giu
09

Installare Chromium su Ubuntu

 

Per chi ama il mondo open e si appassiona a gli ultimi ritrovati in fatto di browser web non  può non provare Chromium la base open del famoso Chrome di Google.

4

Per installare in browser dobbiamo per prima cosa aggiungere il repository che lo distribuisce , per fare questo editiamo il nostro /etc/apt/sources.list

Lanciamo da terminale il seguente comando:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

Ora in base alla vostra versione di ubuntu scegliete il repos adatto . Per ubuntu 9.04 (Jaunty) aggiungete le seguenti righe:

deb http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu jaunty main
deb-src http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu jaunty main

Per gli utenti  ubuntu 8.10 (Intrepid) aggiungete quest’altre:

deb http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu intrepid main
deb-src http://ppa.launchpad.net/chromium-daily/ppa/ubuntu intrepid main

Salvate ed uscite. Dopo aver salvato aggiungiamo la nuova GPG Key riferita al repository appena inserito, da riga di comando :

sudo apt-key adv --recv-keys --keyserver keyserver.ubuntu.com 0xfbef0d696de1c72ba5a835fe5a9bf3bb4e5e17b5

Dopo aver eseguito questi semplici passi sempre da terminale digitiamo :

sudo apt-get update

Per installare il browser chromium sempre da terminale diamo il seguente comando:

sudo apt-get install chromium-browser

Dopo aver eseguito questi semplici e pochi passi  Chromium sarà già disponibile nel nostro menu applicazioni . Per lanciarlo andiamo in  Applications—>Internet—>Chromium Web Browser

Via | UbuntuGeek

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
15

Installare webcam Ricoh r5u870 su Linux

 

konsole

Ultimamente ho notato che molti utenti windows (sia Vista che XP) stufi di frequenti crash e formattazioni per problemi vari, tentano di installare e migrare a Linux. Io vista l’enormità di distro linux consiglio sempre distribuzioni ben supportate e popolari come Ubuntu, Fedora, Suse, Archlinux etc .., principalmente perchè hanno un supporto elevato ad aggiornamenti e forum tecnici vasti e popolari, che anche se sono gestiti dalla community offrono un valido aiuto sia ai novizi che ai veterani del pinguino in ogni campo (hardware,installazione,etc..).

Con il mio blog rafanto.net voglio” nel mio piccolo” dare una mano specialmente a questi utenti che per la prima volta si trovano in un mondo nuovo, liberi veramente dal mondo che vivevano prima (su Windows). Nel nuovo mondo (linux) saranno talmente liberi che in un primo momento si trovano spaesati e senza orientamento.  Niente paura la community linux , forum, blog e siti tecnici stanno crescendo e ad ogni problema spesso ci sono migliaia di risposte e soluzioni basta saper cercare e avere pazienza!

Ora ritorniamo a noi , proprio l’altro giorno mi è capitato di aiutare un amico che voleva installare Linux sul proprio notebook HP serie Pavillon DV6000 (il modello esatto non lo ricordo !?). Il mio amico ha scelto di installare una versione di Ubuntu 8.10 intrepid a 32 Bit, l’installazione è andata subito a buon fine senza alcun problema (come dico io sempre in modalità veloce e indolore!). L’unico dispositivo hardware che non funzionava correttamente è la webcam integrata, in specifico era una :

Device 003: ID 05ca:1870 Ricoh Co., Ltd

Voglio sottolineare che questo tipo di webcam integrata viene montata anche su altre marchee modelli di Notebook ad esempio:

05ca:1810 HP Pavilion Webcam – UVC
05ca:1830 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC2 (VAIO SZ)
05ca:1832 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC3 (VAIO UX)
05ca:1833 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC2 (VAIO AR1)
05ca:1834 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC2 (VAIO AR2)
05ca:1835 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC5 (VAIO SZ)
05ca:1836 Sony Visual Communication Camera VGP-VCC4 (VAIO FE)
05ca:1870 HP Pavilion Webcam / HP Webcam 1000

Quindi se avete uqesto tipo di webcam integrata o esterna di questa tipologia potete benissimo usare questa guida per installarla.

Per prima cosa installiamo o verifichiamo di aver installato il metapacchetto build-essential e i sorgenti del kernel che sono  necessari per la compilazione, e per far ciò basta dare da terminale :

sudo apt-get install build-essential linux-source

dopo aver fatto questo verifichiamo di avere soddisfatto le seguenti dipendenze per la compilazione e runtime:

* GCC
* Automake
* libusb development packages (libusb-dev or similar)
* GLib 2.0 development packages (libglib2.0-dev or similar)

dopo di che scaricare quindi i sorgenti da http://bitbucket.org/ahixon/r5u87x/get/50058c4bc1cd.zip , scompattarli in una directory , dopo di che entrare nella directory creata e date in sequenza i seguenti comandi:

make

poi se non ci sono errori si procede con

make rules

e poi in fine

sudo make install

Se vi da errore la compilazione con make verificate che le dipendenze siano soddisfatte, se permane l’errore provate ad editare il file loader.h della cartella che avete decompresso, cercando e decommentando le seguenti righe:

     { 0x05CA, 0x1870, 0x0100 },  // Used for HP Webcam 1000      (1870_1.fw)
     { 0x05CA, 0x1870, 0x0112 },  // Used for HP Pavilion dv1xxxx (1870.fw)

in parole povere dovete eliminare l’asterisco (*) in entrambe le righe.

lanciate ora make uninstall e poi make clean e ripartite con la precedente sequenza di comandi. Se tutto è andato bene lanciate da terminale :

modprobe r5u870

la risposta se tutto è ben installato dovrebbe essere nulla, non deve ritornare niente. riavviate la macchina e poi testate la vostra webcam con skype o cheese.

Naturalmente la seguente guida è bastata su un’installazione di ubuntu ma può essere applicata beneissimo ad altre distro linux come Fedora etc.. basta naturalmente adeguare i comandi per l’installazione dei sorgenti kernel.

Bookmark/share with AddInto

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
04

Installare e configurare il Telecomando Wii su Ubuntu 8.10

 

nintendo-wii-remote-jacket

Salve, oggi voglio trattare un argomento interessante , vedremo come installare ed utilizzare un wii remote su Ubuntu. Vi starete chiedendo che ci facciamo con il telecomando della Wii su Ubuntu. Invece vi posso assicurare che è molto comodo utilizzare il vostro Media Center Linux con il wii remote.

Partiamo dal presupposto che per utilizzare un wii remoto bisogna avere appunto un telecomando Wii Remote e un adattatore bluetooth sulla vostra linux box. Naturalmente per utilizzare un Wii Remote come mouse o tastiera o lavagna dovete avere anche un adattatore IR per emulare la Wii Bar.

Iniziamo ora l’installazione di alcuni pacchetti che ci serviranno per il nostro obbiettivo, da terminale (Applicazioni –> Accessori –> Terminale) digitate:

sudo aptitude install wminput wmgui lswm

Ora tramite sistema dobbiamo individuare l’indirizzo bluetooth del nostro telecomando Wii e provare a connetterci per verificare se il nostro sistema bluetooth sia in grado di accedere e comunicare con il dispositivo.

Da terminale quindi digitiamo:

lswm

Ora premiamo i tasti 1 e 2 del wii remote per entrare in modalità discovery mode.

In output al comando dovremmo ottenere un indirizzo tipo 00:3A:34:78:FE:C0 se così non è mantenete attivo lswn e contunuate a premere i tasti 1 e 2 finchè non viene rilevato l’indirizzo del telecomando. Vi informo comunque che l’indirizzo bluetooth non deve essere uguale al mio sarà diverso perchè è un mac address bluetooth quindi diverso per ogni dispositivo proprio come le schede wifi e di rete.

Per visionare ed impostare le altre funzioni del Wii Remote potete accedere all’applicazione questa volta grafica Wmgui che vi permetterà di testare ed impostare le funzionalità del Wii Remote , Nunchuk e Classic Controller.

Per avviare wmgui (Applicazioni –> Accessori  –> Wmgui)

Abilitare il Wii Remote come Tastiera, Mouse e Joystick

A meno che non si desidera eseguire sudo modprobe uinput ogni volta che si avvia Ubuntu, è raccomandato che si renda automaticamente avviabile  ad ogni avvio.
Da terminale quindi digitiamo:
gksudo gedit /etc/modules
alla fine delle righe inseriamo :
uinput
Si dovrebbe avere una cosa del genere:
# /etc/modules: kernel modules to load at boot time.
#
# This file contains the names of kernel modules that should be loaded
# at boot time, one per line. Lines beginning with "#" are ignored.

fuse
lp
sbp2
uinput
Ora riavviate il sistema affinché le modifiche abbiano effetto.

Utilizzare il telecomando Wii come un mouse usando i dati di accelerazione.

Se si desidera utilizzare il telecomando Wii come un mouse inclinando il tuo telecomando Wii, quindi premere i pulsanti 1 + 2 sul tuo telecomando Wii e da un terminale eseguire questo:
gksudo wminput <il tuo wiimote's bluetooth address>
Con il tuo wiimote’s bluetooth address si indica l’indirizzo bluetooth del tuo Wii Remote rilevato precedentemente dal comando lswm

Utilizzare il Telecomando Wii come Mouse usando una sorgente a raggi infrarossi IR

Prima di tutto dobbiamo editare il file di configurazione affinchè possiamo utilizzare il wii remote come mouse con una sorgente IR. Da terminale digitiamo:
gksudo gedit /etc/cwiid/wminput/ir_ptr
cerchiamo nel file appena aperto le righe :
Plugin.ir_ptr.X = ~ABS_X
Plugin.ir_ptr.Y = ~ABS_Y
e le sostituiamo con :
Plugin.ir_ptr.X    = ABS_X
Plugin.ir_ptr.Y    = ABS_Y
Per impostare il telecomando wii puntiamolo verso la sorgente IR e premiamo i tasti 1 e 2 e dal terminale eseguiamo nuovamente il comando :
gksudo wminput -c ir_ptr <il tuo wiimote's bluetooth address>
Con il tuo wiimote’s bluetooth address si indica l’indirizzo bluetooth del tuo Wii Remote rilevato precedentemente dal comando lswm

Swapping tasti default dx e sx del mouse impostati sul telecomando Wii

Se si preferisce utilizzare come tasto sinistro del mouse il pulsante B (il grilletto) e come tasto destro del mouse il pulsante A del telecomando Wii,  da un terminale eseguire:
gksudo gedit /etc/cwiid/wminput/buttons
una volta aperto il file cercare le seguanti righe:
Wiimote.A        = BTN_LEFT
Wiimote.B        = BTN_RIGHT
dopo averle individuate le sostituiamo con :
Wiimote.A        = BTN_RIGHT
Wiimote.B        = BTN_LEFT

Usare il telecomando wii (e un ricevitore IR) come whiteboard (lavagna):

Per prima cosa bisogna scaricare i pacchetti da http://code.google.com/p/linux-whiteboard/downloads/list o manualmente o tramite wget sempre però memorizzando l’indirizzo del pacchetto desiderato. Io per esempio imposto il pacchetto i386 per Intrepid da terminale quindi digitiamo:

wget http://linux-whiteboard.googlecode.com/files/whiteboard_0.3.4.2-0ubuntu1_i386.deb

dopo averlo scaricato lo installiamo sempre da terminale digitiamo:

sudo dpkg -i whiteboard_0.3.4.2-0ubuntu1_i386.deb

PS. La versione a 64 bit del pacchetto per Intrepid non è stata ancora realizzata si consiglia quindi per gli utenti a 64 bit di effettuare la compilazione manuale dal sorgente dato che la versione per hardy da problemi con le dipendenze.  In un post successivo indicherò i passi da seguire per la compilazione del pacchetto per i meno esperti.  Per chi non ha problemi a compilare il sorgente lo trovate qui:

svn checkout http://linux-whiteboard.googlecode.com/svn/branches/cpp/ linux-whiteboard-read-only

Post Correlati : Usare il Telecomando Wii su Ubuntu 8.10 con Elisa Media Center, DVDs e Media Players

Via | ubuntuforums.org

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
11

Installare Opera su Ubuntu

 


Inserire in /etc/apt/sources.list:

# Opera
deb http://deb.opera.com/opera/ unstable non-free

Lanciare i comandi:

sudo apt-get update
sudo apt-get install opera

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
26

Debian on MacBook

 

Purtroppo per problemi di tempo non sono riuscito a concluderla prima, ora anche grazie la reinstallazione del sistema sull’hd nuovo sono riuscito a completarla :) .

Ecco a voi la guida completa (spero) per installare debian testing su un macbook modello 4,1 (febbraio 2008)

Preparazione hard disk

Inizio con il creare lo spazio per Debian dando un comando da terminale (applicazioni -> terminale) da MacOS:

sudo diskutil resizeVolume disk0s2 30G

questo ci impiegherà un attimo (può sembrare si sia bloccato tutto ma in realtà sta lavorando) e modificherà la partizione hfs di mac a 30Gb (ultimo vaole del comando).

installiamo refit (Mac Disk Image), programma per gestire il boot che ricordo non usa un bios ma un efi che è decisamente meglio :) , dicevo scaricate il pacchetto, lo montate e installate il mpkg, a questo punto siamo pronti ad installare.

Ricordiamoci di scaricare e masterizzare (se siete su mac con un utility nella cartella applicazioni) consiglio di scaricare la netinst (o business card) così da avere un sistema già aggiornato. (richiede connessione via cavo durante l’installazione), consiglio la versione testing e non la stabile altrimenti avremo problemi perchè la versione stabile usa un kernel troppo vecchio.

Installiamo il sistema

Riavviamo il computer e teniamo premuto c fino a che non parte il cd e installiamo normalmente la debian, consiglio di creare 2 partizioni una root cioè dove vanno le directory di sistema (da mettere appena dopo quella di MacOs) e una molto più ampia dove mettere la home così da avere i propri dati separati e in caso di future reinstallazioni di non perdere i dati, mentre durante l’installazione di grub non installarlo nell’mbr ma nella partizione linux (root) che se viene messa all’inizio dovrebbe essere in sda3 cioè per grub (hd0,2).

In questo passaggio io ho avuto un po di problemi dovuti al fatto che avevo masterizzato un cd netinst stable e quindi con kernel vecchiotto, in caso di questa scelta avviare l’instazzione con l’opzione irqpoll e possibilmente usare una tastiera usb.

Altra cosa importante se dividiamo le partizioni root e home, la root avviabile può massimo stare in sda4 altrimenti ci saranno problemi con refit.

Configurazione sistema

Ok se siamo arrivati a questo punto è già buona cosa :) io consiglio di ricompilare subito il nuovo kernel così da avere un maggior supporto (io appena installato avevo un sacco di problemi, dopo la ricompilazione decisamente meglio) scaricare il sorgente del kernel e poi penso che “tutti” sappiate come ricompilare. vi allego il mio .config (2.6.26.5) così se volete potete usarlo e poi ulteriormente modificarlo.

ok riavviamo e dovremmo avere il sistema con il nuovo kernel installato, passiamo a vedere i componenti hardware diamo un lspci:

00:00.0 Host bridge: Intel Corporation Mobile PM965/GM965/GL960 Memory Controller Hub (rev 03)
00:02.0 VGA compatible controller: Intel Corporation Mobile GM965/GL960 Integrated Graphics Controller (rev 03)
00:02.1 Display controller: Intel Corporation Mobile GM965/GL960 Integrated Graphics Controller (rev 03)
00:1a.0 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB UHCI Controller #4 (rev 04)
00:1a.1 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB UHCI Controller #5 (rev 04)
00:1a.7 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB2 EHCI Controller #2 (rev 04)
00:1b.0 Audio device: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) HD Audio Controller (rev 04)
00:1c.0 PCI bridge: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) PCI Express Port 1 (rev 04)
00:1c.4 PCI bridge: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) PCI Express Port 5 (rev 04)
00:1c.5 PCI bridge: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) PCI Express Port 6 (rev 04)
00:1d.0 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB UHCI Controller #1 (rev 04)
00:1d.1 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB UHCI Controller #2 (rev 04)
00:1d.2 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB UHCI Controller #3 (rev 04)
00:1d.7 USB Controller: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) USB2 EHCI Controller #1 (rev 04)
00:1e.0 PCI bridge: Intel Corporation 82801 Mobile PCI Bridge (rev f4)
00:1f.0 ISA bridge: Intel Corporation 82801HEM (ICH8M) LPC Interface Controller (rev 04)
00:1f.1 IDE interface: Intel Corporation 82801HBM/HEM (ICH8M/ICH8M-E) IDE Controller (rev 04)
00:1f.2 IDE interface: Intel Corporation 82801HBM/HEM (ICH8M/ICH8M-E) SATA IDE Controller (rev 04)
00:1f.3 SMBus: Intel Corporation 82801H (ICH8 Family) SMBus Controller (rev 04)
02:00.0 Network controller: Broadcom Corporation BCM4328 802.11a/b/g/n (rev 03)
03:00.0 Ethernet controller: Marvell Technology Group Ltd. Marvell Yukon 88E8058 PCI-E Gigabit Ethernet Controller (rev 13)
04:03.0 FireWire (IEEE 1394): Agere Systems FW323 (rev 61)

inizio subito con il dire che alcuni device potrebbero  non funzionare perfettamente, e altri non ho avuto modo di testarli.

Reti: Cavo e Wi-fi

Dico subito che la connessione via cavo ethernet (RJ-45) è riconosciuta da subito, infatti per installare Debian da netinst si usa il cavo :) (occore un kernel non troppo vecchio se no si rischia di non avere i driver).

Mentre la wi-fi ha qualche problemino in più essendo una Broadcom 4328, che purtroppo non è ancora supportata dai driver b43, quindi ci tocca usare ndiswrapper, installiamolo:

# apt-get install ndiswrapper-utils-1.9

ora andiamo a prendere i driver e carichiamoli da root:

wget http://ftp.us.dell.com/network/R151517.EXE
mkdir driver
unzip -a R151517.EXE -d driver/
cd driver/DRIVER/
ndiswrapper -i bcmwl5.inf
ndiswrapper -l
ndiswrapper -m
modprobe ndiswrapper

e poi facciamo si che questo modulo venga caricato ad ogni avvio aggiungendo ndiswrapper in /etc/modules .

se per caso abbiamo un kernel compilato da noi bisogna avere i sorgenti a disposizione o in ogni caso bastano gli header necessari anche se il kernel è uno di quelli della distro pre-compilati.

Nel caso in cui si abbia un kernel compilato a manina bisogna seguire questo procedimento prima di caricare il modulo (da root):

apt-get install module-assistant wireless-tools
m-a prepare && m-a update
m-a a-i ndiswrapper
depmod -a
modprobe ndiswrapper

e se tutto va bene aggiungiamo il modulo al caricamento automatico: echo ndiswrapper >> /etc/modules

Touchpad e Xorg

Per far funzionare appieno il touchpad con le varie funzioni tipo lo scorrimento con due dita e via dicendo, configuriamo il nostro xorg.conf a dovere nel mentre prendete spunto per abilitare le funzioni 3d.

ecco il mio xorg.conf.

Configurazione tastiera

la tasiera non sempre funziona :) infatti capita che ci sia qualcosa che non vada nei tasti funzione o simili, per risolvere possiamo installare pommed e xmodmap perchè questo, aggiusta lo scambio tra i tasti < e che a me erano invertiti.

per il secondo creare il file /home/NOMEUSER/.xmodmap e aggiungere:

keycode 116 = Pointer_Button3

keycode 0×31 =    less    greater    guillemotleft    guillemotright    guillemotleft    guillemotright

keycode 0×5E =    backslash bar notsign brokenbar notsign brokenbar

Se non volete configurare a mano xmodmap e avete gnome potete andare in Sistema, Preferenze, Tastiera e nella tab Disposizioni premere su Opzioni Disposizone e in Opzioni varie di compatibilità spuntare Swap keycodes of two keys when Mac keyboards are misdetected by kernel .

Audio

Ho riscontrato diversi problemi con l’audio, infatti  di base sembra riconoscerlo ma non emette suoni ne registra,

quindi aprire /etc/modprobe.d/options e inserire :

options snd_hda_intel model=mbp3

poi andare in Regolazione volume, interrutori e abilitare speaker (se per caso non appare riavviare), poi alzare in riproduzione principale, pcm e front, ora si dovrebbe sentire.

Per il microfono andare in Sistema, preferenze, audio e selezionare il dispositivo HDA Intel (Alsa Mixer).

Webcam isight

Per configurare questo device bisogna avere installato mac os o comunque avere accesso ai suoi dati, questo perchè bisogna prendere i driver e poi procedere così:

mount -t hfsplus /dev/sda2  /mnt/mac/
ls /mnt/mac/System/Library/Extensions/IOUSBFamily.kext/Contents/PlugIns/AppleUSBVideoSupport.kext/Contents/MacOS/AppleUSBVideoSupport
apt-get install module-assistant linux-uvc-source isight-firmware-tools

a questo punto durane l’installazione vi verrà richiesto di inserire il percorso del driver, voi dovete iserire il percorso di prima, lui creerà un file in /lib/firmware/ se per caso volete riconfigurare il driver e reinserire il percorso usate questo comando:

dpkg-reconfigure -plow isight-firmware-tools

e ora potete caricare il modulo con modprobe uvcvideo e testare se tutto funziona con cheese ad esempio.

Sospensione

Per la sospensione bisogna avere un kernel abilitato al suspend, poi installare uswsusp e dovrebbe funzionare, gnome potrebbe non utilizzarlo ma per mandare in sospensione usare il comando s2ram -f .

Conclusioni

Il Macbook è decisamente ben supportato e quindi è un piacere poterci pacioccare, ricordo che se per caso qualche passaggio non funziona magari è richiesto un ravvio del servizio e dei servizi in questione, consiglio un riavvio della macchina per sicurezza se non sapete dove toccare, se avete problemi di vario tipo potete usare la zona commenti;

Spero vi piaccia come regalo di Natale ;) .

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
28

Dreamlinux 3.5, arriva la Release Candidate 4

 

Dreamlinux rc4Per i fan di Dreamlinux arrivano ottime notizie. L’ultima versione del sistema operativo con l’interfaccia più “Mac OS X-like” in circolazione è dunque giunta alla sua RC 4.

Dal sito ufficiale si legge che il team è orgoglioso di annunciare la nuova distribuzione che è stata resa più snella e veloce grazie alla nuova tecnologia Flexiboost. Sarà possibile installare Dreamlinux sia tramite il download della classica ISO, sia tramite boot da chiavetta flash. Infatti la release è stata ottimizzata per seguire il recente fenomeno dei nettop (eee pc, msi wind, ecc), rendendola più reattiva grazie il supporto del nuovo Xfce 4.4.2, seguito da main component aggiornati: wicd network manager, Linux kernel 2.6.27, X.Org 7.2, Compiz Fusion, OpenOffice.org 2.4, GIMP 2.6, Iceweasel 3.0.2, Flash Player 10.

Sarà dispiaciuto invece invece qualche fan GNOME del “Back to Xfce ” annunciato dal team. Infatti nei test Gnome è risultato lento e instabile, convincendo i programmatori ad abbandonare l’idea. In ogni caso è stato comunicato che sarà disponibile un componente aggiuntivo per il successivo passaggio a Gnome per chi lo desiderasse.

Insomma, sembra proprio che questa volta il team Brasiliano ce la stia mettendo tutto per realizzare il sistema operativo dei loro sogni, sperando che abbiano risolto quegli errori de gioventù che mal celava la release 3.0.

Per il Changelog completo e il download vi mando al forum ufficiale.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
07

Guida: Installare i nuovi driver opensource per schede audio Sound Blaster X-Fi su Ubuntu 8.10

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
06

Ubuntu 8.10 su Toshiba Satellite M40 223

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
30

Rilasciato Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex: come installarlo o effettuare l’aggiornamento

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
20

Installare Adobe Flash Player 10 su Ubuntu 8.04 a 64bit

 

In giornata ho publicato un post su come Installare Adobe Flash Player 10 su Ubuntu 8.04 e Fedora 9 su sistemi a 32Bit. Non avendo solo sistemi a 32bit ma come non tutti forse sanno ho anche la mia workstation che gira con Ubuntu a 64bit (per fruttare i 5 gb di ram che monta) ho deciso di scrivere un altro piccolo post tecnico per l’installazione del plugin flash 10 su architetture a 64 bit.

Devo dire che mi ha fatto tribolare e non poco l’installazione oggi, per questo ho deciso di scrivere uno script bash veloce e intuitivo per l’installazione del pacchetto e le relative librerie necessarie.

Per scaricarlo clicca qui installerFlash10.sh o tramite wget da terminale digita:

wget http://rafanto.net/file/installerFlash10.sh

da terminale imposta i permessi per eseguirlo con il comando chmod :

chmod +x installerFlash10.sh

ed eseguilo sempre da terminale con:

./installerFlash10.sh

Per testare l’effettiva installazione riavviate firefox al termine dello script e inserite about:plugins nella barra degli indirizzi dovreste ottenere una cosa simile:

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
20

Installare Adobe Flash Player 10(32 bit) su Ubuntu 8.04 e Fedora 9

 

Adobe da poco ha rilasciato la nuova versione del suo player flash arrivato ormai alla versione 10 . Fortunatamente Adobe ha pensano anche a noi Pinguini questa volta ed ha rilasciato anche la versione compatibile per Linux. Le novità introdotte con quest’ultima versione sono molte e tutte orientate alle trasformazioni 3d ed animazioni, accelerazione grafica della gpu , performance video, qualità audio e tanto altro. In particolare le caratteristiche fondamentali della nuova versione sono :

  • Improved support for 3D Effects
  • Custom Filters and Effects
  • Dynamic Streaming – Streaming videos that adjust to network conditions
  • Hardware Acceleration
  • Dynamic Sound Generation
  • Advanced Text Support

etc. For a detailed look into the features of Adobe Flash Player 10 visit this link.

Ora vediamo in dettaglio come installare Adobe Flash Player 10(32 bit) su Ubuntu 8.04

1. Come primo fondamentale passo dobbiamo chiudere ogni istanza di firefox aperta.

2. Dopo aver chiuso firefox dobbiamo eliminare ogni traccia della precedente versione del player flash quindi apriamo il terminale (Applicazioni-> Accessori -> Terminale)

Dopo di che digitiamo nel terminale il seguente comando:

sudo apt-get remove flashplugin-nonfree

3. Ora procediamo sempre da terminale a scaricare la versione del flash player 10 compatibile per Ubuntu 8.04

wget http://fpdownload.macromedia.com/get/flashplayer/current/install_flash_player_10_linux.deb

4. Dopo aver scaricato tramite wget il pacchetto lo installiamo

sudo dpkg -i install_flash_player_10_linux.deb

Ecco fatto ! con una procedura molto semplice siamo riusciti ad installare senza problemi il nuovo flash player 10 su Ubuntu 8.04

Invece ora vediamo in dettaglio come installare Adobe Flash Player 10(32 bit) su Fedora 9

La procedura è del tutto simile a quella per Ubuntu differiscono solo i comandi per l’installazione che dipendono dal differente gestore dei pacchetti.

1. Come primo fondamentale passo dobbiamo anche qui chiudere ogni istanza di firefox aperta.

2. Dopo aver chiuso firefox dobbiamo eliminare ogni traccia della precedente versione del player flash quindi apriamo il terminale

Dopo di che digitiamo nel terminale il seguente comando:

#yum remove flashplugin-nonfree

Se avete sudo attivato usate sudo yum remove flashplugin-nonfree se no come indicato sopra dovete usare yum come root

3. Ora procediamo sempre da terminale a scaricare la versione del flash player 10 compatibile per Fedora 9 (o anche CentOS e RedHat)

wget http://fpdownload.macromedia.com/get/flashplayer/current/flash-plugin-10.0.12.36-release.i386.rpm

4. Dopo aver scaricato tramite wget il pacchetto lo installiamo

yum install flash-plugin-10.0.12.36-release.i386.rpm

Operazione molto semplice anche per Fedora come avete potuto vedere …

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
04

Come usare più di 3GB di ram su Ubuntu 32bit

 

Stamattina girovagando per blog vari mi sono imbattuto su ubuntugeek.com dove c’è un interessante collezione di tips sulle varie versioni di Ubuntu. Uno in particolare voglio riproporlo sul mio blog dato che ultimamente si ripropone spesso il questito su come utilizzare più di 3gb di ram con un sistema operativo Ubuntu a 32bit. Come tutti sapete un sistema a 32 bit non può indirizzare più di 4 gb di ram  Su ubuntu comunque tramite una semplice procedura si può superare la soglia di ram vediamo come:

Ora installeremo da terminale dei pacchetti al termine del quale riavviate il pc:

sudo apt-get install linux-restricted-modules-server
sudo apt-get install linux-headers-server
sudo apt-get install linux-image-server linux-server

come ho detto prima ora riavviate il pc , per farlo da terminale :

sudo reboot

al riavvio controllate la vostra quantità di ram rilevata dal SO ..

A quanto si capisce, (non ho analizzato i pacchetti nel dettaglio) ma creo che si installano le versioni kernel della release Server di Ubuntu che avrà sicuramente una Patch che permetta di rilevare la quantità superiore di ram rispetto alla versione Desktop. (magari utilizza il PAE)

Vi ricordo inoltre che questa procedura si usa solo per la versione a 32bit perchè la versione a 64  bit indirizza già più di 4 gb di ram senza ulteriori procedure.

Via | ubuntugeek.com

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
01

OpenVZ installazione rapida

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
25

Installare Abobe Flash Player 9 su distro Linux a 64bit

 

Salve, oggi ero intento ad aggiornare il mio pc desktop (ubuntu 8.04.1 64bit)  e mi sono imbattuto su un pacchetto che non andava .. indovinate quale ? Per noi utilizzatori dei sistemi a 64 bit il solito Plugin Flash che mi risultava inconsistente sicurmente dovuto a qualche aggiornamento.

Allora ho deciso di installare a mano il tutto per evitare il fastidioso problema, la procedura è molto semplice e veloce:

wget http://fpdownload.macromedia.com/get/flashplayer/current/install_flash_player_9_linux.tar.gz

ora decomprimiamo il tutto e otteniamo una cartella con 2 file flashplayer-installer libflashplayer.so

tar -zxf install_flash_player_9_linux.tar.gz

creiamo la directory per il plugin

mkdir ~/.mozilla/plugins/

ci spostiamo nella directory che abbiamo ottenuto dalla decompressione

cd install_flash_player_9_linux

e spostiamo i file nella directory che abbiamo creato prima

mv flashplayer-installer libflashplayer.so ~/.mozilla/plugins/

avviamo il plugin tramite nspluginwrapper

nspluginwrapper -i ~/.mozilla/plugins/libflashplayer.so

ora riavviate firefox e il gioco e fatto !!

PS. uso la 64 bit perchè ho 5 gb di ram e la 32 bit come tutti sapete non supporta più di 4 gb

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top