feb
17

Splashtop OS, un sistema operativo mobile basato su Chromium e MeeGo

 

Splashtop OSSplashtop OS è un sistema operativo per laptop e netbook basato su Chromium e MeeGo. Se rimane incerto il futuro di MeeGo con la partnership tra Microsoft e Nokia su Windows Phone 7, questo “fork” è immediatamente disponibile. Splashtop OS sostituisce MeeGo a Ubuntu in un progetto del tutto simile a Jolicloud. S’installa da Windows.

Presentato al MWC 2011, Splashtop OS è il più ambizioso di tre progetti: Splashtop Remote permette di visualizzare il desktop su tablet, netbook e smartphone, mentre Splashtop Connect è un’estensione per Mozilla Firefox e Google Chrome (disponibile soltanto per Windows). Perciò la definizione di fork, rispetto a MeeGo, è impropria.

Il progetto è stato realizzato da Splashtop per fornire ai distributori OEM del proprio hardware un’alternativa a Windows 7, ritenuto troppo pesante, e Windows Phone 7, troppo limitato. Integra Intel AppUp e può diventare intrigante per lo sviluppo: non è un prodotto open source e non intende essere un’alternativa a MeeGo di Intel.

Via | Phoronix

Splashtop OS, un sistema operativo mobile basato su Chromium e MeeGo é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di giovedì 17 febbraio 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
01

The Document Foundation ha creato LibreOffice 3 Portable per Windows

 

LibreOffice PortableLibreOffice 3.3 è stato rilasciato appena una settimana fa, con un paio di giorni d’anticipo rispetto a OpenOffice 3.3.0 di Oracle — abbiamo corretto l’errore sul rilascio di quest’ultimo, dovuto a un comunicato stampa male interpretato. Molte distribuzioni avevano già annunciato il supporto alla suite e i pacchetti sono disponibili nei repository di Ubuntu. Vedremo quale sarà la sorte dei mockup che impazzano sulla rete.

La buona notizia, però, riguarda soltanto gli utenti di Windows. The Document Foundation ha lavorato con PortableApps a una versione di LibreOffice che può essere installata su dischi portatili con interfaccia USB, ecc. in associazione a jPortable (per il supporto a Java). La suite è completamente gratuita, come l’originale. E dell’originale conserva tutte le feature, tra le quali l’importazione dei documenti in formato PDF.

Nel dare l’annuncio di LibreOffice Portable, la fondazione ha assicurato che il ciclo di sviluppo seguirà la versione tradizionale. Un aspetto da chiarire è la possibilità d’installare LibreOffice Portable sui dischi delle infrastrutture per il cloud computing. È probabile che questa nota si riferisca genericamente ai Network-Attached Storage (NAS), anziché a Windows Azure e servizi equivalenti. Rimane un’ottima opportunità.

Via | The Document Foundation

The Document Foundation ha creato LibreOffice 3 Portable per Windows é stato pubblicato su ossblog alle 11:00 di martedì 01 febbraio 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
18

Redo Backup and Restore 0.9.7, un LiveCD per ripristinare il sistema

 

Redo Backup and Restore

Il settore degli strumenti per il backup e il ripristino di sistema propone – almeno, per quanto riguarda Linux – diverse alternative. Clonezilla, Ghost 4 Linux e SystemRescueCD sono soltanto alcune delle tante soluzioni disponibili. Redo Backup and Restore è un altro LiveCD sulla falsariga di quelli appena citati e permette il bare-metal restore per dischi cancellati.

Che si debba recuperare un sistema Linux o, Windows il LiveCD può leggere i dati rimossi dall’hard disk grazie a PhotoRec: è un software che individua i file cancellati, dalle singole immagini (e video, ecc.) a un intero disco. Non mancano degli strumenti come GParted e Partclone. Redo Backup and Restore si connette a internet per il recupero di driver mancanti.

Se non si deve resuscitare un sistema danneggiato, Redo Backup and Restore può servire per effettuare un backup completo da ripristinare all’occorrenza. Una caratteristica molto interessante è l’uso di xPUD per la creazione dell’interfaccia grafica: Redo Backup and Restore può essere utilizzato anche dagli utenti meno esperti e per salvare Microsoft Windows.

Via | Linux Magazine

Redo Backup and Restore 0.9.7, un LiveCD per ripristinare il sistema é stato pubblicato su ossblog alle 12:00 di martedì 18 gennaio 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
10

Le video-chiamate di gruppo con Skype 5.0 sono fornite da WebM/VP8

 

WebMSkype è stato tra i primi a supportare ufficialmente il progetto WebM di Google. Ciò nonostante, finora il supporto è stato soltanto sulla carta. Con l’introduzione delle video-chiamate di gruppo in Skype 5.0 la situazione è cambiata: queste, infatti, sfruttano il codec del container VP8.

È un successo per WebM, poiché le statistiche indicano che il 40% delle chiamate via Skype utilizzano la funzione di streaming video. Perciò l’utilizzo del codec subirà presto un’impennata esponenziale. Purtroppo, le video-chiamate di gruppo sono solo per i client di OS X e Windows.

Nel sottolineare il successo di VP8/WebM su Skype è inevitabile tornare a ciò che avrebbe dovuto mettere il turbo al client per Linux. Che risultati ha avuto lo SkypeKit SDK su Linux?

Via | WebM

Le video-chiamate di gruppo con Skype 5.0 sono fornite da WebM/VP8 é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di mercoledì 10 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
10

Lightworks sarà pronto entro Natale, ma solo per Microsoft Windows

 

Lightworks

Lightworks, l’editor video non-lineare di qualità professionale, è prossimo al rilascio come programma open source. In aprile avevamo dato l’annuncio della “liberazione” di Lightworks che ha seguito l’acquisizione da parte di EditShare LLC. Terminata questa prima decade di novembre, il nuovo distributore ha aggiornato il sito ufficiale dell’applicazione con le novità.

Poiché il rilascio di Lightworks non intende soltanto modificare la licenza del programma, il percorso sarà ancora lungo. Tuttavia, chi ha avuto l’accortezza di pre-registrarsi in aprile potrà scaricare una prima versione di Lightworks dal 29 novembre prossimo. Purtroppo, questa release riguarda soltanto gli utenti di Microsoft Windows XP e 7 a 32-bit e a 64-bit.

Uno degli aspetti che ha reso molto interessante il nuovo corso di Lightworks era piuttosto la notizia del porting su OS X e Linux. EditShare non ha affatto cambiato idea, ma perché Lightworks supporti queste piattaforme ci vorrà del tempo. Nell’attesa si può optare per Kdenlive, OpenShot, PiTiVi, ecc.: la disponibilità dei port è prevista entro la fine del 2011.

Via | Phoronix

Lightworks sarà pronto entro Natale, ma solo per Microsoft Windows é stato pubblicato su ossblog alle 11:00 di mercoledì 10 novembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
30

Microsoft SDL ha abbracciato Creative Commons

 

Microsoft SDL

Continuano a emergere buone notizie dal fronte Microsoft. Gli strumenti per sviluppare programmi secondo i princìpi di sicurezza previsti dal Security Development Lifecycle saranno disponibili come Creative Commons BY-NC-SA 3.0. Tutte le applicazioni Microsoft da Windows Vista in avanti sono state sviluppate con SDL, un processo inaugurato solo nel 2002.

Precedentemente gli strumenti per SDL erano protetti da una licenza che ne consentiva la distribuzione soltanto ai partner. La scelta di rendere ridistribuibili gli elementi costitutivi del processo renderà più semplice l’integrazione di SDL in software di terze parti. Il Security Development Lifecycle è stato concepito come un progetto del Trustworthy Computing.

David Ladd ha spiegato con un intervento dettagliato sul cambio di licenza che i primi documenti rilasciati sotto Creative Commons sono la Simplified Implementation of Microsoft SDL e il Microsoft Security Development Lifecycle – Version 5.0. Si tratta di due documenti in lingua inglese sulle linee guida di SDL: è ancora presto per poterne scaricare il toolkit.

Via | MSDN

Microsoft SDL ha abbracciato Creative Commons é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di lunedì 30 agosto 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
26

IKVM.NET: un esempio d utilizzo con RSSOwl

 

OpenJDKIKVM.NET è un’implementazione di OpenJDK per Mono (in ambiente Linux/OS X) e .NET (in ambiente Windows). Sperando che Oracle non voglia tagliare anche a quest’ultimo, che era sovvenzionato da Sun Microsystems, si tratta di un ottimo progetto GPLv2+CE.

Jeroen Frijters, uno degli sviluppatori di IKVM.NET, trovatosi a fronteggiare un problema d’aggiornamento del proprio lettore RSS ha pensato di compilare RSSOwl con ikvmc. Superati i problemi dovuti al diverso sistema di sviluppo, ha scritto una guida per Windows.

Si noti che IKVM.NET utilizza la 2ª versione di .NET Framework (contenuta anche nella 3.5). La compilazione non è semplice: date uno sguardo al file mk.bat per sistemare correttamente i path. Sembra che OpenJDK abbia problemi con uno dei plugin di RSSOwl. Nel contesto è inutile, ma aiuta a capirne la struttura.

Via | IKVM.NET

IKVM.NET: un esempio d utilizzo con RSSOwl é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di giovedì 26 agosto 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
26

Centrify Express per Active Directory su Linux e OS X

 

CentrifyCentrify ha recentemente rilasciato un tool gratuito per Active Directory che si presenta come una soluzione più completa della semplice implementazione open source del protocollo Microsoft. Centrify Express è una versione ridotta della suite professionale per Linux e OS X.

Lo scopo di Centrify Express è quello di dare agli utenti la possibilità di provare alcune delle funzionalità della più avanzata Centrify Suite. Per molti, questa versione free è più che sufficiente. Il tool include anche DirectControl Express e DirectManage Express, applicazioni ridotte degli omonimi prodotti commerciali.

Per l’abilitazione al download Certify richiede nome, cognome e indirizzo e-mail: il link all’archivio dei pacchetti sarà inviato a quest’ultimo. Sono molte le distribuzioni per cui è prevista una versione precompilata di Certify Express ed esiste pure un’immagine per VMware. Chi ne avesse bisogno può scaricare gratuitamente anche il software per Windows.

Via | ZDNet

Centrify Express per Active Directory su Linux e OS X é stato pubblicato su ossblog alle 09:00 di lunedì 26 luglio 2010.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top