lug
18

Rilasciato NMAP 5

 

Da un paio di giorni Insecure.Org ha annunciato che è finalmente pronta e rilasciata la nuova versione del più celebre tool di Security Scanner, NMAP 5.0 . E’ sicuramente uno dei software che non può mancare nella nostra cassetta degli attrezzi hacker e non solo.

nmap5-samplescan-thumbnail-360x323

NMap è divenuto talemente importante per il mondo informatico che viene anche citato spesso in film cult come Matrix Reloaded,Bourne Ultimatum,Die Hard 4,Game of Deat,The Listening e tanti altri ( per approfondimento http://nmap.org/movies.html ).

Sul sito ufficale troviamo un release note dettagliato che ci indica le novità della versione 5.0. Io vi propongo la versione tradotta in italiano.

  1. Ncat, componente di Nmap derivato da  netcat il nuovo coltellino svizzero delle reti. E’ stata pubblicata anche una guida per questo tool disponibile qui.
  2. E’ stato aggiunto il tool Ndiff, un programma che consente di monitorare costantemente i cambiamenti da una scansione all’altra della rete in modo da concentrare l’attenzione solo sui cambiamenti. Inoltre è stato ulteriormente migliorato il frontend grafico, ZenMap,  sempre più completo.
  3. Miglioramento delle prestazioni grazie al ritocco degli algoritmi di scansione e alle ricerche sulle porte più comunemente aperte tra gli host in Internet.
  4. E’ stata pubblicata la nuova versione del libro Nmap Network Scanning, metà del quale è consultabile anche online. Si tratta di uno strumento essenziale per capire il funzionamento interno di Nmap e tutti i segreti del “port scanning”.
  5. Un’altra caratteristica molto importante di Nmap è NSE ( Nmap Scripting Engine ), un potente strumento per automatizzare le operazioni più comuni effettuate attraverso il tool o per creare delle vere e proprie applicazioni che sfruttino le potenzialità e le prestazioni delle API offerte da Nmap per una varietà di scopi legati alle reti ( dal controllo per specifiche vulnerabilità al bruteforcing di protocolli come SNMP o POP3 ). 32 nuovi script sono stati aggiunti ad Nmap mentre quelli già presenti sono stati migliorati. La documentazione completa è disponibile qui.

Per tutte le altre informazioni e curiosità vi rimando al sito ufficiale  http://nmap.org/5/

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

lug
01

Firefox 3.5 è Arrivato!!

 

Finalmente Mozilla ha rilasciato la nuova e fiammante versione del celebre e indiscusso Browser Web , Firefox 3.5 è tra noi.  La nuova e fiammante release porta con se tante novità specialemente in termini di sicurezza e tutela della privacy.

firefox

I punti di forza della vuova versione sono l’estrema velocità , il  Private Browsing per la navigazione sicura e privata senza tracciatura delle pagine , migliorato il supporto  Anti-Phishing & Anti-Malware e nella gestione del   Password Manager e Session Restore

Per chi è interessato a scoprire tutte le novità ed analizzarle in dettaglio vi invito a leggere Release Notes e il comunicato di Mike Beltzner, direttore di firefox, che ha pubblicato una lista comprensiva delle nuove funzionalità di Firefox 3.5.

Per effettuare il download della nuova versione vi rimando alla pagina ufficiale di download :

http://www.mozilla.com/en-US/firefox/all.html

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
18

Notifiche OSD per Skype con Skype-Notify Script

 

Con il rilascio della nuova versione di Ubuntu 9.04 LTS è stato introdotto un nuovo sistema di notifica tipo libnotify e Growl-notify chiamato NotifyOSD che (per chi usa ubuntu 9.04) vi permette di monitorare sia le notifiche delle applicazione, i tasti speciali della tastiera come la luminosità ed il volume. Attualmente tante applicazioni si sono aggiornate e si integrano con il nuovo sistema di notifica,alcune invece vanno inserite a mano anche se in modo veramente semplice.

skype_notify

Per esempio per installare le notifiche di skype tramite notifyOSD basta caricare un piccolo script in python ed eseguirlo sulla vostra macchina.

Per prima cosa lo scarichiamo da qui : Download Skype Notify

Poi avviamo skype e dal menu andiamo su Opzioni > Notifiche > Vista Avanzata > qui facciamo check su Esegui lo script seguente ad ogni evento e nel textbox inseriamo il seguente comando :

python /home/your-username/skype-notify.py -e“%type” -n“%sname” -f“%fname” -p“%fpath” -m“%smessage” -s%fsize -u%sskype

(*) Tutto su di una riga !!

Naturalmente nello spazio your-username potete inserire il vostro username o un altro percorso alternativo in cui avete effettuato il download dello script ad esempio se io effettuo il download nella mia home directory dell’utente “tizio” avrò python /home/tizio/skype-notify.py etc…

La seguente procedura sfrutta NotifyOSD nativo in Ubuntu 9.04 Jaunty sulle precedenti versioni non può essere utilizzato.

Via | Webupd8.blogspot.com

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
17

Repository Fedora 11

 

f11launch

L’altro giorno parlavamo tutti dell’imminente rilascio della nuova release di Fedora che dopo un po’ di ritardi è stata rilasciata per la gioia di tutti gli utenti linux in particolare per i fan accaniti della distro derivata da redhat. Oggi invece voglio spendere due parole sui repository disponibili per la nuova Fedora 11 “leonidas” e successivamente su come attivare presto nella gestione dei pacchetti con yum.

A differenza di Ubuntu e altre distro Fedora in queste ultime versioni ha modificato la politica dei repository , ha deciso di comune accordo con i più grossi mantainer di pacchetti di costituire un unico archivio dei pacchetti (free e non-free) oltre a quelli ufficiali inseriti di default nella distro. Questa “fusione” di repos ha dato origine appunto a RPM-Fusion un repository unico per Fedora.

Quindi sulla vostra nuova fiammante installazione di fedora vi basta attivare i repos ufficiali più rpm-fusion per avere una vastissima disponibilità di pacchetti installabili ed aggiornabili.

Per fare questo possiamo seguire 2 procedure. La prima che io vi consiglio è digitare da terminale i seguenti comandi che vi permetteranno tramite il comando rpm di scaricare ed installare i pacchetti di installazione dei 2 repository rpm-fusion (free e non-free):

$ su -c  rpm -Uvh http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-stable.noarch.rpm
 http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/rpmfusion-nonfree-release-stable.noarch.rpm 

La seconda procedura è consigliata solo ad un utente esperto che conosce discretamente i file di configurazione di Linux,senza correre il rischio di “sballare” il sistema di gestione dei repository e quindi alterare il gestore dei pacchetti.

Per chi è intenzionato ad inserire manualmente i repository le stringhe da inserire sono:

Per il repo fusion-free:

[rpmfusion-free]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/releases/$releasever/Everything/$basearch/os/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-$releasever&arch=$basearch
enabled=1
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-free-debuginfo]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free - Debug
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/releases/$releasever/Everything/$basearch/debug/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-debug-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-free-source]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free - Source
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/releases/$releasever/Everything/source/SRPMS/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-source-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

per il repo free-updates:

[rpmfusion-free-updates]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free - Updates
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/updates/$releasever/$basearch/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-updates-released-$releasever&arch=$basearch
enabled=1
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-free-updates-debuginfo]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free - Updates Debug
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/updates/$releasever/$basearch/debug/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-updates-released-debug-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-free-updates-source]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Free - Updates Source
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/updates/$releasever/SRPMS/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=free-fedora-updates-released-source-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-free-fedora-$releasever-$basearch

per il repo non free si deve inserire:

[rpmfusion-nonfree]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/releases/$releasever/Everything/$basearch/os/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-$releasever&arch=$basearch
enabled=1
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-nonfree-debuginfo]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree - Debug
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/releases/$releasever/Everything/$basearch/debug/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-debug-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-nonfree-source]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree - Source
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/releases/$releasever/Everything/source/SRPMS/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-source-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
metadata_expire=7d
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

In fine per il repo non-free-updates:

[rpmfusion-nonfree-updates]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree - Updates
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/updates/$releasever/$basearch/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-updates-released-$releasever&arch=$basearch
enabled=1
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-nonfree-updates-debuginfo]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree - Updates Debug
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/updates/$releasever/$basearch/debug/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-updates-released-debug-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

[rpmfusion-nonfree-updates-source]
name=RPM Fusion for Fedora $releasever - Nonfree - Updates Source
#baseurl=http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/updates/$releasever/SRPMS/
mirrorlist=http://mirrors.rpmfusion.org/mirrorlist?repo=nonfree-fedora-updates-released-source-$releasever&arch=$basearch
enabled=0
gpgcheck=1
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-rpmfusion-nonfree-fedora-$releasever-$basearch

Fatto questo aggiorniamo il gestore dei pacchetti. Per maggiori informazioni sul nuovo repository colletivo rpm-fusion vai a questo indirizzo : http://rpmfusion.org/

Via | RPM-Fusion

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
17

Abilitare Yum Presto su Fedora 11

 

konsole

Uno dei migliori gestori dei pacchetti è senz’altro yum che è impostato di default su tutte le versioni linux fedora attuali anche l’ultima versione appena rilasciata Fedora 11.  L’ultima versione di Yum porta con se diversi aggiornamenti e cambiamenti uno fra tutti è Presto una funzione che ci permetterà di velocizzare gli aggiornamenti in modo davvero sensibile dato che non aggiorneremo gli intri pacchetti ma solo le dipendenze o parti del pacchetto. Presto però non è attivo di default su fedora 11 quindi dobbiamo attivarlo qualora lo volessimo usare.

Vi ricordo che oltre a Presto esistono tanti plugin utilissimi per yum , uno fra tutti è fastestmirror che ci permette di utilizzare i mirror più veloci quindi Presto in accoppiata a fastestmirror ci permetterà di ridurre il tempo per aggiornamenti ed istallazioni.

Per attivare queste due funzionalità basta lanciare da terminale i seguenti comandi:

yum install yum-plugin-fastestmirror

yum install yum-presto

Naturalmente se avete installato sudo lanciate i comandi con sudo se no dovete loggarvi come root.

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
16

Rilasciato BlueMaemo 0.3

 

Per la gioia dei moltissimi utenti Maemo è stata rilasciata la nuova release di BlueMaemo 0.3 che comprende moltissimi bug-fix e tante funzionalità aggiuntive.

bluemaemo_0.3_menu

BlueMaemo v0.3 Changelog:

* Added support for the hardware keyboard in all profiles
* Added support for ‘key combos’ (e.g: ctrl+f, ctrl+alt+f6,…)
* Added Ctrl, Alt and F1 to F11 keys in the virtual keyboard
* Fixed bug in the bluetooth adapter state
* Moved configuration files to /etc/bluemaemo/
* Added back buttons in the ‘wait for connection’ and ‘process connection’ screens
* Fixed the sdl/openGL keystrokes bug

Il prossimo sviluppo della versione di Bluemaemo verrà improntata su Fremantle e includerà il supporto per la PS3

BlueMaemo V0.3 is available here.

Via | ValerioValerio

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
10

Finalmente è stata rilasciata Fedora 11 (Leonidas)

 

Finalmente dopo ritardi su ritardi per tutti gli amanti della distribuzione ( basata su sistemi RedHat ) Fedora l’attesa è finita, Leonidas questo è il nuovo nome in codice della distro versione 11. Per chi non lo sapesse Fedora è un sistema operativo basato su Linux che presenta gli ultimissimi software liberi ed open source. L’uso, la modifica e la distribuzione di Fedora sono sempre liberi per chiunque. E’ creato da persone in tutto il mondo che lavorano assieme come una comunità: il Fedora Project. Il Fedora Project è aperto a chiunque e di chiunque è benvenuta la partecipazione.

f11launch

Come sempre Fedora continua a sviluppare (http://www.fedoraproject.org/wiki/Red_Hat_contributions) e ad integrare il software libero e open source più aggiornato (http://www.fedoraproject.org/wiki/Features). Le seguenti sezioni forniscono una breve panoramica delle principali modifiche dall’ultima versione di Fedora. Per maggiori informazioni su altre caratteristiche incluse in Fedora 11, consultare le pagine wiki relative, in cui sono riportati gli obiettivi e lo stato dell’arte: http://www.fedoraproject.org/wiki/Releases/11/FeatureList
Le principali caratteristiche di Fedora 11 sono le seguenti:
  • Installazione automatica font e mime-type – PackageKit
  • Controllo del volume migliorato con pulseaudio
  • Intel, ATI e Nvidia kernel modsetting
  • E’ stato fatto un grande lavoro per rendere i lettori di impronte digitali più facili da usare come meccanismi di autenticazione
  • Metodo di input IBus
  • Yum Presto
  • Filesystem Ext4
  • Console virt migliorata
  • MinGW (Windows cross compiler)

Per sfogliare e consultare le Release Notes (IT) Italiano (Italian, it)

Per scaricare la tua versione di Fedora 11 ecco qua tutto quello che ti serve:

DVD di installazione / CD di emergenza

Live Media

Fedora 11 Torrent Link

Fedora-11-x86_64-DVD.torrent Fedora 11 x86_64 DVD 4.0G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live.torrent Fedora 11 x86_64 Live 692M 2009-06-09
Fedora-11-source-DVD.torrent Fedora 11 source DVD 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live-KDE.torrent Fedora 11 x86_64 Live KDE 695M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-DVD.torrent Fedora 11 ppc DVD 4.3G 2009-06-09
Fedora-11-i386-CDs.torrent Fedora 11 i386 CDs 3.7G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-CDs.torrent Fedora 11 x86_64 CDs 4.2G 2009-06-09
Fedora-11-i386-DVD.torrent Fedora 11 i386 DVD 3.5G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live.torrent Fedora 11 i686 Live 689M 2009-06-09
Fedora-11-source-CDs.torrent Fedora 11 source CDs 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live-KDE.torrent Fedora 11 i686 Live KDE 687M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-CDs.torrent Fedora 11 ppc CDs 4.5G 2009-06-09

Una volta scaricata una ISO, verificala per sicurezza ed integrità. Se hai scaricato l’ISO via BitTorrent, il file è già stato verificato come parte del processo di download (assicurati solo di aver scaricato via torrent da torrent.fedoraproject.org). Altrimenti, per verificare l’ISO, inizia scaricando il file CHECKSUM appropriato nella stessa directory della ISO:

Quindi, importa la chiave GPG di Fedora:

$ curl https://fedoraproject.org/static/fedora.gpg | gpg --import

Si può verificare i dettagli della chiave GPG qui.

Ora, verificare che il file CHECKSUM sia valido:

$ gpg --verify *-CHECKSUM

Il file CHECKSUM dovrebbe avere una firma verificata da una delle seguenti chiavi:

  • D22E77F2 – Fedora 11
  • 4EBFC273 – Fedora 10
  • 0B86274E – Fedora 10 pre-release
  • 4F2A6FD2 – Fedora 9 e precedenti
  • 30C9ECF8 – Fedora 9 e pre-release precedenti

In fine, ora che il file CHECKSUM è stato verificato, controlla che il checksum della ISO coincida:

$ sha256sum -c *-CHECKSUM

Se il risultato indica che il file è valido, siete pronti per procedere!

Nessun software è esente da bug. Una delle caratteristiche del software open source e libero è quella di riportare i bug, contribuendo così al miglioramento o correzione del software utilizzato.
Il Fedora Project conserva un elenco di bug per ogni release, esso rappresenta il posto ideale per iniziare se si verificano problemi che potrebbero rappresentare un bug del software:
Per trovare ulteriori informazioni generali su Fedora, fare riferimento alle seguenti pagine web:

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
09

Installare Chromium su Ubuntu

 

Per chi ama il mondo open e si appassiona a gli ultimi ritrovati in fatto di browser web non  può non provare Chromium la base open del famoso Chrome di Google.

4

Per installare in browser dobbiamo per prima cosa aggiungere il repository che lo distribuisce , per fare questo editiamo il nostro /etc/apt/sources.list

Lanciamo da terminale il seguente comando:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

Ora in base alla vostra versione di ubuntu scegliete il repos adatto . Per ubuntu 9.04 (Jaunty) aggiungete le seguenti righe:

deb http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu jaunty main
deb-src http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu jaunty main

Per gli utenti  ubuntu 8.10 (Intrepid) aggiungete quest’altre:

deb http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu intrepid main
deb-src http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu intrepid main

Salvate ed uscite. Dopo aver salvato aggiungiamo la nuova GPG Key riferita al repository appena inserito, da riga di comando :

sudo apt-key adv --recv-keys --keyserver keyserver.ubuntu.com 0xfbef0d696de1c72ba5a835fe5a9bf3bb4e5e17b5

Dopo aver eseguito questi semplici passi sempre da terminale digitiamo :

sudo apt-get update

Per installare il browser chromium sempre da terminale diamo il seguente comando:

sudo apt-get install chromium-browser

Dopo aver eseguito questi semplici e pochi passi  Chromium sarà già disponibile nel nostro menu applicazioni . Per lanciarlo andiamo in  Applications—>Internet—>Chromium Web Browser

Via | UbuntuGeek

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
08

Nvidia aggiorna i Driver Video

 

nvidia-logoLa nota casa produttrice chip grafici NVIDIA ha finalmente rilasciato i nuovi driver video 185.18.14.

La nuova versione è disponibile per sistemi linux a 32 e 64 bit, questo aggiornamento dovrebbe risolvere alcuni bug della precedente versione del driver proprietario, sono stati apportati degli aggiornamenti al VDPAU e migliorato il supporto ai nuovi kernel linux.

Come si legge nelle info ufficiali :

Some of the fixes in the NVIDIA 185.18.14 Linux driver update include fixing Xinerama with WINE and other programs to prevent GLXBadDrawable errors, more graceful fall-backs if the NVIDIA kernel module fails to load, a DisplayPort problem when dealing with power management, memory management performance problems in a composited environment, VT switching problems, and many other fixes.
Specific to VDPAU are some corruption fixes with H.264 video decoding, improved performance in the VDPAU noise reduction algorithm, VDPAU validation for whether overlay usage is supported with blit-based presentation queue fall-back, and improved interaction between VDPAU and PowerMizer.
This new Linux release also adds support for new horizontal interlaced and checkerboard passive stereo modes. This release also adds support for multiple swap group members on G80 hardware and later Quadro GPUs.

Il changelog con tutti i dettagli tecnici è disponibile a questo indirizzo.

Ulteriori informazioni sono presenti sul sito di NVIDIA. Per effettuare il download del driver in versione x86 o x86_64 ecco i link (cliccate su x86x86_64)

Via | Phoronix

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
03

KDE 4 concept per Netbook e MID

 

mid_newspaper

Gli hacker/developer di KDE stanno lavorando davvero a ritmo serrato sia per migliorare il loro famosissimo DE che per portare avanti lo sviluppo di una versione di KDE 4 per dispositivi mobili e netbook. Naturlamente questo progetto è basato sull’interfaccia Plasma ottimizzata per i display di piccole dimensioni.

Prevista con il rilascio di KDE 4.4, atteso per dicembre 2009 , Plasma-MID dovrebbe essere organizzata in due layout complementari: una modalità “newspaper”, simile ad un giornale nell’organizzazione dei vari widgets, e un launcher per le applicazioni.

La roadmap di sviluppo per questo progetto, con informazioni più dettagliate, è disponibile in questa pagina.

Il progetto come avete potuto notare è simile al Moblin project che ormai è già stato rilasciato in  versione 2.0 e sarà pienamente supportato dalle nuove release di Ubuntu.

Via | LinuxMagazine.com

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
14

Intel & Nokia insieme per oFono.org

 

Di pochi giorni fa è la notizia che Intel e Nokia si sono messi insieme a collaborare su un progetto chiamato oFono  (http://ofono.org), un progetto open source per lo sviluppo di soluzioni di telefonia open.

oFono.org diverrà un’importantissimo progetto per tutti gli sviluppatori che progetteranno e/o vorranno realizzare infrastrutture e applicazioni per mobile telephony (GSM/UMTS).

oFono.org sarà rilasciato sotto licenza GPLv2 ed includerà un livello di API principale (high-level D-Bus
API) che permetterà a gli sviluppatori di utilizzare applicazioni telefoniche con ogni licenz, inoltre includerà un livello più basso con un insieme di Plugin API che permetteranno di interfacciarsi ad ogni telephony stacks, cellular modems e storage back-ends.

La funzionalità plug-in API è modellata e basata su standard pubblici in particolare 3GPP TS 27.007 “AT command set for User
Equipment (UE).”

Quando Nokia ed Intel presentano alla comunità un progetto innovativo come oFono.org non ci resta che seguirlo ! ne vedremo delle belle ..

Per maggiori informazioni sul progetto e per scaricare i sorgenti ecco qui i link e i riferimenti ufficiali:

Source code is available on http://ofono.org/downloads and a high-level architecture diagram is available on http://ofono.org/documentation. To join the mailing list, go to http://lists.ofono.org/listinfo/ofono.

Nokia and Intel will jointly maintain the oFono project. We’d like to nvite all developers to join the oFono.org effort and community.

Marcel Holtmann <holtmann at linux.intel.com>, Intel Open Source Technology Center
Aki Niemi <aki.niemi at nokia.com>, Nokia Devices R&D, Maemo Software

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
08

Guardare il Giro d’Italia dal sito RAI.it su Linux con Moonlight

 

logo_giro

Salve, da domani per tutti gli appassionati del ciclismo (e ciclisti praticanti) inizia il Giro del Centenario .. edizione importantissima della corsa Rosa che anche quest’anno transiterà su molte strade italiane , partenza da Venezia con la crono a squadre e arrivo finale a Roma.

Vi state chiedendo che centra il giro d’italia con rafanto.net !? .. Io oltre ad essere un grande appassionato di informatica e Linux sono praticamente un appassionato di biciclette e dal ciclismo in genere , quest’anno corro con l’A.S.D. Super Team CS, ho voluto parlare del giro d’italia per segnalare una piccola cosa a tutti gli utilizzatori di S.O. Linux che volessero seguirlo sul sito della rai in streaming da rai sport+ .

La rai ha deciso di utilizzare la tecnologia microsoft silverlight per la gestione dei media sul sito recentemente aggiornato, tagliando fuori tutti gli user non microsoft-based. Per risolvere l’inconveniente Novel grazie alla   ricerca e allo sviluppo di Moonlight ha risolto il problema infatti installando Moonlight si possono aprire senza problema i video e le trasmissioni in diretta da rai sport+

Per installare Moonlight basta seguire il link ufficiale http://www.go-mono.com/moonlight/ il plugin è compatibile sia per architetture a 32 che 64 bit e pienamente supportato sia da firefox2 che 3.

Per sorgenti e info per l’installazione sempre come riferimento il sito ufficiale : http://www.go-mono.com/moonlight/

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
24

Rilasciata Ubuntu 9.04 (Jaunty Jackalope)

 

ubuntu_full

Il Team Ubuntu ha annunciato il rilascio ufficiale della release Ubuntu 9.04 Desktop, Server editions e Ubuntu Netbook Remix, continuando la tradizione di integrare gli ultimi e migliori tecnologie opensource in una semplicissima ma potente distro linux.

Il nome in codice della nuova release è (Jaunty Jackalope) , Ubuntu 9.04 fa parte della serie LTS infatti continua il supporto alla 8.04 estendendo con la nuova release ad altri 18 mesi prima di passare alla 10.04.

Se volete consultare i release note delle varie versioni rilasciate ecco qui i link:

Desktop edition    http://www.ubuntu.com/news/ubuntu-9.04-desktop
Server edition     http://www.ubuntu.com/news/ubuntu-9.04-server
Netbook Remix      http://www.ubuntu.com/news/ubuntu-9.04-unr

http://www.ubuntu.com/getubuntu/releasenotes/904

Per scaricare la vostra versione di Ubuntu 9.04 invece ecco i link per il download :

http://www.ubuntu.com/getubuntu

Per gli user 8.10 che vogliono migrare in automatico alla 9.04 ecco un riferimento tecnico ufficiale per la procedura di migrazione:

http://www.ubuntu.com/getubuntu/upgrading

Oltre alla versione Ubuntu 9.04 sono disponibili anche le versioni di Kubuntu, Xubuntu,Edubuntu, UbuntuStudio, e Mythbuntu:

Kubuntu http://kubuntu.org/news/9.04-release

Xubuntu http://xubuntu.org/news/9.04-release

Edubuntu http://edubuntu.org/news/9.04-release

Mythbuntu http://mythbuntu.org/9.04/release

Ubuntu Studio http://ubuntustudio.org/downloads

Che altro dire .. in attesa delle prime impressioni sulla nuova release vi auguro una buona installazione !!

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
06

Portable Ubuntu per Windows

 

portableubuntuscreenshomw0

Per gli amanti delle risorse portatili oggi è disponibile una versione “portatile” di ubuntu eseguibile direttamente su sistemi operativi Windows già avviati. La risorsa si chiama Portable Ubuntu for Windows è basata su Colinux Kernel, Xming X server e  Pulseaudio server for Windows.

La versione disponibile già da subito scaricabile tramite questo link : Download from Sourceforeg.net

  • Vi ricordo che la password dell’utente pubuntu è 123456

per maggiori info il sito ufficiale è questo PortableUbuntu

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
03

MuseScore : Composizione e Notazione musicale su Linux

 

sc8s_11

Salve, da appassionato musicista non potevo non presentarvi l’ultimo applicativo opensource che ho scovato. MuseScore è un software WYSIWYG di notazione musicale multipiattaforma, libero sotto licenza GNU GPL. Alcune caratteristiche principali di MuseScore:

* WYSIWYG, le note si inseriscono in un “foglio musicale virtuale”
* Numero illimitato di pentagrammi
* Fino a quattro voci per pentagramma
* Editazione facile e veloce con mouse, tastiero o MIDI
* Sequencer integrato e sintetizzatore software FluidSynth
* Importazione ed esportazione di MusicXML e File Standard MIDI (SMF)
* Codice indipendente dalla piattaforma, disponibili i file di installazione per Linux e Windows
* Disponibile in dieci traduzioni
* Licenza GNU GPL

Per scoprire tutte le nuove funzionalità di MuseScore vi invito a leggere questa pagina dal sito ufficiale.

Il software come ho detto prima è multipiattaforma quindi potete installarlo sia su Linux, Mac e Windows. Per il nostro Linux esistono anche le versioni pacchettizzate per Debian, Ubuntu e Fedora. Qui sotto trovate i link per il download delle versioni stabili e test oltre ai repository SVN e sorgenti.

Versioni Stabili

  • Windows: L’ultima versione stabile per Windows è la versione 0.9.4.
  • Ubuntu: Ci sono eseguibili pronti per l’installazione per Ubuntu 8.04+ nel “universe” repository, e per 7.10 nel “universe” Backports repository. Ricerca con il tuo gestore dei pacchetti “mscore”, oppure clicca qui per installare direttamente dal tuo browser.
  • Debian: Il pacchetto “mscore” è stato reso disponibile in Debian (e derivati) dalla versione lenny, e può essere installato dal repository principale utilizzando il gestore di pacchetti.
  • Fedora: Scaricate il pacchetto rpm idoneo per l’architettura del vostro computer presso il sito SourceForge.
  • Mac: Scaricate la release alpha e aiutaci a testarla!

Versioni Prerelease

Sorgenti

Repository dei sorgenti delle versioni in sviluppo

Il codice più recente di MuseScore è disponibile nel SVN repository di SourceForge. Per un aiuto guarda la pagina del progetto su SourceForge.

Via |  musescore.org

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top