ott
19

I 3 giorni del Pinguino [22, 23, 24 ottobre a Terni]

 
Kathy: I don t think you ll live much longer.
Joe Turner: I may surprise you.

Delle iniziative per il Linux Day 2010 a Terni si era, come di consueto, già scritto in queste pagine, solo non c eravamo accorti che ci fosse addirittura un Festival!

OPEN TERNI FESTIVAL

Ecco la presentazione, il manifesto, la mappa by OpenStreetMap, lo spot Strillone in formato .ogg e il programma:

Hanno fatto le cose in grande, quest anno. Innanzitutto estendendo l evento a tre giorni, comprese due serate di musica. E poi spostando il sito dalla sala conferenze della scuola ITIS al Centro Arti Opificio ex-Siri (cioè il CAOS, via Campofregoso n.98): uno spazio molto ampio (6000mq), attrezzato, accogliente e finalmente centrale.

Uno spazio che molti ternani come me vorrebbero vedere restituito alla città e ai suoi non così indifferenti cittadini. Dopo tanti anni di discussioni sulla destinazione dell area, accordi con le cooperative, compravendite, riqualificazioni urbanistiche, poi finalmente di cantieri e lavori, poi di prime iniziative e di primi eventi e serate, musei stabili e festival teatrali con seguito di critiche e di sospetti più o meno fondati… Beh, io sono stato contento di questa nuova iniziativa.

Complimenti e in bocca al lupo. Ci vediamo là!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
19

Sony, il kernel Linux e la GNU GPL

 
Si veda per esempio il nuovo Sony BRAVIA KDL-32EX710…

…o tanti altri modelli: http://www.sony.net/Products/Linux/TV/KDL-40NX700.html. Source Code Distribution Service …esatto!

Package:
  • cairo-1.8.6.tgz
  • directfb_modules.zip
  • exceptionmonitor.tgz
  • glib-2.16.6.tgz
  • kernel26.tgz
  • libjs-1.5.tgz
  • pango-1.24.2.tgz
  • pump-autoip-0.8.15-5_0_DTV10_20090911.tar.gz
  • sony-target-srel-busybox-1.4.2-05000302.src.rpm
  • sony-target-srel-directfb-1.3.0-05000306.src.rpm
  • sony-target-srel-dosfstools-2.11-05000301.src.rpm
  • sony-target-srel-iptables-1.4.0-05000301.src.rpm

Non c è molto da aggiungere, ad oggi i componenti del sistema GNU/Linux, a cominciare dal kernel stesso, sono presenti in moltissimi dispositivi di uso assolutamente comune.
Insospettabilmente? Basta leggere le istruzioni!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
18

Linux Day 2010 a Terni

 

Dal post del Terni GNU/LUG:

Anche quest’anno daremo il nostro contributo alla giornata nazionale del “Linux Day” (sabato 23 ottobre 2010) … ma anzi, triplicheremo i nostri sforzi per offrire una tre giorni, in collaborazione con il CAOS (Centro Arti Opificio ex-Siri), intitolata Open Terni Festival (I 3 giorni del Pinguino: Software, Musica e Cultura LIBERA).

Il primo giorno sarà dedicata a talk tecnici, il sabato sarà una tradizionale giornata di divulgazione e la domenica ad attività ludiche, mentre la sera del venerdì e del sabato non mancheranno concerti e proiezioni video.

….

Quest’anno la manifestazione la organizzeremo nella sede del CAOS (Centro Arti Opificio ex-Siri) in via Campofregoso 98, a Terni.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

ott
10

10.10 10.10.10

 

Meerkat Slouch by madradish

The perfect 10 is here!

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
13

Philips e FAT32©

 
da Philips™ e la GNU GPL

Ho poi scoperto, spulciando il manuale, che i file system supportati dal televisore per le memorie collegate attraverso USB sono solo tre, FAT 16, FAT 32 e NTFS. La cosa non è strana, essendo FAT 32 lo standard de facto delle memorie di massa di quasi tutti i dispositivi. Gli altri due ne sono, rispettivamente, il predecessore e il successore.
Molto spesso accade che gli standard non si impongano per le loro qualità intrinseche, ma per altri fattori: questo del FAT ne è un esempio. Ad oggi è probabilmente il peggior fs in circolazione, più che obsoleto e pochissimo robusto. Ma sono i fs di Windows© (ogni versione, pure W7!), che supporta solo quelli. Naturalmente sono tutti e tre brevetti Microsoft©, che ne rivendica, spesso e giustamente, la proprietà nelle aule di tribunale.
Ecco, ad oggi, non usare FAT per le memorie di molti dispositivi sarebbe una scelta suicida: tuttavia un dispositivo basato sul kernel Linux dovrebbe per lo meno supportare fs alternativi, visto che tecnicamente supporta tutti quelli esistenti. Strano che non sia così, delle due l una: o Philips paga per usare FAT, o la Microsoft si accontenta del fatto che i dispositivi Philips supportino solo quei fs, contribuendo così a mantenerli come gli standard de facto.

Sono mie congetture, spero qualcuno vorrà precisare, chiarire o smentire.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

set
08

GSA-S10N firmware update with Wine

 
Ubuntu > Questions > Question #8055 – DVD writer firmware upgrade possible?

I also succesfully upgraded GSA-S10N from A100-01 to A103 on my Dell XPS M1330. There s just one step of more, here you need a .dll:

1) sudo chown -R root ~/.wine

2) download mfc42.dll (you can find it googling!) to the same folder of GSAS10NA103-00.exe

3) sudo wine /home/USER/…/GSAS10NA103-00.exe


l immagine può essere ingrandita

Finito il processo, sarà chiesto di riavviare:

Il che significe che è andato tutto a buon fine. Consiglio di dare Exit e riavviare in maniera consueta, visto che siamo sotto Wine.

4)reboot and chown back .wine dir
Qui penso sarebbe meglio fare in un altro modo: cioè rinominare *prima* la cartella .wine in .wineOLD , per esempio; poi lanciare wine per fargli creare un altra cartella su cui fare tutto questo processo; e poi cancellare del tutto questa nuova cartella a cui abbiamo cambiato i permessi (sudo rm -rf ~/.wine, ché è root!!) e ripristinare la vecchia togliendole il suffisso OLD . Mi sembra più pulito, se si hanno settaggi e applicazioni di Wine.

Thanks everybody here, and Wine developers.
Dopo il riavvio, HardInfo conferma l aggiornamento del firmware:

NOTA: spiego l inglese, nel senso che ho scritto questo post partendo dal messaggio che ho inserito nella discussione su Launchpad linkata all inizio. Lì mi sono attenuto alla più sobria brevità, e ad un inglese il più semplice possibile, a beneficio loro e…mio, soprattutto :)

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
11

MeeGo 1.0, us*, Btrfs

 

The MeeGo v1.0 Core Software Platform Features include:

* Kernel based on 2.6.33
* DeviceKit and udev for interacting with hardware devices
* Modern 2D / 3D graphics stack including Kernel Mode Setting, non-root X
* Voice and data connectivity with Connman connection manager, Ofono telephony stack and BlueZ Bluetooth
* Qt 4.6
* Universal Plug and Play (gUPnP)
* Media frameworks
* Next generation file system BTRFS, as the default file system

Il file system più avanzato che esista, Btrfs… Due versioni disponibili: una con Google Chrome (e una EULA da accettare!), l altra con Chromium, totalmente libera (c est ici GNU GPL!). Ecco il torrent che punta a quest ultima:

meego-netbook-chromium-ia32-1.0-20100524.1.img

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

giu
11

MeeGo 1.0, us*, Btrfs

 

The MeeGo v1.0 Core Software Platform Features include:

* Kernel based on 2.6.33
* DeviceKit and udev for interacting with hardware devices
* Modern 2D / 3D graphics stack including Kernel Mode Setting, non-root X
* Voice and data connectivity with Connman connection manager, Ofono telephony stack and BlueZ Bluetooth
* Qt 4.6
* Universal Plug and Play (gUPnP)
* Media frameworks
* Next generation file system BTRFS, as the default file system

Il file system più avanzato che esista, Btrfs… Due versioni disponibili: una con Google Chrome (e una EULA da accettare), l altra con Chromium, totalmente libera. Ecco il torrent che punta a quest ultima:

meego-netbook-chromium-ia32-1.0-20100524.1.img

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
17

Kill Billu¹ [Pidgin 2.7.0]

 
Aggiornamento: rilasciati oggi nel PPA i pacchetti per Lucid, Karmic, Jaunty e Hardy, non per Intrepid, cui è terminato il supporto.


non è odioso quello sguardo vuoto?

Io odio i piccioni, mi fanno schifo, li ucciderei tutti, con l accetta, il macete, l uzi, il bazuka, mine antiuomo che esplodono all unisono sui tetti rossi, bombe a grappolo nel cielo azzurro, una vecchina del cazzo fatta brillare mentre gli da il mais. O tu, che esci nuda dalla doccia, dove ha appena cagato.

Comunque, oggi è uscita la nuova versione di Pidgin. Probabilmente cancellerò il programma e ogni sua traccia, come lo sporco verde e bianchiccio, in ogni caso a breve si troveranno i pacchetti qui: PPA for Pidgin Developers.


2.7.0

¹ che in ternano è tacchino , ma va be …

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mag
14

Caccia al piccione [Pidgin 2.7.0]

 

non è odioso quello sguardo vuoto?

Io odio i piccioni, mi fanno schifo, li ucciderei tutti, con l accetta, il macete, l uzi, il bazuka, mine antiuomo che esplodono all unisono sui tetti rossi, bombe a grappolo nel cielo azzurro, una vecchina del cazzo fatta brillare mentre gli da il mais. O tu, che esci nuda dalla doccia, dove ha appena cagato.

Comunque, oggi è uscita la nuova versione di Pidgin e probabilmente cancellerò il programma e ogni sua traccia, come lo sporco verde e bianchiccio. In ogni caso è possibile che a breve si troveranno i pacchetti qui: PPA for Pidgin Developers.


2.7.0

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Non centra il porno, Steve: tu stai parlando di libertà!

 

Una volta ho letto che dei ragazzi italiani, cenando con Stallman, gli avevano suggerito una licenza etica, che impedisse di usare il software per cose immorali, tipo le armi. Stallman rispose che non avrebbe accettato una tale licenza come libera, perché…semplicemente non lo era. La licenza etica era e voleva essere una licenza limitante della libertà di utilizzo.
Richard Stallman era allora, ed è a tutt oggi, l inventore del concetto di copyleft¹, che sta alla base di molte licenze libere, come la stessa GNU GPL o le varie Creative Commons, e il presidente e fondatore della Free Software Foundation. FSF. Free-Software-Foundation. FREE è la parola chiave da qui in poi. Ok. Il commensale che aveva proposto la licenza etica, in buona fede e però non soddisfatto della risposta, pensò di ripetergli la domanda, alche Stallman sbottò, a voce alta e in modo certo poco civile, dicendo:
I already told you what I think about it, now stop!

Questo curioso episodio è raccontato sul blog di Stefano Marinelli, che era uno dei fortunati commensali, e mi colpì molto. Poi oggi mi è tornato in mente, quando sul neonato Post ho letto queste parole di Steve Jobs (tradotte dall anglais, naturalmente):

Crediamo seriamente di avere una responsabilità morale nel tenere il porno fuori dall’iPhone. [...] Chi vuole il porno può comprarsi uno smartphone Android².

Ecco io ho una riflessione da fare su questa cosa, e non è a caso che questi due episodi li ho voluti accostare, né che di accostarli mi sia subito venuto in mente. La riflessione è sulla libertà, ma presuppone che nei destinatari ci siano già una consapevolezza e un idea chiara di quello che significano i concetti accennati su in cima: licenze e copyleft.

La responsabilità morale di un produttore di elettrodomestici o la licenza etica non sono altro che delle censure upstream, per così dire, che vorrebbero porsi a limitazione dell uso di qualcosa. Ora, nel rispetto della Legge, io con le cose che compro ci faccio rispettosamente quello che mi pare, e lo pretendo. L idea che Jobs vuol far passare, sbandierando un intenzione in ogni caso bigotta, è che sia lecito per il produttore controllare i contenuti dei giocattoli che vende: che cioè anche dopo il venderli, quando sono vostri o miei, sia sempre lui a deciderne i limiti e i contenuti; questo si e questo no, questo è morale e questo è sconcio, questo è gratis e questo si paga, questo si paga e quest altro pure. Prosaicamente, vuol farci i quattrini. E questo va bene, fino ad un certo punto: libero lui di vendere manette e liberi noi di non comprare il giocattolo. Ma per il ruolo che hanno, e avranno in futuro, le tecnologie digitali nella nostra società, il peso e le conseguenze delle differenti posizioni, quella di Stallman e quella di Jobs, sono di molto maggiore importanza.
Questo discorso è molto ampio e, come nel caso del film di Miloš Forman su in copertina, va subito molto lontano dalla discussione sulla pornografia. Ma ci tornerò poi, perché c è una chiave di lettura.

Libertà digitali, lotta alla pirateria e Pirate Party svedese che conquista un seggio al Parlamento Europeo, brevetti software, SIAE e RIAA, OpenOffice.org, formati chiusi nell Amministrazione pubblica e loro costi in prospettiva, GNU/Linux e il decreto Bondi sull equo compenso, About A Boy con Hugh Grant…e molti altri argomenti ancora, tutte cose che hanno e avranno delle influenze sulla nostra società e che in qualche modo c entrano con questa cosa.
Questo post nasce da uno spunto e vuole essere nient altro che uno spunto, già sento che verrà fuori sommario, per brevità, e partigiano per le intenzioni, ma ho voglia di scrivere. In ogni caso vi chiedo di pensare di riconsiderare le vostre idee sulla proprietà intellettuale.

La proprietà intellettuale in senso restrittivo è un idea e una cosa moderna, nasce con l industria come Proprietà industriale, cioè nella forma di brevetti per le macchine, per garantire all idea originale i suoi privilegi nel nuovo scenario della concorrenza. Prima non c era: e la stessa parola invenzione usata nella terminologia giuridica del brevetto viene dal latino invenire, che però significa trovare . In latino una parola così, che cioè inplichi la proprietà intellettuale, non c è, e neanche in greco: perché manca il concetto che qualcosa possa venir fuori dal nulla, per la sola opera di qualcuno o di qualcosa. Già per Democrito, V secolo a.C., era perfettamente chiaro che Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma . E se questo valeva per la Natura, allo stesso modo valeva per le Idee (Platone). Il concetto di creazione come lo intendiamo oggi, cioè creazione dal nulla, è un concetto cristiano. Quando i teologi cristiani lo introdussero, il verbo latino creare aveva un altro significato: ed infatti dovettero usare l espressione creare ex nihilo , creare dal nulla , di cui l odierno creare è la contrazione, perché oramai è passato il senso.

Nel mondo del software, il concetto di codice proprietario e quindi la pratica di vincolarne l uso e la condivisione con licenze restrittive e dietro pagamento, nascono con la LETTERA APERTA AGLI HOBBISTI scritta da Bill Gates nel 1976, e sono la più intima ragione degli enormi guadagni di Microsoft: un azienda che, materialmente, non produceva nulla. Prima ingegneri, informatici e programmatori si scambiavano il codice o parti di esso, naturalmente, così come in fabbrica un operaio insegnava al nuovo ad usare meglio un tornio, più velocemente, con meno fatica. Così è evoluta pure l agricoltura, per secoli: dal contadino che fa qualche esperimento al figlio, al cognato e al vicino, se sono in buoni rapporti. E così ogni altra branca dello scibile, tutte: nani sulle spalle dei giganti, con molta umiltà, diceva Newton riguardo ai suoi lavori. Condivisione, shearing, altrimenti ci tocca sempre reinventare la ruota, o farci schiacciare dai giganti. A me qui viene sempre in mente Henry Ford che paga ai babilonesi 4 dollari per ogni Fiesta venduta.

Il punto è questo, se la società, per apprezzare il senso profondo e fecondo della condivisione, dovrà passare attraverso brevetti e loro aberrazioni, come i Non-disclosure agreements (NDA), ebbene allora è giusto che sia fatto, è necessario (Navigare necesse est…). Sono le vie tortuose della Storia. Tesi antitesi e sintesi. Aufhebung. Il copyleft. Cioè sempre licenze, con una forma giuridica e tutti i crismi: che però garantiscono, insieme all autore, anche tutti quelli che ne vorranno usufruire. Garantiscono che quel che viene licenziato resterà libero.
Messa in questa prospettiva, si potrà forse capire quanto la portata delle idee di questo signore qui accanto sia enorme, rivoluzionaria e romantica. E si capisce pure, da quel tutti , quale buon gioco abbiano avuto le varie, idiote, connotazioni politiche di Stallman come comunista o socialista. Così come si capisce da che parte vengono e di quali interessi sono a difesa. Vogliono far attecchire il disprezzo, e criminalizzare. Lo stesso ha fatto Microsoft nei confronti di Linux, per anni. Lo stesso fanno le campagne pubblicitarie della SIAE contro i cosiddetti pirati, paragonandoli ai ladri. E la stessa intenzione è pure nelle parole di Jobs contro gli smartphone Android:

Chi vuole il porno può comprarsi uno smartphone Android.


¹ il copyleft sta alla base anche di Wikipedia, L enciclopedia libera, cui rimando la spiegazione e l approfondimento. Voglio solo sottolineare che il libera di Wikipedia vuole intendere le stesse libertà basilari pensate e poste da Stallman nel concetto di copyleft.
² Android è una piattaforma open source per dispositivi mobili basata sul sistema operativo Linux.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Philips™ e la GNU GPL

 

PHILIPS is a registered trademark of Koninklijke Philips Electronics.N.V.
e…lo so, l altro è il logo della GNU GPL v3.

Io mi fido di quelli che smontano le cose e provano a ripararsele da soli. Mi fido perché lo faccio anch io, tendenzialmente smonterei tutto. Solo che non sempre (leggi mai ) riesco pure ad aggiustare, così mi accontento di averci guardato dentro, rimetto le quattro viti e porto il coso a riparare. C è un tizio che fa riparazioni elettroniche proprio dietro casa mia. Il coso in questione l ultima volta è stato un televisore, aveva più di vent anni, tubo catodico andato…ciao.

- – Gli apparati e componenti elettronici vanno destinati a procedure di trattamento, recupero e smaltimento. Rivolgersi all ASM competente – -

Ne ho approfittato allora per fare qualche domanda riguardo alle varie marche, qualità, assistenza, tecnologie, LCD Plasma LED… Ovviamente lui la sa lunga, sono anni, prima costruivano meglio, la roba durava, ora si fa tutto in Cina etc. Però lui le televisioni le smonta e le rimonta, ci mette le mani, vede i pezzi che si rompono e come sono assemblate, ma non le vende e non sono sue: tutto questo lo rende obiettivo. E io poi mi fido di chi smonta le cose. Le differenze insomma lui dice che ci sono, tra una marca e l altra, c è il pessimo, c è il mediocre e c è pure chi costruisce meglio. Ecco, secondo lui quest ultimo è il signor Philips. E io mi fido poi in effetti ho il mio monitor LCD che sono 5 anni e non ha fatto una piega, e ho un paio di lettori DivX di cui non ho mai avuto da lamentarmi; e poi negli anni avevo notato che hanno anche una politica meritoria e sana riguardo alla sostenibilità e all efficienza energetica, che mi sembra giusto premiare.

Ho comprato un televisore Philips. E mi sono messo subito a guardare tutti i fogli contenuti nello scatolone: dichiarazione di conformità, informazioni, contatti, garanzia, manuale di avvio veloce e…le istruzioni. Io leggo sempre le istruzioni, di qualsiasi cosa compro. Leggo pure le parti banali, tipo non immergere nell acqua, non inalare, non far brillare etc. Insomma stavo spulciando tra fogli e foglietti e mi sono ritrovato in mano la GNU GPL, versione 2, tale e quale:

GNU GENERAL PUBLIC LICENSE

Version 2, June 1991

Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc.
51 Franklin Street, Fifth Floor, Boston, MA 02110-1301, USA

Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies
of this license document, but changing it is not allowed.
Preamble
The licenses for most software are designed to take away your freedom to share and change it. By contrast, the GNU General Public License is intended to guarantee your freedom to share and change free software–to make sure the software is free for all its users. …

Nello stesso foglietto ripiegato c è anche la lista di tutto il software coperto da questa licenza e incluso nel televisore. Per essere precisi, parte di questo software è coperto dalla GNU Lesser General Public License v2.1, o GNU LGPL. Comunque, questo è l elenco:

Linux Kernel (version 2.6.15), Flash Eraseall, Nandwrite, Helper Application, Libc, Librt, Libm, Libpthread, libgcc, libstd++, Diet libc, libgphoto, vsnprintf.

Quelli in neretto sono componenti fondamentali di qualsiasi ambiente e distribuzone GNU/Linux, e stanno anche dentro un televisore! Questa cosa la lascio così, senza aggiungere altro…una parola sola, và: scalabilità.

Voglio invece sottolineare due cose che hanno colpito molto il piccolo nerd abituato al catodico, e riguardano la presa USB posta sul lato del televisore. Con la presa USB si aggiorna il software del televisore, basta scaricare l archivio .zip dal sito, estrarre il file .upg in una pennetta e collegarla. Questo l ho fatto quasi subito, ca va san dir.
Con la presa USB si riproducono direttamente i seguenti formati multimediali: .jpeg, .mp3, .avi, sia con codec DivX che Xvid. Invece il formato multimediale Ogg, che è libero e liberamente fruibile con strumenti licenziati sotto GNU GPL, NON è supportato: allora, bé, signor Philips, 10-. Già che c eri…

PlayOgg

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

feb
16

4.4 gatti in fila per sei col resto di due

 
Nella cantina di un palazzone
tutti i gattini senza padrone
organizzarono una riunione
per precisare la situazione.

Scopritelo, quindi aggiungete i pacchetti aggiornati per Ubuntu Karmic, così:

$: sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/backports
$: sudo apt-get update
$: sudo apt-get install kubuntu-desktop

poi installate i font droid e usateli per tutto l ambiente. Poi abilitare il desktop semantico coi servizi Nepomuk e Strigi e scoprite quanto è bello che siano integrati in Dolphin. Poi usatelo, godetevi la trasparenza con cui tutto l hardware funziona da sé, il bel gusto hi-tech e professionale dei temi e delle applicazioni in grigio-metallo-cromato. Poi scopritene le applicazioni riscritte per lui, K3b, Amarok, KTorrent. Poi crogiolatevi pensando che è software libero (baby!), che siete parte di una comunità a cui potete in mille modi contribuire; pensando che, aggratis, avete un desktop più figo, più minimal e più cool del mac.
Poi pacatamente, serenamente, democraticamente, magari sul un divano, stabilite da ora e per sempre che per voi e per l umanità tutta Synaptic è il miglior gestore di pacchetti che abbiate mai provato e, quindi, che esista. Che non tornerete mai indietro e che un giorno il mondo lo capirà. Mai.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
30

Il Goblin e bombe a forma di zucca

 

Provate Moblin! Se avete un portatile recente con CPU e scheda grafica Intel (GMA-500 esclusa), provatelo! Se avete uno di quei netbooks che ora vanno tanto, magari uno di questi, provatelo e probabilmente lo installerete!

System Requirements:

  • CPU: Intel(r) Atom(tm) or Intel(r) Core(tm) 2 CPU (support for SSSE3)
    Note: Moblin will not work on non-SSSE3 CPUs
  • Platforms with the GMA-500, Nvidia, or ATI Graphics chipset are not supported.

Io l ho provato sul mio Dell XPS M1330, che soddisfa tutte queste caratteristiche (sono un consumatore avveduto, yeah!), e lo installerei subito se avessi un netbook.
Moblin v2.1 è veloce, è bello, è molto veloce e molto bello, ed è soprattutto la prima distribuzione che abbia provato ad essere pensata all origine per questa piattaforma, pur ovviamente prendendo software da varie parti. Ad esempio, ho scoperto che il file manager è Nautilus di Gnome ed il browser è Firefox, ma si stenta a riconoscerli.

Visto che non ho nessuna voglia di fare una recensione completa, con immagini passo passo e roba del genere, considerato che ho già scritto troppo, e che sono già le cinque di sabato, e che devo arrivare riposato e disteso all aperitivo… Ecco il file torrent

moblin-2 1-final-20091103-002 img

e le istruzioni per creare la live su una penna USB (usate ImageWriter, probabilmente è già nei repo della vostra distro, qui invece l exe per Windows). Provatelo!


questa è la splendida interfaccia di gestione reti, altri sshot qui.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

gen
26

Guida in plagio a insults di sudo

 
Che poi su, non è un plagio! Questa guida è vecchissima, risaputa e stranota. Io la scopersi anni or sono grazie a pollycoke :) , epperò ora me la segno ché quella pagina non esiste più.
Che poi le guide, di solito, servono a realizzare qualcosa di utile; qui invece vogliamo solo che sudo vi insulti quando sbagliate la password:

non più di tre volte, eh! (..e no, non ero sicuro che si scrivesse così!)

Principiamo: da terminale, dare

:~$ sudo visudo

..apparirà una schermata simile a questa:

aggiungere in fondo alla riga Defaults

,insults

( virgola+insults , senza spazio!), così come in figura.
Dopodiché bisogna salvare con CTRL+O, confermare con Invio, e uscire con CTRL+X.

The more you drive -- the dumber you get.

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top