giu
28

Creare facilmente un immagine ISO con Ubuntu

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
04

Aggiungere "Monta archivi" in Debian

 

Chi ha usato, almeno provato o visto Ubuntu, dalla versione 8.10 in poi, probabilmente avrà notato che facendo clic con il tasto destro sull icona di un immagine .iso è possibile scegliere l opzione «Apri con Monta archivi». Questa opzione permette di montare rapidamente e per via grafica l immagine che altrimenti potrebbe essere montata su un terminale con un comando di questo tipo

mount -o loop -t iso9660 /percorso/della/immagine.iso /punto/di/mount

in cui bisognerà naturalmente sostituire a /percorso/della/immagine.iso il percorso dell immagine che si vuole montare e a /punto/di/mount il percorso del punto di mount scelto e precedentemente creato.

È possibile aggiungere l opzione «Apri con Monta archivi» anche in Debian (dovrebbe funzionare da Lenny in poi, personalmente ho provato su Wheezy testing) semplicemente copiando il lanciatore utilizzato in Ubuntu per aggiungere quell opzione. Prima di fare ciò bisogna installare, se non già presente, il pacchetto gvfs-backends:

apt-get install gvfs-backends

A questo punto è possibile scaricare il lanciatore dall indirizzo http://bazaar.launchpad.net/~ubuntu-branches/ubuntu/natty/nautilus/natty/download/head:/mountarchive.desktop-20100222031218-t6ar3c8jxy685cre-2783/mount-archive.desktop (come ottenere questo indirizzo, che potrebbe cambiare in futuro: andare in https://code.launchpad.net/ubuntu/+source/nautilus, selezionare il ramo principale lp:ubuntu/nautilus ? Browse the code, reperire il file debian/mount-archive.desktop) e metterlo nella cartella ~/.local/share/applications se si vuole che sia disponibile solo per il proprio utente, altrimenti in /usr/share/applications/ affinché possa essere usato da tutti gli utenti del sistema. Da terminale può essere scaricato con il comando

wget -P ~/.local/share/applications http://bazaar.launchpad.net/~ubuntu-branches/ubuntu/natty/nautilus/natty/download/head:/mountarchive.desktop-20100222031218-t6ar3c8jxy685cre-2783/mount-archive.desktop

nel primo caso, per il secondo:

wget -P /usr/share/applications http://bazaar.launchpad.net/~ubuntu-branches/ubuntu/natty/nautilus/natty/download/head:/mountarchive.desktop-20100222031218-t6ar3c8jxy685cre-2783/mount-archive.desktop

usando i diritti di root per poter scrivere sotto /usr.

È possibile aggiungere nel lanciatore, utilizzando un qualsiasi editor di testo, la riga

Name[it_IT]=Monta archivi

in modo che il nome dell opzione sia in italiano se il sistema è localizzato in italiano.

Ho detto che questo sistema funziona su Debian, in realtà potrebbe funzionare su qualsiasi sistema GNU/Linux in ambiente GNOME, che abbia il programma gvfsd-archive.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
09

Preparati all’arrivo di Maverick

 

Il 10-10-2010 sarà rilasciata Ubuntu Maverick Meerkat, detta anche Ubuntu 10.10 e come succede ogni semestre scatterà la nevrosi collettiva.

Ecco un paio di informazioni utili da conservare sotto il cuscino sul quale poggiare la testa questa notte:

  1. A che ora esce Maverick?

    La data del 10-10 non indica la mezzanotte italiana! In 6 anni di rilasci Ubuntu non è mai stata rilasciata prima della sera.

    E’ inutile martellare i server oppure inondare i forum chiedendo quando esce Maverick? E’ uscita Maverick? Non se ne parla prima della sera del 10 ottobre.

  2. Dove posso scaricare Maverick?

    Quando sarà disponibile la si troverà sull’home page del sito ufficiale http://www.ubuntu.com sia in forma di immagine ISO sia con i torrent.

  3. Ok, ho trovato la ISO ma scarica molto lentamente!

    I primi giorni i server saranno sovraccarichi di richieste e tutti quanti gli utenti scaricheranno molto lentamente. Se si vuole scaricare più velocemente e fornire un contributo conviene utilizzare i files torrent.

    Quando è terminato lo scaricamento del file lasciatelo in condivisione, altri utenti come voi beneficieranno della fonte. Meno utenti condivideranno il file anche dopo lo scaricamento e più lentamente andranno tutti quanti. C’è solo da perderci!

  4. Come posso esser certo di scaricare il file corretto?

    Se la pagina da cui si scarica parla di Release Candidate allora non è la versione definitiva, bisogna attendere l’arrivo del file definitivo.
    Altresì se il nome del file si chiama ubuntu-10.10-rc-* anche questa non è la versione definitiva.

  5. Ho scaricato il file, posso controllare che non sia danneggiato?

    Se si è scaricato il file tramite torrent esso sarà automaticamente controllato durante lo scaricamento, riducendo le possibilità che il file risulti danneggiato.

    Se si è scaricato il file ISO dal sito web, nonostante le ore di attesa, è possibile che alla fine il file risulti danneggiato e vada scaricato nuovamente da capo. Ancora una volta ribadisco la sensatezza di usare i torrent.
    Se non si ha la possibilità di usare i torrent è possibile verificare il checksum md5 ottenuto in questa pagina (ATTENZIONE! assicurarsi che il file sia quello corretto come spiegato al punto 4).

  6. Posso eseguire l’avanzamento di versione?

    Personalmente sconsiglio sempre l’avanzamento di versione perché porta quasi sempre difetti, spesso non facilmente riparabili. Esistono dei rischi concreti che la macchina non si avvii più dopo l’aggiornamento, quindi farsi i dovuti backup prima.

    Se si vuol per forza eseguire l’avanzamento non farlo assolutamente nei primi due giorni dal rilascio. I server sono presi d’assalto e la procedura di aggiornamento potrà richiedere molte ore per scaricare tutti gli aggiornamenti e in casi molto frequenti potrà anche interrompersi e lasciare il sistema in uno stato incompleto.

  7. Cosa consigli di fare per passare a Maverick?

    Il mio consiglio è quello di creare una nuova partizione separata di circa 5 o max 10 GB per il nuovo sistema operativo e una partizione separata (se non la si possiede già) per la home.

    In questo modo se Maverick non dovesse funzionare oppure comportarsi male sarà sempre possibile avviare il sistema precedente ancora funzionante.

Questa notte dormite sonni tranquilli, Maverick non arriverà né a mezzanotte, né di mattina né nel primo pomeriggio (ora italiana). :)

Filed under: Links, Linux, Ubuntu Tagged: aggiornamento, download, iso, maverick, meerkat, rilascio, torrent, upgrade, versione

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
01

AVG live. Un antivirus gratuito avviabile da cd o chiavetta usb

 

Qui potete scaricare l’iso e il file rar per la creazione della chiavetta usb avviabile

http://www.avg.com.au/products/avg-rescue-cd/

per la creazione della chiavetta usb nella stessa pagina del download potete vedere 5.30 minuti di video oppure:

1) potete scaricare il file .rar

2) spacchettare il contenuto del file rar sulla chiavetta

3) andare sulla chiavetta e lanciare il file “makeboot.bat”, il batch riconosce da solo la lettera assegnata alla chiavetta usb, si conferma con invio e il gioco è fatto…

Sembrerebbe un ottimo tool da Pronto Soccorso (vedi signorina a lato :-) ), ma io in questo momento non ho (fortunatamente) macchine infette sotto mano, qualcuno mi sà dire se questo aggeggio funziona come si deve ?

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
10

Generare un disco di ripristino con clonezilla

 
1) Creazione immagine

Scaricare l immagine ISO di Clonezilla
Masterizzarla su CD
Inserirlo nel PC da clonare
Avviare il PC partendo da CD
Scrivere immagine su server o disco locale con nome NOMEIMMAGINE

2) generazione immagine ISO

Reboot del pc
montare la directory contenente l immagine su /home/partimag
cd /home/partimag
/opt/drbl/sbin/ocs-iso -g it_IT.UTF-8 -t -k NONE -e “-g auto -b -c restoredisk NOMEIMMAGINE sda” NOMEIMMAGINE
Viene creato il file /home/partimag/NOMEIMMAGINE.iso che puo essere masterizzato.

3) installazione / ripristino

Inserire il cd/dvd creato nel PC da installare/ripristinare
boot
ENTER su menu iniziale
y per confermare inizio ripristino
reboot

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
04

Ubuntu: montare immagini ISO facilmente con Furius ISO

 

Ecco un alto software che farà felici molti utenti. Se siete alla ricerca di un programma per montare/smontare le immagini ISO, IMG, BIN, MDF, NRG allora dovete provare Furius ISO. Dotato di un’interfaccia intuitiva e facile da usare, possiede tante funzioni e complete. Un esempio? Ecco le sue caratteristiche prese direttamente dal sito ufficiale del produttore:

  • Automatically creates a mount point in your home directory.
  • Automatically Unmounts the Image files.
  • Automatically removes the mount directory to return your home directory to its previous state.
  • Automatically saves the history of the last 10 images mounted.
  • Mounts multiple images.
  • Burn ISO and IMG Files to optical disk.
  • Generate Md5 and SHA1 checksums.
  • Automatically retrieves any previously unmounted images.
  • Automatically generates a log file of all commands needed to mount and unmount images manually.
  • Supports Drag n Drop automatic mounting of images (Python version only)
  • Can be used without installation/compiling (Python version only)
  • Localizable (Mono version only. Currently Czech, Danish, French, Hungarian, Italian, German, Polish, Slovenian, Spanish and Turkish are available. If you are able to translate a simple text file into your language from English please contact me)
  • Automatically Mounts ISO, IMG, BIN, MDF and NRG Image Files.

Adesso vediamo come installarlo su ubuntu.

Dal link a fondo pagina scaricate il pacchetto deb relativo a Furious ISO ma prima di installarlo, aprite il gestore dei pacchetti synaptic e soddisfate le seguenti dipendenze:

fuseiso, python-central, python, python-gtk2, python-glade2, gksu

Adesso installate con Gdebi o da terminale il pacchetto deb di Furius ISO e per il corretto funzionamento dello stesso dobbiamo aggiungere il nostro nome utente al gruppo fuse con il seguente comando:

adduser username_login fuse
naturalmente al posto di username_login va il vostro username ;)

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
15

Ubuntu 9.10 Plus4 Remix ita 3D iso DVD

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
08

Debian Lenny e il firmware della Broadcom bnx2

 

Il firmware della Broadcom bnx2 risulta essere proprietario e quindi non è stato nativamente incluso all’interno dell’installer della Lenny. Vi sono casistiche in cui si rende necessario il forzare il firmware all’interno dell’initrd per permettere di bypassare il caricamento dello stesso via chiavina USB come ad esempio quando si installa la Lenny via DRAC per i server DELL.

Un utile link è il seguente che permette di installare nella ISO il firmware: http://systec.blogsite.org/wiki/index.php/Debian_Netinstaller_integrate_bnx2x_firmware
In soldoni via shell fa le opportune modifiche per semplificare il lavoro di installazione del SO. Hanno anche incluso uno screencast su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=uUXLR8TYEMs&feature=player_embedded

Altri utili link:

  1. http://www.ducea.com/2009/03/02/debian-lenny-pxe-installation-on-dell-poweredge-19502950-servers-bnx2-annoyances/
  2. http://insanelabs.com/debian/debian-lenny-cannot-load-broadcom-nic-drivers-asking-for-firmware-bnx2-06-405fw-during-install/

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
14

Convertire i file .cue + .bin in un unico file .iso

 

Vi è mai capitato di scaricare delle immagini di cd e di trovarvi con i fastidiosi file .cue e .bin di cui solitamente non sapete cosa farvene?

Bene la soluzione è una sola, convertirli in un mitico e standard file .ISO!

per farlo installiamo !

apt-get install

Per convertire il file .cue e .bin in un file .iso ora non ci resta che lanciare il comando

image..cue image.iso

Ora per la nostra iso non ci basta altro che fare

mount image.iso /mnt/iso/ -t -o ro,loop=/dev/loop0

Saluti

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
26

Convertire immagini da .UIF a .ISO

 

C e un formato per immagini di CD/DVD che e sempre rimasto indigesto agli utenti linux: .uif
La maggior parte delle fonti consiglia di installare wine, installare tramite wine il programma per Windows MagicISO e con questo convertire l immagine in formato ISO per poterla poi montare su linux.
E come dire che per svitare una vite bisogna usare un paio di tenaglie. Noi preferiamo usare gli attrezzi giusti e cosi abbiamo installato UIF2ISO, un programma che fa proprio quello che volevamo. Il programma e stato scritto da Luigi Auriemma.

Vediamo come installarlo:

Installiamo alcuni pacchetti necessari:

sudo apt-get install zlib1g zlib1g-dev libssl-dev build-essential

Scarichiamo il programma dal sito dell autore:

wget http://aluigi.altervista.org/mytoolz/uif2iso.zip

Scompattiamo il pacchetto scaricato:

unzip uif2iso.zip -d uif2iso

Compialiamo e installiamo il programma con i comandi seguenti:

cd uif2iso/src
make
sudo make install

L uso del programma e molto semplice, basta eseguire:

uif2iso example.uif output.iso

dove example.uif e il file immagine in formato UIF e output.iso e l immagine ISO che desideriamo ottenere.
L immagine ISO puo essere a quel punto masterizzata oppure montata con i seguenti comandi:

sudo modprobe loop
sudo mkdir DIRECTORY
sudo mount ISO_image DIRECTORY -t iso9660 -o loop

sostituendo DIRECTORY con un nome da assegnare al mount point, a ISO_image il nome dell immagine ISO da montare.
Se non vi piace usare il terminale (shame on you!!!) potete installare il pacchetto gmountiso.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
26

Montare immagini ISO da Gnome

 


Simile ai daemon-tools che molti di voi avranno usato su Windows (quanti di voi NON si sono accorti che il piu delle volte quel software e pieno di trojani e schifezze varie?) su Gnome troviamo Gmount-ISO.

Lo possiamo installare con:

apt-get install gmountiso

Lo trovate nel menu System Tools

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
10

Finalmente è stata rilasciata Fedora 11 (Leonidas)

 

Finalmente dopo ritardi su ritardi per tutti gli amanti della distribuzione ( basata su sistemi RedHat ) Fedora l’attesa è finita, Leonidas questo è il nuovo nome in codice della distro versione 11. Per chi non lo sapesse Fedora è un sistema operativo basato su Linux che presenta gli ultimissimi software liberi ed open source. L’uso, la modifica e la distribuzione di Fedora sono sempre liberi per chiunque. E’ creato da persone in tutto il mondo che lavorano assieme come una comunità: il Fedora Project. Il Fedora Project è aperto a chiunque e di chiunque è benvenuta la partecipazione.

f11launch

Come sempre Fedora continua a sviluppare (http://www.fedoraproject.org/wiki/Red_Hat_contributions) e ad integrare il software libero e open source più aggiornato (http://www.fedoraproject.org/wiki/Features). Le seguenti sezioni forniscono una breve panoramica delle principali modifiche dall’ultima versione di Fedora. Per maggiori informazioni su altre caratteristiche incluse in Fedora 11, consultare le pagine wiki relative, in cui sono riportati gli obiettivi e lo stato dell’arte: http://www.fedoraproject.org/wiki/Releases/11/FeatureList
Le principali caratteristiche di Fedora 11 sono le seguenti:
  • Installazione automatica font e mime-type – PackageKit
  • Controllo del volume migliorato con pulseaudio
  • Intel, ATI e Nvidia kernel modsetting
  • E’ stato fatto un grande lavoro per rendere i lettori di impronte digitali più facili da usare come meccanismi di autenticazione
  • Metodo di input IBus
  • Yum Presto
  • Filesystem Ext4
  • Console virt migliorata
  • MinGW (Windows cross compiler)

Per sfogliare e consultare le Release Notes (IT) Italiano (Italian, it)

Per scaricare la tua versione di Fedora 11 ecco qua tutto quello che ti serve:

DVD di installazione / CD di emergenza

Live Media

Fedora 11 Torrent Link

Fedora-11-x86_64-DVD.torrent Fedora 11 x86_64 DVD 4.0G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live.torrent Fedora 11 x86_64 Live 692M 2009-06-09
Fedora-11-source-DVD.torrent Fedora 11 source DVD 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live-KDE.torrent Fedora 11 x86_64 Live KDE 695M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-DVD.torrent Fedora 11 ppc DVD 4.3G 2009-06-09
Fedora-11-i386-CDs.torrent Fedora 11 i386 CDs 3.7G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-CDs.torrent Fedora 11 x86_64 CDs 4.2G 2009-06-09
Fedora-11-i386-DVD.torrent Fedora 11 i386 DVD 3.5G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live.torrent Fedora 11 i686 Live 689M 2009-06-09
Fedora-11-source-CDs.torrent Fedora 11 source CDs 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live-KDE.torrent Fedora 11 i686 Live KDE 687M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-CDs.torrent Fedora 11 ppc CDs 4.5G 2009-06-09

Una volta scaricata una ISO, verificala per sicurezza ed integrità. Se hai scaricato l’ISO via BitTorrent, il file è già stato verificato come parte del processo di download (assicurati solo di aver scaricato via torrent da torrent.fedoraproject.org). Altrimenti, per verificare l’ISO, inizia scaricando il file CHECKSUM appropriato nella stessa directory della ISO:

Quindi, importa la chiave GPG di Fedora:

$ curl https://fedoraproject.org/static/fedora.gpg | gpg --import

Si può verificare i dettagli della chiave GPG qui.

Ora, verificare che il file CHECKSUM sia valido:

$ gpg --verify *-CHECKSUM

Il file CHECKSUM dovrebbe avere una firma verificata da una delle seguenti chiavi:

  • D22E77F2 – Fedora 11
  • 4EBFC273 – Fedora 10
  • 0B86274E – Fedora 10 pre-release
  • 4F2A6FD2 – Fedora 9 e precedenti
  • 30C9ECF8 – Fedora 9 e pre-release precedenti

In fine, ora che il file CHECKSUM è stato verificato, controlla che il checksum della ISO coincida:

$ sha256sum -c *-CHECKSUM

Se il risultato indica che il file è valido, siete pronti per procedere!

Nessun software è esente da bug. Una delle caratteristiche del software open source e libero è quella di riportare i bug, contribuendo così al miglioramento o correzione del software utilizzato.
Il Fedora Project conserva un elenco di bug per ogni release, esso rappresenta il posto ideale per iniziare se si verificano problemi che potrebbero rappresentare un bug del software:
Per trovare ulteriori informazioni generali su Fedora, fare riferimento alle seguenti pagine web:

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
22

Ubuntu: Installare – virtualizzare Windows 7 con Virtualbox

 
Windows 7 virtualizzato con VirtualBox

Windows 7 virtualizzato con VirtualBox

In un precedente articolo vi parlai della possibilità di scaricare e provare gratis Windows 7 per un anno. Non tutti però vogliono creare una piccola partizione per provare questo nuovo sistema ( ancora in fase di sviluppo ) ma si accontenterebbero di dare uno sguardo più o meno approfondito alle novità del nuovo sistema operativo microsoft.

Possiamo virtualizzarlo e quindi testare le nuove features dell’OS. Ecco come possiamo fare.

Vuoi guadagnare online?Conosci gia’ questo modo?

Sarai pagato semplicemente rispondendo ad alcune domande. Non ci credi?

1. Global Test Market

Partecipi ai sondaggi e guadagni soldi.

2. TechSay

Vinci e guadagni per ogni risposta data.

3. IPSOS

Vinci una vancanza gratis

4. ODC

Pagamento gia’ da 20 Euro

5. Nielsen

Vinci 500 euro

6. Lightspeed

Fantastici premi tra cui buoni acquisto per negozi come: UPIM, Bata e Cisalfa

Hai mai vinto piu’ 5 euro al gratta e vinci o alla lotteria o Poker?

Gioca gratis alle Lotterie e Gratta e Vinci.

1. Kingolotto

Lotteria gratuita con estrazione giornaliera. In palio un anno di stipendio ed altri ricchi premi.

2. Gratta e Vinci

Gratta e vinci fino a 5.000.000 Euro

3. Vinci Ricariche

Subito una ricarica da 5 Euro Gratis!!

4. Poker con Sisal

Gioca alla Poker Champions League con SISAL e vinci viaggi a Las Vegas e centinaia di altri premi

Guadagna soldi online con le affiliazioni di SPRINTRADE

Prima cosa, dobbiamo procurarci un emulatore e virtualbox fa al caso nostro. Se non sapete come installare Virtualbox, nella pagina ufficiale della wiki di ubuntu troverete la relativa guida. Mi raccomando di seguire bene la configurazione di virtualbox.

I dettagli per scaricare Windows 7 li trovate qui.

Una volta scaricato il file iso, avete due possibilità:

  • Vi masterizzate su un cd la vostra ISO appena scaricata
  • Virtualizzate il sistema direttamente dalla ISO

Qualsiasi sia la vostra scelta, il risultato non cambierà.

Dopo aver installato virtualbox e scaricato Windows 7 possiamo passare alla sua virtualizzazione.

Andate su Applicazioni -> Accessori -> VirtualBox OSE

Noterete la scritta “spenta” relativa alla vostra macchina virtuale. Doppioclick sull’icona e vi si aprirà una finestra nera.

Selezionate Dispositivi -> Monta CD-DVD-ROM -> Immagine CD/DVD-ROM e selezionate il vostro file ISO.

Per entrare nel controllo della vostra Virtual Machine, basterà cliccare nella finestra di VirtualBox. Se volete avere invece la schermata intera, basterà usare la combinazione di tasti CTRL(destro)+F.

A questo punto, seguite la procedura di installazione e alla fine vi troverete il vostro Windows 7 pronto per l’uso. Eccovi un due piccoli screen:

non notate qualche somiglianza? :D

Vuoi aumentare la velocità dei tuoi download,dello streaming e migliorare la qualità del video?? Scarica Speed Downloading, un programma gratuito di cui non ti pentirai.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
19

Disponibile Dell OS Factory Recovery 9.04 DVD ISO

 

dell-loghi

per tutti i possessori di pc e notebook della loro casa ha rilasciato (come fece già per ubuntu 8.04 e 8.10) la versione in DVD del Dell OS Factory Recovery 9.04 DVD ISO. Questa non è altro che un’immagine ISO contentente l’ultima versione di Ubuntu (LTS) rilasciata , in pratica contiene Ubuntu 9.04 con tutti i driver (closed) e altre feature non libere come plugin flash etc.. che vengono installati e configurati in automatico.

Vi ricordo le feature del recovery disc distribuito da DELL:

  • You will have the Dell recovery framework put in place that allows you to do a recovery from a recovery partition.
  • Flash will be pre-installed
  • AMD or NVIDIA proprietary drivers will be pre-installed if you have an AMD or NVIDIA graphics card.
  • Additional audio mixer volumes will be set to default at 100% (such as Front or PCM). Main will still be at 80%. Lots of Dell laptops audio is improved by this, and now the  full range of audio is controllable by the hotkeys.
  • The system will be configured to use grub2.

Download Dell OS Factory Recovery 9.04 DVD ISO

All ubuntu-9.04-dell-reinstall.iso [1] 1.8 GB

Factory Installation Details

It is highly recommended that you create recovery media after receiving your preinstalled system. You can find details on how to do this at Recovery Media Creation

Default Partitions
OS Reinstallation

Il link ufficiale alla risorsa è http://linux.dell.com/wiki/index.php/Ubuntu_9.04

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
15

Creare ISO e masterizzare CD e DVD da shell

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top