feb
08

Kubuntu e l’abbandono del supporto commerciale secondo Harald Sitter

 

Mi piace +1 Tweet

KubuntuHarald Sitter, impegnato nello sviluppo di KDE e Ubuntu, è intervenuto «a gettare acqua sul fuoco» in merito al futuro di Kubuntu, la variante della distribuzione di Canonical su KDE. L’articolo di Sitter chiarisce alcuni punti lasciati in sospeso da Jonathan Riddell e, tra le righe, sostiene che il problema sia esclusivamente suo.

In sintesi, Canonical sottrarrà il supporto commerciale a Kubuntu soltanto dopo il termine del ciclo vitale di Precise Pangoline: il Long Term Support (LTS) previsto per le varianti ufficiali di Ubuntu continuerà anche in seguito col contributo della comunità. Il danno, se di questo si può parlare, riguarderebbe soltanto le imprese.

Sitter arriva pure a sostenere che, diversamente da quanto pensi Riddell, l’abbandono dei finanziamenti di Canonical – che coprivano appena il 4% di Kubuntu – sia un aspetto positivo. Insomma, il rischio che la distribuzione sia abbandonata non è solo remoto è addirittura infondato. Per quanto mi riguarda, mi spingerei anche oltre.

Nelle ultime settimane, Canonical è stata al centro delle discussioni della comunità per Unity e Compiz. In particolare, gli sviluppatori di Fedora hanno deciso di rimuovere il window manager dai repository della distribuzione e non supporteranno il desktop environment di Mark Shuttleworth. E a chi importa davvero? Non a Canonical.

Condivisibile o meno, Canonical ha optato per un approccio più “individualistico” — rispetto alle altre società che mantengono delle distribuzioni di Linux. Le ambizioni di Shuttleworth mirano a qualcosa di molto simile ad Apple su OS X: la differenza è legata soltanto alle licenze di rilascio dei componenti del software essenziale.

Kubuntu, ecc. sono semplicemente dei brand: Ubuntu può installare qualsiasi ambiente grafico, a prescindere dal nome affidato alla singola variante. La comunità supporta tanto GNOME Shell, quanto KDE, Xfce o LXDE. Canonical non finanzia abbastanza progetti di free software? Sarebbe una consuetudine, però nessuno la obbliga a farlo.

Via | Harald Sitter

Kubuntu e l’abbandono del supporto commerciale secondo Harald Sitter é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di mercoledì 08 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
07

Canonical ha declassato Kubuntu, tagliandone i fondi per lo sviluppo

 

Mi piace +1 Tweet

KubuntuKubuntu sarà trattata come tutte le altre varianti di Ubuntu, ovvero non riceverà ulteriori finanziamenti da Canonical. La società di Mark Shuttleworth non pagherà più il lavoro di Jonathan Riddell, l’unico sviluppatore stipendiato per contribuire a Kubuntu. È una decisione discutibile, che mette in serio pericolo la distribuzione.

Gli aggiornamenti di Kubuntu saranno esclusivamente nelle mani dei volontari e Riddell non è certo che sarà facile trovare qualcuno disposto a effettuare molti dei test di routine gratuitamente. Lui stesso si sta lentamente riprendendo da gravi problemi di salute e, di conseguenza, non potrà assicurare il proprio supporto a Kubuntu.

Eppure, Canonical aveva deciso d’estendere il Long Term Support (LTS) a tutte le varianti ufficiali di Ubuntu. È lecito domandarsi come ritiene di poterlo garantire se i manutentori sono soltanto dei volontari. Kubuntu ha assunto un ruolo molto importante nel progresso di KDE e – se dovesse scomparire – potrebbe essere un problema.

Via | LWN

Canonical ha declassato Kubuntu, tagliandone i fondi per lo sviluppo é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di martedì 07 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
06

Canonical blocca il servizio per sincronizzare le note da Ubuntu One

 

Mi piace +1 Tweet

Ubuntu OneUbuntu One, il servizio di Canonical per il cloud computing, interromperà un altro servizio: dopo la sincronizzazione dei segnalibri, a partire dal 28 febbraio non sarà più possibile sincronizzare le note. La motivazione è del tutto simile a quella che ha portato all’eliminazione dei preferiti. Non avrebbero il tempo di mantenerla.

La sincronizzazione delle note fa parte dei servizi disponibili anche sugli account gratuiti e utilizza Tomboy, per gestire le annotazioni su Linux o Windows. La differenza, dal 28 febbraio, riguarderà soltanto l’interfaccia web di Ubuntu One: le note continueranno a essere salvate sul server, ma non saranno accessibili dal browser.

È una rimozione a metà, quindi. Canonical prevede comunque di realizzare nel 2012 un nuovo servizio in sostituzione a quello che sarà rimosso: non esistono ancora dettagli in questo senso, però includerà «altre tipologie di dati» — un’allusione che potrebbe determinare pure il ritorno dei segnalibri. Intanto, le note scompariranno.

Via | Canonical

Canonical blocca il servizio per sincronizzare le note da Ubuntu One é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di lunedì 06 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
05

Compiz sarebbe stato abbandonato, se non fosse per Canonical e Unity

 

Mi piace +1 Tweet

CompizCompiz, se la situazione non dovesse cambiare, potrebbe essere abbandonato del tutto. Il window manager che ha appassionato molti utenti di Linux non vedrà mai il rilascio della versione 1.0: Sam Spilsbury, il responsabile del progetto, s’è scusato per il sostanziale fallimento. Gentoo e openSUSE l’hanno già rimosso dai repository.

Parlando della discussione degli sviluppatori sul supporto a Unity in Fedora, accennavo alla rimozione di Compiz dai repository della distribuzione di Red Hat. Fedora 17 potrebbe escludere Compiz, perché il window manager non è compatibile con GNOME 3.x. KDE utilizza con successo il compositor di KWin. L’unica a sfruttarlo è Ubuntu.

Proprio su Launchpad sono ancora piuttosto frequenti gli aggiornamenti a Compiz 0.9: Unity 3D è praticamente un plugin del window manager. Se Canonical scegliesse di utilizzare le Qt anche per Unity 3D, Compiz terminerebbe il proprio scopo. Un peccato, se si pensa al passato. Tuttavia, il ciclo vitale potrebbe essersi già esaurito.

Via | Phoronix

Compiz sarebbe stato abbandonato, se non fosse per Canonical e Unity é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di domenica 05 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
04

Unity «non può andare avanti da solo», però Fedora non lo supporterà

 

Mi piace +1 Tweet

UnityGli sviluppatori di Fedora s’interrogano sull’opportunità d’includere Unity – l’interfaccia utente di Ubuntu – nei propri repository. Thorsten Leemhuis, ex-membro del Fedora Engineering Steering Committee (FESCo) è intervenuto a supporto dell’ipotesi di distribuire Unity su altre distribuzioni — criticando la politica di Canonical.

Il responso degli sviluppatori della distribuzione di Red Hat è evidente: Unity non sarà supportato da Fedora che, inoltre, potrebbe rimuovere Compiz dai propri archivi. Il motivo non riguarderebbe la rivalità con GNOME Shell, ma le difficoltà di portare Unity in una distribuzione diversa da Ubuntu. La responsabilità è di Canonical.

Tuttavia, Leemhuis non è ostile all’ipotesi di Unity su Fedora: al contrario, invita Canonical a non commettere gli errori nei quali si sono imbattuti in passato Red Hat o Novell — aiutando l’integrazione di Unity con le altre distribuzioni. L’esempio da seguire è quello di Mint su Cinnamon. Sicuri, però, che a Canonical interessi?

Via | The H Open

Unity «non può andare avanti da solo», però Fedora non lo supporterà é stato pubblicato su Ossblog.it alle 08:00 di sabato 04 febbraio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
29

Ubuntu Accomplishments, la gamification di Canonical ai contributori

 

Mi piace +1 Tweet

Canonical, Ltd.Ubuntu Accomplishments è un sistema di gamification applicato alla risoluzione dei problemi della distribuzione di Canonical. In pratica – contribuendo allo sviluppo di Ubuntu su Launchpad – gli utenti conquistano dei premi, sotto forma di badge. È un po’ come per Foursquare — tra i primi social network ad adottare la gamification.

Trasformare la contribuzione in un “gioco” è un trend particolarmente in voga per attrarre gli sviluppatori: ideato da Kees Cook già nel 2010, Ubuntu Accomplishments ha iniziato il proprio percorso in ottobre. Da qualche giorno Jono Bacon e Stuart Langridge stanno lavorando sull’interfaccia grafica per integrare il sistema in Unity.

Chissà che, in un secondo momento, Ubuntu Accomplishements non possa essere associato alle certificazioni di Canonical. Per ora il sistema in fase di sviluppo somiglia a Visual Studio Achievements: una soluzione di Microsoft per la gamification su C# o Visual Basic. Mozilla potrebbe essere interessata a fornire il proprio supporto.

Via | Jono Bacon

Ubuntu Accomplishments, la gamification di Canonical ai contributori é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di domenica 29 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
25

Head-Up Display, una nuova soluzione di Canonical sui menù per Unity

 

Mi piace +1 Tweet

Head-Up Display (HUD) è la nuova interfaccia di Unity, il desktop di Ubuntu, in associazione al menù superiore sulle finestre delle applicazioni. In pratica, affiancherà la MenuBar introdotta proprio da Unity: la soluzione “compete” con Ribbon, l’interfaccia di Microsoft Office che approderà pure su Explorer a partire da Windows 8.

Il parallelo con Ribbon non deve trarre in inganno. Mark Shuttleworth l’ha citato soltanto perché, a livello concettuale, lo ritiene un’alternativa convincente all’interfaccia di Xerox PARC – la prima Graphical User Interface (GUI) – inalterata da trent’anni. Il concetto alla base di HUD è differente e prepara a un controllo vocale.

Il nuovo approccio di HUD non mancherà di stimolare delle polemiche. Tuttavia, bisogna sottolineare che l’invocazione dell’interfaccia avviene da un tasto di scelta rapida — [Alt], nella circostanza: posizionandosi sulla MenuBar con il mouse, le applicazioni mantengono l’aspetto predefinito per i menù. È un accorgimento essenziale.

Il richiamo al riconoscimento vocale allude a un ulteriore fase dello sviluppo di HUD. La parola-chiave è “intenzione”: l’utente, richiamando l’interfaccia, deve digitare l’azione che vuole intraprendere per avere la lista dei comandi compatibili. L’inclusione del percorso completo nel menù globale di Unity aiuta l’identificazione.

Qualcuno avrà già riconosciuto in HUD un successore dei dock a comparsa: ad esempio, GNOME Do. E – guardando al passato – non sarebbe fuori luogo un paragone con la Deskbar di GNOME2. Il meccanismo è sostanzialmente lo stesso. La differenza apprezzabile è nell’integrazione con il desktop, del quale mantiene i tasti di scelta rapida.

Shuttleworth pensa che la digitazione sia più rapida dei clic del mouse. È condivisibile soltanto in parte, soprattutto se Canonical punta a tablet e smartphone: il controllo vocale di HUD, stimato in un paio d’anni, dovrebbe appianare la questione. Rispetto ad altre soluzioni, HUD non è “rivoluzionaria” se utilizzavate la Deskbar.

Via | Mark Shuttleworth

Head-Up Display, una nuova soluzione di Canonical sui menù per Unity é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di mercoledì 25 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
11

Canonical e Teleca porteranno Ubuntu nelle automobili

 

Mi piace +1 Tweet

Canonical, Ltd. Canonical e Teleca hanno reso noto di aver stipulato l’accordo per una collaborazione con l’obiettivo di produrre dispositivi IVI utilizzando l’infrastruttura Ubuntu Core. Teleca è un’azienda di livello mondiale che progetta e distribuisce soluzioni embedded per dispositivi mobili, applicazioni automotive e in particolare dispositivi In-Vehicle-Infotainment (IVI).

Ubuntu Core verrà utilizzato come base. In sintesi Ubuntu Core è uno stack di tecnologie che hanno lo scopo di equipaggiare dispositivi embedded con una vocazione alla connettività. L’esatto profilo dei dispositivi veicolari progettati da Teleca. Di fatto, con questa tecnologia, Canonical fornisce un semi-prodotto che si avvantaggia di una sufficiente astrazione dell’hardware per poter sviluppare applicazioni con un time-to-market soddisfacente.

E soddisfazione è stata espressa da entrambe le parti per la conclusione dell’accordo. Sicuramente, la mossa di Canonical mira a diversificare i segmenti di mercato sui quali investire, e questo non può che essere un bene per l’espansione di Linux. Rimane da verificare i frutti che questa partnership porterà ai consumatori. Teleca ha una vasta esperienza di sviluppo, le sue soluzioni comprendono piattaforme x86 e ARM con sistemi operativi di tutto rispetto come QNX, Tizen e MeeGo. Quindi è evidente che se l’azienda svedese ha scelto Ubuntu, di sicuro ne ha intuito il potenziale. In ultima istanza però, sarà il mercato a decidere. Come sempre.

Via | MarketWatch

Canonical e Teleca porteranno Ubuntu nelle automobili é stato pubblicato su Ossblog.it alle 17:26 di martedì 10 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
10

Canonical e Teleca, porteranno Ubuntu nelle automobili

 

Mi piace +1 Tweet

Canonical, Ltd. Canonical e Teleca hanno reso noto di aver stipulato l’accordo per una collaborazione con l’obiettivo di produrre dispositivi IVI utilizzando l’infrastruttura Ubuntu Core. Teleca è un’azienda di livello mondiale che progetta e distribuisce soluzioni embedded per dispositivi mobili, applicazioni automotive e in particolare dispositivi In-Vehicle-Infotainment (IVI).

Ubuntu Core verrà utilizzato come base. In sintesi Ubuntu Core è uno stack di tecnologie che hanno lo scopo di equipaggiare dispositivi embedded con una vocazione alla connettività. L’esatto profilo dei dispositivi veicolari progettati da Teleca. Di fatto, con questa tecnologia, Canonical fornisce un semi-prodotto che si avvantaggia di una sufficiente astrazione dell’hardware per poter sviluppare applicazioni con un time-to-market soddisfacente.

Soddisfazione è stata espressa da entrambe le parti per la conclusione dell’accordo. Sicuramente, la mossa di Canonical mira a diversificare i segmenti di mercato sui quali investire, e questo non può che essere un bene per l’espansione di Linux. Rimane da verificare i frutti che questa partnership porterà con sé. Teleca ha una vasta esperienza di sviluppo, le sue soluzioni comprendono piattaforme x86 e ARM con sistemi operativi di tutto rispetto come QNX, Tizen e MeeGo. Quindi è evidente che se l’azienda svedese ha scelto Ubuntu, di sicuro ne ha intuito il potenziale. In ultima istanza, sarà il mercato a decidere. Come sempre.

Via | MarketWatch

Canonical e Teleca, porteranno Ubuntu nelle automobili é stato pubblicato su Ossblog.it alle 17:26 di martedì 10 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
10

Canonical avvia il Long Term Support su Kubuntu, Xubuntu ed Edubuntu

 

Mi piace +1 Tweet

Canonical, Ltd.Precise Pangoline, il prossimo rilascio di Ubuntu, proporrà il Long Term Support (LTS) su Kubuntu, Xubuntu ed Edubuntu. Canonical ha approvato le proposte avanzate dai rispettivi gruppi di sviluppo: all’appello, tra le derivate ufficiali, mancherebbe giusto Lubuntu — che però è entrata soltanto di recente nella lista della società.

A dispetto del grande lavoro su Unity, l’interfaccia di Ubuntu, Canonical non sembra relegare gli altri desktop al ruolo di comprimari. Il discorso è diverso per Edubuntu, la variante dedicata all’istruzione: tuttavia, Kubuntu e Xubuntu offrono ambienti diversi dal “fork” di GNOME. Il supporto a lungo termine non è uguale per tutti.

Xubuntu, ad esempio, ha proposto un limite di tre anni. Canonical ha esteso il programma LTS sul desktop a cinque, seguendo il ciclo della versione per i server. Kubuntu adottò il supporto a lungo termine con Lucid Lynx e la proposta prevede soltanto l’estensione a cinque anni. Edubuntu, per i cinque anni, rimuoverà Mono e gbrainy.

Via | Phoronix

Canonical avvia il Long Term Support su Kubuntu, Xubuntu ed Edubuntu é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di martedì 10 gennaio 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
09

Ubuntu Tv: la sfida ha inizio!

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
23

Canonical precisa la natura e le caratteristiche di U1DB al rilascio

 

Mi piace +1 Tweet

U1DBU1DB, la soluzione annunciata da Canonical nel corso dell’Ubuntu Developer Summit (USD) di Precise Pangoline in ottobre, è stata rilasciata in forma d’anteprima. In occasione del rilascio Stuart Langridge è intervenuto per chiarire cos’è – e, soprattutto, cosa non è – U1DB. Fugando ogni dubbio sul database utilizzato da Ubuntu One.

O, almeno, ha provato: l’unica conferma di Langridge è che U1DB non è un database e Canonical non intende crearne uno a sé. Ancora, U1DB è utilizzabile con qualunque database… tuttavia, al momento esiste soltanto un’integrazione con SQLite. La confusione su U1DB è stata creata, più che da Canonical, attorno a essa. Specie da Apache.

La contraddizione nella quale sono caduto anch’io è dovuta ai termini: come avevo – in ultima istanza – ipotizzato, Canonical non sostituirà affatto CouchDB. Rimpiazzerà, invece, Desktop CouchDB. Ubuntu One avrà soltanto un nuovo “connettore” per il database, che rimarrà lo stesso. E, cioè, CouchDB con le patch rigettate da Apache.

Un’ipotesi, tutta da confermare, sulla possibile sostituzione del database riguarda SQLite: poiché Ubuntu One è una risorsa per il cloud computing, le applicazioni mobile utilizzeranno SQLite al posto di CouchDB. E U1DB svolgerà le funzioni deputate a Desktop CouchDB sul desktop. Certo, avrebbero potuto scegliere dei nomi distinti.

Tant’è che insieme all’anteprima di U1DB Canonical ha aperto anche Sharedbridge. Quest’ultimo sarà un “ponte” in Vala per l’utilizzo di U1DB sul desktop con SQLite. Soltanto quando U1DB avrà raggiunto un adeguato livello di stabilità, SQLite e Sharedbridge potrebbero rimpiazzare definitivamente CouchDB e Desktop CouchDB sul desktop.

Sarebbe stato più chiaro produrre uno schema. In pratica, SQLite dovrebbe sostituire CouchDB e U1DB – scritto in Python – sarà il “collante” tra Sharedbridge (Vala) e i futuri porting per Android (Java) e iOS (Obj-C) in sostituzione a Desktop CouchDB. Per adesso, Ubuntu One è su CouchDB e potrebbe restarci. Desktop CouchDB escluso.

Via | Canonical

Canonical precisa la natura e le caratteristiche di U1DB al rilascio é stato pubblicato su Ossblog.it alle 08:00 di venerdì 23 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
17

Canonical eliminerà il JDK di Oracle da qualunque versione di Ubuntu

 

Mi piace +1 Tweet

Oracle JavaUbuntu non conterrà più il JDK di Oracle: è la decisione di Canonical. Se Java 7, ritirata la Distributor License for Java (DLJ), deve già essere scaricata e installata manualmente… i rilasci precedenti permettono alle distribuzioni d’includere il JDK proprietario di Sun Microsystems tra i pacchetti ufficiali dei propri repository.

Per evitare inutili contraddizioni, Canonical ha optato per rimuovere i pacchetti relativi alle versioni di Java 5 e Java 6 da tutte le distribuzioni di Ubuntu. Oneiric Ocelot non costituisce un problema, perché l’unico JDK disponibile è quello di OpenJDK. Presto sarà così per tutte le versioni correntemente supportate da Canonical.

In particolare, da Lucid Lynx – l’ultima Long Term Support (LTS) – a Natty Narwhal, tutti i pacchetti sun-java* saranno rimossi. La migrazione a OpenJDK prevede l’uso di IcedTea per abilitare il supporto di Java sul browser. È bene regolarsi, prima che la rimozione abbia effetto: un aggiornamento installerà automaticamente OpenJDK.

Via | The H Security

Canonical eliminerà il JDK di Oracle da qualunque versione di Ubuntu é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di sabato 17 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
16

Canonical regala 30 giorni gratis di streaming sul web da Ubuntu One

 

Mi piace +1 Tweet

Ubuntu OneCanonical ha aggiornato Ubuntu One, in occasione del Natale imminente, offrendo la possibilità d’ascoltare la propria musica in streaming sul web. L’operazione era già possibile dalle applicazioni per Android e iOS: richiede la sottoscrizione del servizio di Music Streaming a $3,99 al mese o $39,99 all’anno. È gratis per 30 giorni.

L’ascolto avviene dalla dashboard di Ubuntu One con qualunque browser e sistema operativo. L’attivazione del servizio di Music Streaming è abilitata a prescindere dalla sottoscrizione dei servizi per le applicazioni mobile e il periodo di prova non è vincolante sull’eventuale acquisto. L’aspetto della soluzione ricorda Google Music.

Ubuntu One s’arricchisce periodicamente di nuove funzionalità e Canonical lascia intendere che il prossimo anno la crescita del servizio per il cloud computing continuerà. Tuttavia, rispetto ai competitori è una soluzione impegnativa dal punto di vista economico. Dropbox, ad esempio, offre quasi le stesse possibilità gratuitamente.

Ubuntu One Music Player

Ubuntu One Music PlayerUbuntu One Music Player

Via | Ubuntu One Blog

Canonical regala 30 giorni gratis di streaming sul web da Ubuntu One é stato pubblicato su Ossblog.it alle 09:30 di venerdì 16 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
09

Sarà possibile pagare le applicazioni dell USC tramite PayPal

 

Mi piace +1 Tweet

Secondo quanto riportato dal blog di Canonical, dopo il Natale sarà possibile acquistare contenuti dall’Ubuntu Software Center pagando tramite PayPal. Una delle features più attese dagli utenti Ubuntu era sicuramente la possibilità di pagare con uno dei metodi di pagamento più famosi al mondo.

La possibilità di pagare tramite PayPal servirà ad ampliare il catalogo di applicazioni a pagamento, permettendo agli sviluppatori di guadagnare di più e di rendere così Ubuntu una piattaforma di sviluppo più attraente. La mossa del team di Canonical è davvero importante, se prima c’erano alcuni utenti che non potevano acquistare sul Software Center per il metodo di pagamento, ora questo non avverrà più.

Il servizio dovrebbe arrivare come già detto dopo Natale, la speranza è che questa scadenza venga rispettata e che per il 2012 questa novità sia operativa sul Software Center. Dopo i kernel con tanto di patch per il risparmio energetico, quale miglior regalo?

Via | Voice Canonical

Sarà possibile pagare le applicazioni dell USC tramite PayPal é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di venerdì 09 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top