giu
29

Firefox 3.5 in Italiano su Ubuntu senza repository

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
23

BackTrack 4 pre-final

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
16

Come prendere informazioni dettagliate e fare benchmark alla nostra distro

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
15

Deluge – Installazione su Ubuntu

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
10

Finalmente è stata rilasciata Fedora 11 (Leonidas)

 

Finalmente dopo ritardi su ritardi per tutti gli amanti della distribuzione ( basata su sistemi RedHat ) Fedora l’attesa è finita, Leonidas questo è il nuovo nome in codice della distro versione 11. Per chi non lo sapesse Fedora è un sistema operativo basato su Linux che presenta gli ultimissimi software liberi ed open source. L’uso, la modifica e la distribuzione di Fedora sono sempre liberi per chiunque. E’ creato da persone in tutto il mondo che lavorano assieme come una comunità: il Fedora Project. Il Fedora Project è aperto a chiunque e di chiunque è benvenuta la partecipazione.

f11launch

Come sempre Fedora continua a sviluppare (http://www.fedoraproject.org/wiki/Red_Hat_contributions) e ad integrare il software libero e open source più aggiornato (http://www.fedoraproject.org/wiki/Features). Le seguenti sezioni forniscono una breve panoramica delle principali modifiche dall’ultima versione di Fedora. Per maggiori informazioni su altre caratteristiche incluse in Fedora 11, consultare le pagine wiki relative, in cui sono riportati gli obiettivi e lo stato dell’arte: http://www.fedoraproject.org/wiki/Releases/11/FeatureList
Le principali caratteristiche di Fedora 11 sono le seguenti:
  • Installazione automatica font e mime-type – PackageKit
  • Controllo del volume migliorato con pulseaudio
  • Intel, ATI e Nvidia kernel modsetting
  • E’ stato fatto un grande lavoro per rendere i lettori di impronte digitali più facili da usare come meccanismi di autenticazione
  • Metodo di input IBus
  • Yum Presto
  • Filesystem Ext4
  • Console virt migliorata
  • MinGW (Windows cross compiler)

Per sfogliare e consultare le Release Notes (IT) Italiano (Italian, it)

Per scaricare la tua versione di Fedora 11 ecco qua tutto quello che ti serve:

DVD di installazione / CD di emergenza

Live Media

Fedora 11 Torrent Link

Fedora-11-x86_64-DVD.torrent Fedora 11 x86_64 DVD 4.0G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live.torrent Fedora 11 x86_64 Live 692M 2009-06-09
Fedora-11-source-DVD.torrent Fedora 11 source DVD 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-Live-KDE.torrent Fedora 11 x86_64 Live KDE 695M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-DVD.torrent Fedora 11 ppc DVD 4.3G 2009-06-09
Fedora-11-i386-CDs.torrent Fedora 11 i386 CDs 3.7G 2009-06-09
Fedora-11-x86_64-CDs.torrent Fedora 11 x86_64 CDs 4.2G 2009-06-09
Fedora-11-i386-DVD.torrent Fedora 11 i386 DVD 3.5G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live.torrent Fedora 11 i686 Live 689M 2009-06-09
Fedora-11-source-CDs.torrent Fedora 11 source CDs 3.9G 2009-06-09
Fedora-11-i686-Live-KDE.torrent Fedora 11 i686 Live KDE 687M 2009-06-09
Fedora-11-ppc-CDs.torrent Fedora 11 ppc CDs 4.5G 2009-06-09

Una volta scaricata una ISO, verificala per sicurezza ed integrità. Se hai scaricato l’ISO via BitTorrent, il file è già stato verificato come parte del processo di download (assicurati solo di aver scaricato via torrent da torrent.fedoraproject.org). Altrimenti, per verificare l’ISO, inizia scaricando il file CHECKSUM appropriato nella stessa directory della ISO:

Quindi, importa la chiave GPG di Fedora:

$ curl https://fedoraproject.org/static/fedora.gpg | gpg --import

Si può verificare i dettagli della chiave GPG qui.

Ora, verificare che il file CHECKSUM sia valido:

$ gpg --verify *-CHECKSUM

Il file CHECKSUM dovrebbe avere una firma verificata da una delle seguenti chiavi:

  • D22E77F2 – Fedora 11
  • 4EBFC273 – Fedora 10
  • 0B86274E – Fedora 10 pre-release
  • 4F2A6FD2 – Fedora 9 e precedenti
  • 30C9ECF8 – Fedora 9 e pre-release precedenti

In fine, ora che il file CHECKSUM è stato verificato, controlla che il checksum della ISO coincida:

$ sha256sum -c *-CHECKSUM

Se il risultato indica che il file è valido, siete pronti per procedere!

Nessun software è esente da bug. Una delle caratteristiche del software open source e libero è quella di riportare i bug, contribuendo così al miglioramento o correzione del software utilizzato.
Il Fedora Project conserva un elenco di bug per ogni release, esso rappresenta il posto ideale per iniziare se si verificano problemi che potrebbero rappresentare un bug del software:
Per trovare ulteriori informazioni generali su Fedora, fare riferimento alle seguenti pagine web:

Share/Save/Bookmark

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
05

RealNetworks vede il futuro di Linux nei netbook

 

Se i netbook vi stanno assillando sappiate che anche RealNetwork punta su di loro, in arrivo un Realplayer per GNU/Linux specifico per distro ottimizzate per questo tipo di hardware

Sembra che GNU/Linux sia destinato a rimanere relegato all’interno del segmento netbook, questo è per lo meno quello che si evince da tutte le discussioni più o meno ampie che è possibile reperire sulla rete.

Le aziende poi sembrano prenderci la mira da lontano e tra abbandoni illustri, caso Asus, e conquiste, caso Acer con presunti netbbok Android in fase di sviluppo, tutta l’attenzione si è catalizzata intorno a questi prodotti che vanno di moda in questi tempi.

Non che sia contrario all’adozione di questi gingillini, anche io ne possiedo uno, ma dal mio punto di vista le persone comuni sbagliano approccio verso questa nuova categoria di macchine ritenendo il grado di sostituire completamente un pc, potrò anche essere in errore ma questa del netbook mi sembra una moda che non durerà poi ancora a lungo per almeno due motivi, per prima cosa il prezzo che, tranne per qualche sporadico annuncio, vede macchine che si aggirano sui 400 euro circa praticamente a livello di un pc con processore Celeron o Sempron di fascia bassa in seconda battuta l’esaurirsi della classica vena “modaiola” che si cela dietro all’acquisto di queste macchine.

Questo non significa certamente che questa tipologia di hardware scomparirà ma bensì che, come si inizia già ad intravvedere, si avrà un notevole ridimensionamento dei volumi di vendita.

Dopo tutta questa mia sana, quanto inutile, opinione personale ritorno nella realtà per accorgermi che tutto gira intorno ai piccoli pc tanto da convincere RealNetwork a sviluppare una versione apposita per Moblin e più in generale per quelle distro appositamente modificate per dare con le ridotte capacità di calcolo dei vari EeePC o Aspire One o altro ancora.

real_mobile_splashtop_sm.jpg

Anche se il player in questione è proprietario esso è stato sviluppato a partire da quelle che sono le basi gettate dal progetto Helix ed oltre alla versione per Moblin sembra sia pronta (o quasi) una versione per distro instant on, accordi sono stati firmati con le maggiori distribuzioni e con i produttori di hardware i quali potranno adottare il prodotto anche nel caso di piattaforme ARM.

Le specifiche del prodotto sono quelle del fratello maggiore quindi si a supporto RealMedia, Windows Media, MP3, MPEG4, H.264, AAC, AAC +, VC-1, Ogg e Video HD a patto di avere hardware in grado di riprodurre file ad alta definizione, la disponibilità del prodotto è prevista per la fine del corrente anno.

Link

Ciao a tutti.

Condividi questo post:

del.icio.us
Facebook
Google
oknotizie
StumbleUpon
Tumblr
TwitThis
Digg
diggita
MySpace
Reddit
Technorati
ghenghe
tuttoblog
Wikio IT
Friendfeed

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
30

Chrome Alpha su Ubuntu

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
19

Ubuntu contro tutti!

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
18

Ubuntu 9.04 64 bit più competitivo contro Mac OS X

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
15

Rilasciata la prima Alpha di Ubuntu 9.10 Karmic Koala

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
15

Scaricare film e musica dalla rete IRC con Linux

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
14

Linux.com riapre i battenti, sotto la direzione della Linux Foundation

 

Linux.com Logo

Pochi mesi fa la Linux Foundation ha annunciato l’acquisto di Linux.com, uno dei principali portali dedicati a Linux e all’Open Source. Ieri la Linux Foundation ha riaperto le porte del sito, dando un assaggio di ciò che Linux.com sarà. Già nell’annuncio dell’acquisizione, la fondazione aveva di chiarato di voler fare di Linux.com un punto di riferimento per gli utenti Gnu/Linux in genere, a prescindere dalla distribuzione. Il nuovo portale è composto da: blog, forum, una lista delle principali distribuzioni (completa di link per il download), novità, informazioni sui programmi, sull’hardware e ogni tipo di contenuto che può interessare la comunità Gnu/Linux.

linuxdotcom 300x225 Linux.com riapre i battenti, sotto la direzione della Linux Foundation

La Linux Foundation, in marzo ha anche aperto IdeaForge, un sito simile ad IdeaStorm della Dell, per invitare gli utenti a proporre nuove funzioni per il sito. Il punto di forza di Linux.com, è sempre stato il supporto della comunità. Da oggi recandovi alla home del sito potrete registrarvi ed iniziare a collaborare. Gli utenti possono infatti: aprire un proprio blog personale, hostato da Linux.com, scrivere How-to e recensire software. Ogni anno l’utente più attivo verrà riconosciuto “Ultimate Linux Guru” e vincerà un portatile autografato da Linus Torvalds.

Insomma, Linux.com è rinato ed è una miniera di informazioni per tutta la comunità Gnu/Linux.

Articoli correlati:

Linux Foundation e SourceForge uniti per dare un nuovo volto a Linux.com

Moblin passa dalla Intel alla Linux Foundation

Novell annuncia una versione basata su Moblin di SUSE

Oracle compra Sun Mycrosystem, quale sarà il futuro dei prodotti Open Source?

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
11

Aprire i link e2k con Amule da Firefox

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
28

Integrare firefox nel sistema di notifiche di Ubuntu

 


Integrare Firefox nel nuovo sistema di notifiche di ubuntu 9.04. Grazie a questa estensione (sperimentale).

Per utilizzare questa estensione e necessario risolvere qualche dipendenza:

* Python
* DBus
* Galago compliant notification daemon (libnotify)
* python’s pynotify package.

Infine non necessaria:
* xdg-utils (for opening files from the notification)

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top