netbook e nettop equipaggiati con processori Intel Atom. Non è ancora pronto il port per CPU di tipo ARM, né la piattaforma mobile ottimizzata per Nokia N900 e device portatili che montano Moorestown.

Una release che avviene in 2 formati: a differenza della versione core, quella con Chrome prevede l’accettazione della licenza EULA per il browser “brandizzato” di Google. L’altra include l’installazione di Chromium, perciò non è necessario affrontare questo step. Entrambe sono disponibili come download diretti nella pagina ufficiale di MeeGo, su cui campeggiano ancora le precedenti ISO distribuite per tutte le architetture. Considerate che al momento non esistono file .torrent e i mirror sono presi d’assalto.

L’impressione è che Intel e Nokia abbiano pensato di bruciare sul tempo la multinazionale di Mountain View, che non ha presentato Chrome OS all’ultimo Google I/O 2010: la versione per netbook di MeeGo 1.0 include infatti una rivisitazione dell’interfaccia grafica già conosciuta con Moblin. Chi fosse interessato a provare la distribuzione sappia che non può funzionare con CPU che non dispongano di estensioni SS3 e in generale è consigliato disporre di uno dei device compatibili: anche la virtualizzazione è inibita sui principali software esistenti.

MeeGo 1.0 per Intel Atom é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di giovedì 27 maggio 2010.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
01

5 Alternative open source ad iPad

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

Recensione Kubuntu Lucid Lynx Beta 1 –Parte 2: KDE 4.4: panoramica–

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
03

Lxde conquista anche Mint. Saranno i netbook a decretarne il successo?

 

E’ pronta per il rilascio la versione di Mint con desktop environment Lxde, studiata per oltre un anno da Kendall Weaver e già approvata da Exploder. Lo riporta il blog della distro che per vocazione lavora su Ubuntu. Da tempo sul forum di Mint si parlava di inserire Lxde fra i desktop della distro, e anzi un membro del forum l’aveva già fatto plaudendo a eleganza e velocità del sistema ottenuto.

Questa volta l’allievo ha quasi battuto il maestro, tanto che mentre procede molto bene il progetto Lubuntu, come abbiamo riferito su ossblog, Mint con Lxde è già pronta al rilascio. Anzi, si discute se presentarla come “Community” o “Official release”, ipotizzando anche di pagare gli sviluppatori che investono il proprio tempo nelle versioni della comunità per renderle progetti con tutti i crismi dell’ufficialità, facendole uscire in contemporanea e garantendo una manutenzione di livello superiore.

Ora, mentre come lo scorso anno anche quest’estate i protagonisti della Summer of Code di Google lavoreranno anche su questo leggerissimo desktop, verrebbe spontaneo chiedersi: per quale motivo continuare a sviluppare desktop ultraleggeri quando i pc sono sempre più potenti? Va da sè che la risposta sono i netbook, su cui davvero un desktop leggero può fare (forse) la differenza. Basta dare un’occhiata a quello che ha fatto ugm6hr, un utente di ubuntuforums.org, personalizzando Ubuntu sul netbook partendo da Lxde e scegliendo i programmi più leggeri in circolazione.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top