set
14

Salvatore Aranzulla si proietta nell’open source

 

Post originale su Linux e dintorni

Come un “hacker professionista” si adatta al mercato che cambia

Avete presente quando vi fate trasportare dall’onda di internet ovvero quando di link in link vi ritrovati persi in quel mare di informazioni che solo la rete è in grado di offrire?

Normalmente questo errare per lidi sconosciuti non fa parte del mio stile di navigazione ma pochi giorni fa ho avuto il piacere di provare l’ebrezza dello smarrimento totale, assorbire migliaia di informazioni che ti disorientano dal tuo obbiettivo principale; è una esperienza che consiglio a tutti in quanto fa riflettere su quanto sia vasta questa rete che chiamiamo web e su quante persone producano contenuti più o meno interessanti.

Spesso però, ed è qui che ti rendi conto di alcune cose, questo errare mediatico ti portano in luoghi dove non verresti mai entrare neanche sotto le minacce di una arma di grosso calibro.

Uno di questi luoghi è il blog di Salvatore Aranzulla.

Qualche tempo fa ho avuto a che fare con questo personaggio che si atteggia a grande esperto informatico, maggiore hacker italiano ed “accademico” visto che gira il paese invitato a parlare di sicurezza informatica in vari convegni del settore.

Tra un ritaglio di tempo e l’altro ha anche il potere la capacità di scrivere libri che poi vediamo in vendita nelle più prestigiose librerie o, e questo è il colmo, allegate a riviste del settore come PC Professionale.

La sua “roccaforte del male” è da cercarsi all’indirizzo web http://aranzulla.tecnologia.virgilio.it da dove, con tanta premura, diffonde il suo sapere a tutti gli ignoranti informatici come il sottoscritto (e questa non è una battuta mi ritengo un ignorante informatico….).

Purtroppo per Salvatore il sottoscritto preferisce canali alternativi al suo blog per colmare le proprie lacune anche spinto da una serie di sue dichiarazioni che suonavano così:

Linux è usato da quelle persone che vogliono restare nel passato.

Secondo me, Linux, con la sua riga di comando, è solamente una forma di regresso, Windows, invece, lo sviluppo positivo, che rende gradevole l’utilizzo di un computer.

Windows Vista, la prossima versione di Windows XP, decreterà il successo dell’informatica dedita allo sviluppo, Linux, nostalgia del passato, resterà con una linea di comando, con una grafica tozza e con la features di compiere mille click per compiere una operazione che in Windows richiede un solo click

Vediamo inoltre una comunità Windows aperta e pronta ad aiutare il prossimo, ed una comunità Linux chiusa e che si definisce esperta, ma che non è in grado di aiutare e risolvere nemmeno i problemi più banali del suo amato sistema operativo.

capite bene che ho avuto fin da subito qualche problema di approccio con questo esperto ma, come mi abitudine, ho lasciato una porta aperta al dubbio il quale però mi ha portato a delle spiacevoli situazioni che potete approfondire qui e qui.

Quindi erravo, erravo, erravo nelle rete fino a ritrovarmi davanti agli occhi una pagina del blog dell’Aranzulla che recita ancora oggi così:

Come Installare Ubuntu Da Windows

potete capire bene il mio sgomento; dopo aver letto le dichiarazioni di cui sopra non posso credere che il nostro esperto sia diventato un accanito sostenitore del software libero, e più in particolare di GNU/Linux, dopo le sua precedenti profetiche esperienze.

Invece è proprio così:

aranzulla.jpg

subito una domanda pervade il mio essere: possibile che mi sia sbagliato e che le dichiarazioni di un Aranzulla contro GNU/Linux in realtà non esistano?

Cerco attraverso il suo blog e non trovo nulla ma per fortuna il web ha una grande memoria storia fatta di articoli, blog e link; si i link sono il punto chiave della questione immettendo infatti le parole “Aranzulla Linux” all’interno della box di Google si ha come risultato un elenco di articoli che parlano delle dichiarazioni di Salvatore da me riportate all’inizio del post.

Magia delle magie questi articoli hanno un link “sempre idententico” che punta al post incriminato scritto dal carissimo Salvatore:

http://aranzulla.tecnologia.virgilio.it/linux-e-la-nostalgia-del-passato-500.html

e guarda te il caso, provare per credere, l’articolo è scomparso.

Sono incredulo, come fa una persona con questa esperienza e con questa preparazione, nonché  carisma, a commettere errori così madornali tanto da portare il proprio database alla perdita di una perla di saggezza di questo genere…..misteri, ma non troppo, della vita.

Tanto per vedere un rinnovato Aranzulla paladino di GNU/Linux andiamo a leggere l’introduzione del suo post:

Immagina un sistema operativo gratuito con un mare di applicazioni già incluse perfettamente funzionanti. Un sistema operativo inespugnabile da virus e pirati informatici, che non richiede nemmeno l’installazione di un antivirus! Un sistema operativo sempre veloce e stabile, che non si blocca mai e che non deve essere re-installato puntualmente ogni mese perché qualche virus lo ha infettato.

Smetti di sognare ad occhi aperti ed installa Ubuntu sul tuo computer. Ubuntu è un sistema operativo del tutto gratuito e molto efficiente. E’ difficile capire la potenza di Ubuntu, se almeno non lo si prova una volta nella propria vita. Con un semplice trucco, è possibile installare Ubuntu “accanto” a Windows nello stesso computer.

In questo modo, ad ogni accensione del computer, potrai decidere quale sistema operativo utilizzare: Windows oppure Ubuntu. Dopo un po’ di tempo, la scelta sarà una e solo una: Ubuntu. Fidati, mettiti comodo sulla poltrona ed installa Ubuntu sul tuo PC. Non te ne pentirai. Parola di Salvatore!

se siete stati coraggiosi tanto da scorrere con gli occhi la sua intro vi invito al confronto con le sue precedenti dichiarazioni, forse, e dico forse, noterete qualcosa chiamata INCOERENZA.

INCOERENZA segnata anche dalla incapacità di sostenere le proprie idee e di ammettere i propri errori visto che l’articolo “contro-Linux” è andato a farsi benedire scomparendo dal proprio blog.

Ancora una volta il nostro caro esperto prodigio italiano ha dimostrato la sua totale impreparazione sugli argomenti di cui scrive manifestando solo la volontà di cavalcare l’onda del successo di GNU/Linux.

Ciao a tutti.

P.S.0: ora che anche Salvatore ha fatto i compiti a casa ed ha capito che GNU/Linux è meglio di Vista forse accetterà un mio nuovo invito all’annuale conferenza che si organizza dalle parti del mio Lug, parlare davanti ad una platea di accademici e studenti di informatica tutto spesato all’interno di un’aula universitaria farebbe gola a chiunque non trovate??

P.S.1: il mio carissimo amico U-Black (http://pistulunestaminchiazza.wordpress.com/) di farsi avanti con una proposta simile a quella che da tempo aveva fatto a Salvatore per coinvolgerlo presso una tavola rotonda per la discussione di tematiche inerenti all’informatica, forse questa volta accetta.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top