gen
19

Rilasciato KOffice 2.1.1

 

KOffice Da metà della settimana scorsa – precisamente da giovedì 14 – è disponibile KOffice 2.1.1, che corregge alcuni bug della prima release del branch. Sono certamente interessanti le modifiche elencate nel nutrito changelog, ma forse c’è qualcosa di più intrigante da sottolineare. Benché tutt’altro che già accessibile agli utenti finali.

Mi riferisco a due aspetti che sono stati “buttati” là dagli sviluppatori e che pure andrebbero a mio avviso esplorati con maggiore attenzione: il primo è la disponibilità di KOffice su Windows — che diversamente dall’intero desktop environment (pure installabile sul sistema operativo di Microsoft come alternativa a Explorer) non ha ancora un binario/eseguibile precompilato.

Il secondo riguarda la possibile installazione di KOffice 2.1 su Maemo e quindi sul Nokia N900, già meno “eclatante” dal momento che entrambi sfruttano le librerie Qt. Gli sviluppatori tengono comunque a precisare che – nonostante sia possibile trovarlo già pacchettizzato per le distribuzioni più diffuse – come per la release precedente si è ancora lontani da un livello di stabilità apprezzabile.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
19

Aggiungere testo vettoriale con krita

 

Se siete abituati ad utilizzare in ambiente windows software di grafica ibridi come photoshop o paint shop pro, avrete notato la mancanza della gestione di layer vettoriali in krita (l’applicazione grafica del pacchetto koffice).
I puristi del campo diranno certamente che ogni applicazione deve fare il suo lavoro e quindi il giusto processo dovrebbe essere ritoccare l’immagine con krita e dopo importarla in un software di grafica vettoriale (come inkscape o karbon) per aggiungere il resto. Io non sono un esperto ma probabilmente è veramente questo il giusto flusso di lavoro.

In tutti i casi, con la versione 2 di koffice sono stati aggiunti gli utilissimi flake layer (descritti qui e qui) attraverso i quali si possono importare in ogni programma della suite koffice pezzi costruiti con un altro programma della stessa suite (ad esempio posso aggiungere in krita un documento scritto con kword, un foglio di calcolo realizzato con kspread, ecc.)

Vediamo quindi un esempio di uso di questi layer realizzando una funzionalità utile come quella di inserire del testo che però non è immediata.

Non è immediata perché all’apertura di krita, di default, nella barra degli strumenti, non abbiamo nessun componente di aggiunta testo. Nella versione precedente (1.6) c’era la classica “A” che permetteva di aggiungere del testo all’immagine corrente. Il problema, che tutti ricorderanno, era che dopo aver modificato il testo esso veniva “applicato” all’immagine perdendone le proprietà vettoriali. Significa che non si poteva più modificarne il font, la dimensione, il colore, ecc., in un secondo momento.

Ora si può.
Apriamo krita e diamo un’occhiata alla barra degli strumenti:

schermata6

come ho detto prima, possiamo notare che non è presenta alcun pulsante per aggiungere del testo. A questo punto andiamo in Impostazioni > dockers > spuntiamo “add shape”.
Nella parte destra del programma si è aggiunto un nuovo docker che dovrebbe essere come questo:

schermata7

Attraverso di esso avremo la possibilità di aggiungere delle componenti koffice come descritto sopra.
A noi interessa lo strumento testo. Per aggiungerlo avremo bisogno di usare un layer diverso da quello normale. Dobbiamo utilizzare uno shape layer (equivalente del layer vettoriale nei software più famosi). Possiamo aggiungerne uno cliccando sul pulsantino “+” che si trova sotto il docker dei layer oppure selezionando direttamente lo strumento testo dal docker “add shape” e facendo poi doppio click sull’immagine.

Noteremo ora la presenza di un layer di tipo shape dalla presenza di una stellina accanto al nome:

schermata8

Facendo doppio click nel nostro documento si aprirà un classico strumento di testo e alla destra dello schermo, nel docker “tool options”, avremo le tipiche opzioni di modifica del testo:

schermata11

Nella nostra immagine avremo, finalmente, del testo vettoriale misto a tutto il resto:

schermata9Se guardiamo con attenzione la barra degli strumenti sulla sinistra noteremo che ora è apparso un pulsante di gestione del testo, ed è quello rappresentato dalla lettera “T”:

schermata10

E’ tutto. Abbiamo finito. Ricordatevi di salvare l’immagine come progetto krita (.kri) per poterla poi ripescare e modificarne il necessario.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
30

Towards kde 4.2: “Office”

 

Un Desktop Environment di alto livello non può prescindere dalle grandi applicazioni e Koffice è una di queste. Il passaggio da kde 3 a kde 4 non è ancora concluso, siamo alla beta 3 della versione 2.0, ma il risultato è veramente importante e le prospettive assolutamente di prestigio. La compilazione della versione svn avviene col più classico dei kdesvn-build koffice e, sul mio notebook ideaprogress con ubuntu 8.10 e kde 4.2 svn installato secondo la mia oramai famosa guida Towards Kde 4.2: “Kde 4.2 su Intrepid Ibex”, ha impiegato circa due ore e mezza del mio prezioso tempo.
Le applicazioni di questa suite sono:

  • KWord, un Word processor;
  • KSpread, un foglio di calcolo;
  • KPresenter, gestore di presentazioni;
  • Kexi, per creare database e applicazioni per database;
  • KPlato, un Project management software;
  • Karbon14, un editor di grafica vettoriale;
  • Krita, un editor di grafica bitmap;
  • Kivio, un’ applicazione per la costruzione di flow chart;
  • Kchart, un gestore di grafici disponibile come plugin e quindi integrato nelle altre applicazioni.
  • Kformula, potente editor di formule matematiche;
  • Kugar, un tool per la creazione di report per il business.
Un attimo...








Questo articolo fa parte della serie Towards kde 4.2: “un post la settimana fino al 27/01/09?.

Post precedenti:

  1. Towards kde 4.2: “un post la settimana fino al 27/01/09?.
  2. Towards kde 4.2: “Kwin e gli effetti desktop” .
  3. Towards kde 4.2: “La magia di plasma”.
  4. Towards Kde 4.2: “Kde 4.2 su Intrepid Ibex”.
  5. Towards Kde 4.2: “Sound and Video”.
Segnala presso:
Aggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a Del.icio.usAggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a redditAggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a TechnoratiAggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a Stumble UponAggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a DiggitaAggiungi 'Towards kde 4.2: “Office”' a Wikio

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
28

Koffice Beta, la grande sfida.

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
26

KOffice 2.0 Alpha 5

 

Krita

Tempo di novità per la comunità che ruota attorno a KDE. A pochi giorni di distanza dalla RC1 di KDE4 (ora testabile anche con una virtual machine) ecco arrivare un altro rilascio importante: KOffice 2 Alpha 5.

Sebbene la quinta alpha della suite da ufficio “rivale” di OpenOffice non possa ancora ritenersi stabile e utilizzabile dagli utenti comuni, il team di sviluppo ha fatto del suo meglio per apportare novità importanti:

- E’ stata implementata un’infrastruttura condivisa che verrà utilizzata da tutte le applicazioni della suite per le funzioni grafiche delle sfumature e dei pennelli.

- Il codice per la gestione del formato OpenDocument è stato separato dal codice di base ed esportato in una libreria separata che verrà resa disponibile per tutti gli sviluppatori KDE nelle kdelibs 4.1.

- Finalmente muove i suoi primi passi Kids Office, versione estremamente semplificata di KOffice adatta ai bambini

- Miglioramenti in Krita, il programma di pittura e editing delle immagini (di cui vedete uno screenshot in questo post)

Purtroppo al momento nella pagina di download non sono disponibili binari precompilati dunque chi volesse provare KOffice 2 Alpha 5 dovrà compilare i sorgenti.
Stando alla tabella di marcia i prossimi step per la suite consisteranno nel rilascio di un paio di Beta, mentre la versione finale dovrebbe vedere la luce nei primi mesi del 2008.

[Via | Kde.News]

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top