dic
04

Aggiornare driver Nvidia su Ubuntu e derivate

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
24

Installare Windows xp in modalità AHCI

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
21

Nuovi drivers video AMD con supporto overclock e multi scheda

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
20

Ati Drivers Catalyst 8.6

 

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
13

Installare i driver Sound Blaster X-Fi su Ubuntu 8.04

 

Possiamo gridare al “Miraaacolo” perchè finalmente è stato scoperto un modo efficace per far funzionare le dannate schede Creative Sound Blaster X-Fi su Linux. La community di Ubuntu è sempre la più attiva quando si tratta di supporto hardware, e anche stavolta ha anticipato tutti offrendo una soluzione non perfetta ma funzionante.

X-Fi

La soluzione è arrivata dai forum di Ubuntu e consiste (purtroppo) nel rinunciare all’installazione dei pessimi driver X-Fi 32-bit / 64-bit BETA Linux (se qualcuno è riuscito a installarli senza incappare in errori di compilazione mi contatti) rimpiazzando ALSA in favore del buon vecchio OSS (Open Sound System). La procedura non vi permetterà di far funzionare solo la modalità stereo base (in particolare il mixer dei volumi non funziona ancora) ma è già qualcosa. Vediamo come fare su Ubuntu..

1) Preparare il sistema

Prima di installare OSS dobbiamo sostituire tutti i pacchetti che causerebbero problemi con questa interfaccia. Per fare questo basta aprire un terminale e dare il seguente comando:

sudo apt-get remove flashplugin-nonfree gnash mozilla-plugin-gnash && sudo apt-get install build-essential libesd0 esound oss-compat libssl-dev libflash0c2 libflashsupport libflash-mozplugin


2) Scaricare e installare OSS

Ora non ci resta che scaricare il pacchetto DEB di OSS. Per farlo andiamo sulla pagina dei download seguendo questo link e scarichiamo la versione Linux 2.6 (x86) (DEB) che su Ubuntu funziona a meraviglia. Adesso ci basta installare il pacchetto con un semplice doppio click e il gioco è fatto!

Ora non dovete fare altro che riavviare, e quando sarete ritornati alla schermata di login sentirete finalmente i famosi “bonghi” di Ubuntu :)

Condividi

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
13

[GNU/Linux] Installare i driver Sound Blaster X-Fi su Ubuntu 8.04

 

Possiamo gridare al “Miraaacolo” perchè finalmente è stato scoperto un modo efficace per far funzionare le dannate schede Creative Sound Blaster X-Fi su Linux. La community di Ubuntu è sempre la più attiva quando si tratta di supporto hardware, e anche stavolta ha anticipato tutti offrendo una soluzione non perfetta ma funzionante.

X-Fi

La soluzione è arrivata dai forum di Ubuntu e consiste (purtroppo) nel rinunciare all’installazione dei pessimi driver X-Fi 32-bit / 64-bit BETA Linux (se qualcuno è riuscito a installarli senza incappare in errori di compilazione mi contatti) rimpiazzando ALSA in favore del buon vecchio OSS (Open Sound System). La procedura non vi permetterà di far funzionare solo la modalità stereo base (in particolare il mixer dei volumi non funziona ancora) ma è già qualcosa. Vediamo come fare su Ubuntu..

1) Preparare il sistema

Prima di installare OSS dobbiamo sostituire tutti i pacchetti che causerebbero problemi con questa interfaccia. Per fare questo basta aprire un terminale e dare il seguente comando:

sudo apt-get remove flashplugin-nonfree gnash mozilla-plugin-gnash && sudo apt-get install build-essential libesd0 esound oss-compat libssl-dev libflash0c2 libflashsupport libflash-mozplugin


2) Scaricare e installare OSS

Ora non ci resta che scaricare il pacchetto DEB di OSS. Per farlo andiamo sulla pagina dei download seguendo questo link e scarichiamo la versione Linux 2.6 (x86) (DEB) che su Ubuntu funziona a meraviglia. Adesso ci basta installare il pacchetto con un semplice doppio click e il gioco è fatto!

Ora non dovete fare altro che riavviare, e quando sarete ritornati alla schermata di login sentirete finalmente i famosi “bonghi” di Ubuntu :)

Condividi

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
28

Broadcom e Archlinux : finisce l’era di ndiswrapper

 

Stasera giusto per sfizio ( e perchè avevo fatto un mega formattone da cui si è evinto che Windows Vista, anche x64, è un cesso colossale anche con l’ESSEPPI’-vatteloappesca e che Ubuntu non usa compat-wireless [male!molto molto male!] ) e girovagando per AUR ho trovato una versione di compat-wireless per arch…

boh?

Allora nella speranza che funzionasse mi sono messo ad compilarlo/installarlo, insieme al fatidico networkmanager ( da molti, ma non da me, ritenuto un cesso pure lui ) e dopo un messaggio alquanto strano di errore, con terrore annesso, ho ripreso il solito ( ? ) sangue freddo e ho riavviato…

Il risultato lo sto vedendo ora…

Voi che ne dite? L’immagine rende l’idea?

PS: Presto un mini how-to così semplice che tutti vorranno avere Archlinux! ;)

Popularity: 5% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
24

Ati Drivers Catalyst 8.5

 

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
23

Ati Drivers Catalyst 8.05

 

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
02

Aria di nuovo kernel… 2.6.25

 

Senza tanto rumore, siamo già arrivati al 2.6.25-rc3! Lo sviluppo del kernel di Linux prosegue senza sosta, portando con se tantissime novità :) In questa versione saltano subito all’occhio:

  • Il driver grafico Intel fa il suspend/resume nativamente (anche senza che X lo supporti)
  • Continua il merge delle architetture i386 e x86_64 in un unico ramo (x86), sempre più pulito
  • Driver totalmente nuovo per le schede di rete Intel e1000
  • Moltissimi cambiamenti ai driver (nella -rc3 il 46% delle linee di codice modificate, aggiunte e cancellate riguarda proprio la directory drivers/, mentre nella -rc2 la percentuale sale al 49,5%, di cui più dei tre quarti riguardanti drivers/net/)

Altre news riguardanti la nuova versione del kernel, le potrete trovare su: http://kerneltrap.org/2.6.25

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
29

Mint non è Ubuntu, e tantomeno Automatix

 

Volevo solo tradurre in italiano un articolo di Clem dal Blog ufficiale di Linux Mint perchè mi sembra molto importante viste le non rare cattive considerazioni su Linux Mint (del tipo: “Linux Mint è solo una distro con un po’ di software proprietario in più”):

Linux Mint ha una reputazione molto buona e dovremmo esserne felici. La maggior parte delle recensioni dicono che è stabile, facile da usare e un sistema operativo desktop molto buono. Ma quando chiedi a qualcuno di riassumere la propria opinione su Linux Mint questi risponde sempre che è Ubuntu con tutta la roba proprietaria preinstallata.

Sfortunatamente la maggior parte delle recensioni si concentrano su nostro supporto multimediale e su come Linux Mint visualizzi DVD e contenuti online… cose che qualsiasi utente Ubuntu, Fedora, Suse o Linux in generale possono aggiungere alla propria distro in circa 5 minuti. Questa naturalmente non è una conseguenza e se il nostro unico scopo fosse stato “Ubuntu + codec” la nostra ultima release sarebbe stata Barbara.

Alcune persone sono ancora molto stupite del fatto che noi rilasciamo una Light Edition. Incomprensibilmente, se per loro il nostro unico scopo era aggiungere codec a Ubuntu, qual’è la differenza tra la nostra Light Edition e la stessa Ubuntu?

Se mi avete chiesto quale sia il valore aggiunto di Linux Mint, non dovrei aver neanche menzionato i codec. Dovrei averti detto di come abbiamo cambiato il desktop Gnome e sviluppato tool per far si che per l’utente sia tutto più semplice e produttivo. Dovrei averti detto di come pensiamo costantemente a come migliorare il sistema dal punto di vista dell’utente e di come abbiamo fatto questo release dopo release.

Naturalmente puoi usare Daryna come se fosse Gutsy… modificando il sources.list e usando APT, usando gli aggiornamenti di synaptic, inviando grandi serie di file via email… etc. Non ci possiamo aspettare che tutti leggano le nostre note di release e conoscano le particolarità della nostra distribuzione.

Ciò che è più frustrante è vedere gli utenti di Linux Mint usarlo senza fare la maggior parte di queste cose, e questa è una delle ragioni per cui si sta scrivendo una guida per l’utente (che noi di linuxmint-italia stiamo traducendo, ndr).

Non ci hanno dato l’immagine corretta, una distribuzione non-free il cui valore aggiunto abbia a che fare con i codec e con software non-free, quando i nostri obiettivi principali sono la facilità/comodità d’uso per l’utente e il desktop.

Servirà tempo prima che la gente realizzi che cosa stiamo facendo e cosa abbiamo fatto, ed è molto frustrante, a volte, vedere la nostra distribuzione avere tanto successo, ma non sempre per le ragioni giuste.

Per tutti i recensori: Mint non arriva con tutti i detti driver

Popularity: 8% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
08

Gutsy: impossibile usare suspend o hibernate

 


Altro piccolo guazzabuglio causato da Gutsy.
Su Feisty suspend e hibernate funzionavano benissimo.

Su Gutsy la procedura di “appisolamento” del pinguino si interrompe prima di essere completata e il computer si blocca. Unica soluzione per uscirne e’ spegnere brutalmente.

E’ un bug gia’ conosciuto prima dell’uscita ufficiale di Gutsy (https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/linux-restricted-modules-2.6.22/+bug/121653) ma che non e’ stato ancora sistemato nonostante sia decisamente importante per chi utilizza Ubuntu su un portatile.

Una soluzione temporanea proposta e’ mettere in blacklist il modulo fglrx ma questo elimina il supporto 3D dal driver video.

Io ho risolto disabilitando il driver restricted per la scheda ATI.

Fortunatamente la mia ATI (x600) e’ gestita decentemente dai driver di default del sistema.

Ora suspend e hibernate funzionano egregiamente (e in fase di resume la rete si riconnette senza storie)

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
27

Nuovi (deludenti) Catalyst | oneOpenSource

 

Ati Catalyst

 

Salve a tutti! Mi scuso con coloro che seguono costantemente il blog, ma ultimamente tra salute (mi sono beccato una faringo tonsillite^^ ) e impegni ho poco tempo da dedicarvi.

 

 

Ho già parlato in precendenza dei nuovi Ati Catalyst 7.11 per linux, facendo inoltre presente che “Envy c’è !” rendondone disponibile l’installazione completamente automatica.

In questo momento sto scrivendo proprio usandoli e le impressioni sono le stesse della recensione che vi sto per linkare, in poche parole, tanto fumo e niente arrosto. Ben sperando per il futuro dico solo “aspettiamo ancora …”

 

Nuovi (deludenti) Catalyst | oneOpenSource

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
25

Envy c’è !

 

AMD annuncia i nuovi drivers e subito Alberto Milone risponde. Ebbene si! E’ disponibile la nuova versione del tool di installazione automatica dei drivers AMD(Ati)/NVIDIA.

Changelog:

  • Aggiunti i nuovi Ati Catalyst 7.11 per linux! e i nuovi ID delle schede di nuova uscita.
  • Rimossi i vecchi driver 8.42.3 (ninent’ altro che la versione sperimentale di questi ultimi)
  • Risolti i conflitti di nvidia-settings in gutsy
  • Fixato il bug “KDM could not be detected in main.xserverstart() and main.dm_stop()”

AL più presto provvederò ad aggiornare il repo, ora il mio tasso alcolico non me lo permette ^^

Popularity: 5% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
23

Ati Catalyst 7.11 per linux!

 

La nuova versione dei drivers di casa ati cambia nome e “torna indietro” di qualche versione !! (^^)

AMD Catalyst

Effettivamente non è una cosa logica, passare da 8.42 a 7.11 non rende chiare le cose, ma che possiamo farci … al marketing non si comanda!

Comunque bando alle ciancie! I nuovi drivers li trovare nella sezione download del sito AMD .

(more…)

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top