dic
17

Debian/Squeeze non includerà componenti proprietari nel kernel Linux

 

DebianQuella del Debian Kernel Team è una scelta che farà discutere: Squeeze avrà Linux Libre (recentemente aggiornato all’ultimo kernel stabile) e cioè escluderà tutti i componenti proprietari tra driver e firmware. Il kernel di Debian 6.0 sarà epurato con la pratica del deblobbing, rimuovendo i “blob” proprietari dai sorgenti di Linux. La modifica è maturata a seguito di una serie d’incompatibilità irrisolte con alcuni di questi componenti.

L’indirizzo di Debian sarà sicuramente apprezzato dalla Free Software Foundation, tuttavia può allontanare la distribuzione dai desktop. Tanto per fare un esempio sia i driver proprietari, sia quelli open source di AMD/ATI hanno bisogno del firmware fornito dal produttore per fornire il compositing. Se i Catalyst installano separatamente il firmware per la GPU, i driver FreeDesktop recuperano i microcode direttamente dal kernel.

Quello di AMD/ATI è soltanto uno degli esempi possibili: lo stesso si può dire di Broadcom che, nonostante abbia rilasciato dei driver liberi per Linux, recupera il firmware dalla versione proprietaria per Windows. Insomma, schede video (anche le nVidia prive di Nouveau) e network potrebbero avere malfunzionamenti. La soluzione risiede nell’installazione manuale di tutti i componenti proprietari, non supportata da Debian.

Via | Debian

Debian/Squeeze non includerà componenti proprietari nel kernel Linux é stato pubblicato su ossblog alle 08:00 di venerdì 17 dicembre 2010.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
07

Debian 6.0 Squeeze frozen

 

Durante il DebConf10 è stato annunciato che Debian 6.0 “Squeeze” è entrata nella fase di “freeze”.

Questo significa che tutto lo sviluppo sarà concentrato nell’eliminare tutti i bug presenti e nel rendere più pulita e pronta per la presentazione la futura distribuzione. Squeeze sarà rilasciata con il kernel 2.6.32 per tutte le architetture, KDE 4.4.5, GNOME 2.30.0, LXDE 0.5.0, XFCE 4.6.2, X.org 7.5, OpenOffice 3.2.1, Apache 2.2.16, PHP 5.3.2, MySQL 5.1.48, PostgreSQL 8.4.4, Samba 3.4, python 2.6 e 3.1, Perl 5.10, GHC 6.12 e GCC 4.4.

Squeeze sarà disponibile anche in versione con kernel FreeBSD grazie al progetto Debian Gnu/kFreeBSD. Si tratta di un’anteprima, ma gli sviluppatori pensano che sia già pronta per l’uso di chi vuole provare un kernel non-linux.

Via | Debian

Debian 6.0 Squeeze frozen é stato pubblicato su ossblog alle 11:00 di sabato 07 agosto 2010.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

nov
25

Debian 6.0 Squeeze entro l estate 2010?

 

Steve McIntyre, project leader Debian, ha affermato che la prossima versione della distribuzione dovrebbe arrivare entro l’estate.

Si cercherà di completare Debian 6.0, nome in codice Squeeze, entro il mese di luglio, in modo che durante la conferenza degli sviluppatori debian, il DebConf, si potrà discutere dei piani per il futuro.

Quest’annuncio segue quello del cambio della politica di rilascio verso un sistema con milestone ad intervalli fissi. Il code freeze di Squeeze sarebbe dovuto avvenire a dicembre, ma è stato spostato a marzo. In ogni caso un passo avanti.

Via | ItWire

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ago
03

Debian 6.0 “Squeeze” ed obiettivi

 

La prossima release stabile si chiamerà Debian “Squeeze” ed avrà come obiettivo il raggiungimento delle seguenti cose:

* Multi-arch support, which will for instance improve the installation of 32 bit packages on 64 bit machines
* kFreeBSD support, introducing the first non-linux architecture into Debian
* Improved boot performance using dash as the new default shell, and a dependency-based boot system that will both clean up the boot process and help performance through parallel processing
* A further enhanced Quality Assurance process resulting in higher quality packages. This includes:
o Clean installation, upgrade and removal of all packages
o Automatic rejection of packages failing basic quality checks
o Double compilation support
* Preparation for new package formats to help streamline future development and to introduce improved compression algorithms
* Removal of obsolete libraries for improved security
* Full ipv6 support
* Large File Support
* Automatic creation of debug packages for the entire archive, a Google Summer of Code Project pending integration into the infrastructure
* Move of packages’ long descriptions into a separate “translated package list”, which will facilitate their translation and also provide a smaller footprint for embedded systems thanks to smaller Packages files.
* Better integration of debtags, a system to tag packages with multiple attributes for easier package selection
* Discard and rebuild of binary packages uploaded by maintainers, leaving only packages build in a controlled environment

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top