apr
30

Pseudo fotografie!

 

Pseudo fotografie!

Pseudo fotografie! is a post from: Tuxmind:

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Ubuntu 12.04: emozione e libertà!

 


precise

Cari amici lettori di tuxmind, come certo già saprete, il 26 aprile è stato il giorno del rilascio di ubuntu 12.04 “Precise Pangolin”. È oramai abitudine consolidata del sottoscritto non dilungarsi in recensioni sulle nuove creatura di canonical, del resto lo hanno già fatto in molti in questo periodo, mi limito solamente a segnalare due articoli veramente interessanti: “È arrivato Ubuntu 12.04 Linux si fa ecosistema” su repubblica.it; Ubuntu 12.04 Aggiornare o reinstallare” su istitutomajorana.it.
Il primo è una bellissima recensione sul nuovo nato di casa Canonical, vi consiglio vivamente di leggerlo perchè finalmente una grande testata nazionale si interessa con puntualità al rilascio di una distribuzione GNU/Linux (sicuramente questi sono segnali confortanti); il secondo è un articolo sicuramente più tecnico che offre la possibilità di avere una distribuzione completa attraverso un pacchetto già costruito dagli amici del maiorana (Ubuntu 12.04 Plus 9 Remix 3D – Fai DaTe) partendo da un installazione di Precise Pangolin, oppure il download di una versione Plus della distribuzione arricchita da una varietà incredibile di software che rende la iso abbastanza corposa (circa 1.7 gigabyte).
Buon divertimento!

Ubuntu 12.04: emozione e libertà! is a post from: Tuxmind:

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Pekka Paalanen ha portato Wayland, il compositor Weston, su Android

 

Mi piace +1 Tweet

Wayland, il display server di Kristian Høgsberg, può “girare” su Android. La dimostrazione è di Pekka Paalanen, un programmatore finlandese sponsorizzato da Collabora: il filmato in sé non rende giustizia al lavoro svolto finora, ma Weston – il compositor di Wayland – funziona col Galaxy Nexus di Samsung. C’è molta strada da fare.

Realizzare un porting di Wayland per Android non è semplicissimo, perché il sistema operativo di Google è privo dei componenti essenziali del kernel per il display server. Mancano, infatti, DRI, DRM, KMS, GBM e Mesa: se ciò non bastasse, è impossibile ottenere i sorgenti dei driver proprietari degli smartphone. È davvero una sfida.

Una sfida che non spaventa Paalanen: lo sviluppatore è riuscito ad avviare Weston e attivare la creazione “al volo” di istanze delle finestre. Riprodurre il concept è arduo e, nonostante lo smartphone sia acceso, i pulsanti non funzionano ancora e i comandi sono inviati al dispositivo via USB. La prospettiva è comunque intrigante.

Via | Pekka Paalanen

Pekka Paalanen ha portato Wayland, il compositor Weston, su Android é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di lunedì 30 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Ubuntu GNOME Shell Remix 12.04: spin di Ubuntu con GNOME Shell di default

 

Mi piace +1 Tweet

Ad appena tre giorni dal rilascio della versione stabile, il team di sviluppo di Ubuntu GNOME Shell Remix ha rilasciato Ubuntu GNOME Shell Remix 12.04. Come possiamo intuire dal nome, questa è una versione non ufficiale basata su Ubuntu 12.04 Precise Pangoline e rimpiazza Unity con GNOME Shell “nudo e crudo”. È proprio il DE di sistema a fare la differenza e a dichiararne il successo.

La distro presenta GNOME 3.4 “vanilla”, senza alcuna personalizzazione ed offre Mozilla Firefox come Web Browser, Evolution come client mail, Totem come riproduttore multimediale, Contacts per la gestione dei contatti, Banshee per la riproduzione della musica, LibreOffice come suite per l’ufficio ed una collezione di altri software targati GNOME.

Come abbiamo già potuto constatare, Unity non soddisfa ogni singolo utente Ubuntu e questo è portato a cercare un’altra soluzione. E questa soluzione, a mio parere, può essere rappresentata da Ubuntu GNOME Shell Remix 12.04 che unisce la solidità di una Ubuntu con supporto a lungo termine con l’ottima esperienza utente di GNOME 3.4.

Via | Ubuntu GNOME Shell Remix 12.04

Ubuntu GNOME Shell Remix 12.04: spin di Ubuntu con GNOME Shell di default é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di lunedì 30 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
30

Haiku con la GSoC 2012: sono inclusi il porting a 64-bit e OpenJDK 7

 

Mi piace +1 Tweet

HaikuHaiku partecipa, come ogni anno, alla Google Summer of Code (GSoC): i progetti per il 2012 sono appena cinque, tre in meno rispetto al 2011, ma entro la fine dell’estate dovrebbe essere pronto il porting a 64-bit. Il supporto all’architettura è stato procrastinato più volte — potrebbe essere la volta buona? Inoltre, c’è OpenJDK 7.

Gli altri tre progetti approvati per la GSoC 2012 di Haiku non sono meno importanti. Due riguardano i file system: Pawel Dziepak lavorerà al supporto di NFSv4 e Andreas Henriksson a un partition resizer per BFS. L’ultimo, invece, riguarda cpuidle. Quelli cui guardare con più interesse restano 64-bit e OpenJDK — le maggiori carenze.

Alex Smith ha descritto come procederà sul porting a 64-bit. Anzitutto, riscriverà il boot loader di Haiku: seguiranno il kernel e alcuni driver fondamentali. La GSoC 2012 non basterà a terminare l’intero sistema operativo. Hamish Morrison lavorerà a OpenJDK 7, introducendo il supporto ad AWT/Java2D e JSound. Dovrebbe completarlo.

Via | Haiku

Haiku con la GSoC 2012: sono inclusi il porting a 64-bit e OpenJDK 7 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di lunedì 30 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
29

È pronto al download Xfce 4.10, l’ultima versione basata sulle Gtk+2

 

Mi piace +1 Tweet

XfceXfce, il “leggero” desktop environment preferito da Linus Torvalds, è stato aggiornato alla versione 4.10. Con un mese di ritardo, rispetto all’iniziale tabella di marcia, Xfce 4.10 dovrebbe essere l’ultima versione basata sulle Gtk+2: il prossimo update – che richiederà diverso tempo – segnerebbe, infatti, il passaggio alle Gtk+3.

Lo sviluppo di Xfce 4.10 ha richiesto un anno e quattro mesi di lavoro, ma le novità introdotte riguardano soprattutto le opzioni di configurazione. Riprendendo l’annuncio ufficiale, la versione 4.10 è una specie d’ottimizzazione della 4.8: il ChangeLog e il tour del desktop parlano, con un po’ di confusione, dei rilasci precedenti.

Forse, l’unica differenza visibile a occhio nudo è il supporto alle Gtk+ 3.2 dell’engine dei temi: un aspetto che pone le premesse al prossimo aggiornamento. Può sembrare una contraddizione, considerando che le applicazioni utilizzano la versione precedente delle librerie: Xfce mutua molto da GNOME e non potrebbe essere altrimenti.

Via | Xfce

È pronto al download Xfce 4.10, l’ultima versione basata sulle Gtk+2 é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di domenica 29 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
29

Exiv2 ottiene il supporto al formato CR2 delle immagini RAW di Canon

 

Mi piace +1 Tweet

Canon EOS 400DExiv2, una libreria e una raccolta di strumenti per la gestione dei metadata delle immagini acquisite con le fotocamere digitali, ha introdotto il supporto al formato CR2 di Canon. La versione 0.23 è in grado di leggere e scrivere le informazioni in EXIF e XMP sulle fotografie grezze delle EOS, migliorando il supporto a PNG e JPEG.

Al database di Exiv2 sono state aggiunte altre lenti, sia di Canon, sia di Nikon: rispettivamente la EF-S 18-55mm f/3.5-5.6 IS II e la EF-S 18-55mm f/3.5-5.6 III per le fotocamere di Canon e la Tamron SP AF 17-50mm F/2,8 XR Di II LD Aspherical [IF] per quelle di Nikon. È stato corretto il supporto alla Tokina 11-16mm f/2.8 di Canon.

L’eseguibile per Windows di Exiv2 è disponibile tra i download del sito ufficiale, mentre i pacchetti per Ubuntu dovrebbero apparire al più presto nel PPA di Pascal De Bruijn su Launchpad — al momento, sono fermi alla versione 0.22. Quest’ultimo è dedicato a Darktable, ma Exiv2 è utilizzato anche da altre applicazioni come digiKam.

Via | LGW

Exiv2 ottiene il supporto al formato CR2 delle immagini RAW di Canon é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di domenica 29 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Microsoft rilascia la skin di Metro e Windows Phone su jQuery Mobile

 

Mi piace +1 Tweet

Windows PhoneMetro, inteso come l’interfaccia di Windows Phone 7.5, ha un tema open source – distribuito da Microsoft – che funziona con le skin di jQuery Mobile per realizzare applicazioni compatibili con il layout del sistema operativo. Il sorgente è rilasciato sotto licenza Apache 2.0: la demo sul web ne mostra le principali caratteristiche.

Realizzato per la nuova sussidiaria di Microsoft, il tema è stato concepito grazie alla collaborazione coi designer di Apache Cordova (ex-PhoneGap) e può essere integrato sulle interfacce dedicate al mobile dei siti web, oltre alle applicazioni “native”. Il tema è scritto in HTML5 e JavaScript — sfrutta la libreria di jQuery Mobile.

L’interfaccia, a essere sinceri, non è granché accattivante e nonostante lo stile minimale sembra tutt’altro che accessibile. Tuttavia, è apprezzabile lo sforzo di Microsoft nel rilasciare la skin come open source: gli sviluppatori interessati a Windows Phone 7.5 o superiore hanno una base da cui partire per creare i propri layout.

Via | Microsoft

Microsoft rilascia la skin di Metro e Windows Phone su jQuery Mobile é stato pubblicato su Ossblog.it alle 13:00 di venerdì 27 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Ubuntu 12.04 rilasciata, novità e guida all’upgrade dalla 11.10

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Michael Meeks ha messo a confronto LibreOffice con Apache OpenOffice

 

Mi piace +1 Tweet

OpenOffice.orgQuali sono le differenze tra LibreOffice, Apache OpenOffice, Oracle Open Office? Michael Meeks – che lavora su GNOME per SuSE – ha riassunto le caratteristiche dei derivati di OpenOffice.org in quella che chiameremmo un’infografica. Certo la versione 3.4 della suite di Apache non è ancora stata rilasciata, ma il confronto è valido.

Meeks ritiene, come altri utenti, che i progetti – a eccezione della suite proprietaria di Oracle – dovrebbero riunirsi, ovviamente sotto The Document Foundation. Un’auto-contraddizione, perché l’unica possibilità (ammesso che sia credibile) sarebbe creare una fondazione ex novo da LibreOffice e Apache OpenOffice. Molto improbabile.

Soprattutto considerando che IBM ha donato il codice sorgente di Lotus Symphony ad Apache, proprio per contribuire alla “rinascita” di OpenOffice. LibreOffice resterebbe tagliato fuori dall’incompatibilità delle licenze: AL 2.0 rispetto a LGPLv3 e presto MPL 2.0. Meeks riconosce che agli utenti questo aspetto non interessa granché.

La questione delle licenze è primaria per chi contribuisce al codice: agli utenti importa, tutt’al più, della gratuità del prodotto. Confrontando le caratteristiche, LibreOffice include quasi tutte le funzionalità che saranno presenti in Apache OpenOffice e ha molti più filtri d’importazione — quanto ai formati di Microsoft Office.

Nonostante i 107 traduttori, rispetto ai 16 di Apache OpenOffice, LibreOffice non ha ancora un contatore delle parole per le lingue asiatiche: questa sarebbe l’unica carenza della suite di TDF — insieme al rendering via Cairo che, però, è escluso da entrambe. Al momento, la vera differenza è nella compatibilità con Microsoft Office.

Apache OpenOffice, infatti, garantirebbe soltanto l’importazione – e non l’esportazione – dei formati proprietari di Redmond. Nell’utilizzo quotidiano, è una mancanza che gli utenti avvertiranno immediatamente: purtroppo, tra istituzioni pubbliche e società private, i formati di Microsoft Office resteranno comunque imprescindibili.

Via | Michael Meeks

Michael Meeks ha messo a confronto LibreOffice con Apache OpenOffice é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di venerdì 27 aprile 2012.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Xiaomi vende 150.000 smartphone Android MIUI in 13 minuti

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Ecco il primo smartphone Intel con Atom Medfield

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Samsung Galaxy S III: ultime indiscrezioni sulle specifiche

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
27

Google voleva vendere 10 milioni di tablet Android nel 2011

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

apr
26

Morfances 2.1 ics 4.0.4 ROM Mediacom Smartpad 810c 810cex

 

Basata su Mediadroid 3.0 con alcune personalizzazioni

Changelog v2.1-corretti alcuni bugs della versione precedente che trovate qui http://www.androidiani.com/forum/mod…s-4-0-4-a.html
-tutte le caratteristiche della Mediadroid 3.0 con kernel Prestigio
-Aggiunti
*Google Chrome
* GApps
*Astro File Manager
*Musica
*eReader Prestigio
*Office Suite Pro
*Mi File Explorer
* Root Explorer
* Root Browser
*Volume+
*Movie Studio

*Youtube funzionante (non aggiornatelo!!!)
*Boot animation personalizzato
*Switch Memory (per modificare il salvataggio dei dati da scheda interna a quella esterna e viceversa ad ogni avvio deve essere impostato .La versione Full con widget la trovate qui https://play.google.com/store/apps/d…GNobWVtb3J5Il0. Grazie a Croccio

-
La Fotocamera funziona!(nel caso non vi funziona scaricate il fix di Christian Troy qui MediaDroiD-3.0_camerafix.zip )

LINK DOWNLOAD

http://depositfiles.com/files/phch555kb

http://www.fileserving.com/files/Fr3uUgQfqG/MORFANCESROM V2.1.rar

http://min.us/moZoAebro

Premessa
ISTRUZIONI PER MUOVERSI NEL MENU DELLA RECOVERY
(Tasti volume + e volume – per scorrere tra le opzioni ,conferma della selezione tramite il pulsante di accensione. Per tornare al livello superiore del menu usate il tasto fisico Indietro)

ISTRUZIONI INSTALLAZIONE

1)Per chi proviene da una STOCK ROM (ovvero ha una rom originale Mediacom e quindi non ha mai flashato una CUSTOM ROM )

a) Scomprimere sul desktop l archivio “MORFANCES ROM V2.1″ .
b)Installare i drivers contenuti nella cartella “Drivers”
1. A tablet spento tenendo premuto Volume – e collegate il tablet al pc col cavo Usb in dotazione
2. Non appena il pc rileva il dispositivo ( ” Installazione driver in corso…”) scegliete il driver, sfogliando nella cartella indicata prima,a seconda del sistema operativo che avete sul vostro pc)

c)Una volta installati i drivers potete passare al punto b) delle istruzioni 3)

2)Per chi proviene già da un altra rom Mediadroid o da Morfances Rom v2.0 (quindi ha già installato la recovery )

a) Scomprimere sul desktop l archivio “MORFANCES ROM V2.1″ .
b)copiare il file “morfances2.1.zip” nella MicroSD o nella memoria interna del vostro tablet.
c) Spegnere il tablet e riavviare in recovery tenendo premuti POWER + VOL- fino a quando vedete il pinguino (o il logo mediacom)
d) Opzionale: eseguire un backup dal menu apposito
e) Selezionate ” wipe data/factory reset” e confermate
f)Selezionate "install zip from sdcard" -> "choose zip from sdcard" (o "choose zip from internal sdcard" se lo avete messo nella memoria interna) e selezionate il file "morfances2.1.zip". Confermate ed attendete la fine.
e)Adesso selezionate “Reboot system now”

3)Per chi proviene da altre rom non Mediadroid

a) Scomprimere sul desktop l archivio “MORFANCES ROM V2.1″ .
b)copiare i files “morfances2.1.zip” e “format-script.zip” nella MicroSD o nella memoria interna del vostro tablet.
c) Avviare RK29Update.exe e collegare il tablet al pc tenendo premuto VOL-
d) Selezionare “Formatta” e, successivamente, “Aggiorna”
Il tablet adesso si avvierà in modalità recovery e nella parte inferiore noterete una sfilza di errori dovuti al ripartizionamento della NAND. Questi verranno fixati nei prossimi passi.
e) Selezionate "install zip from sdcard" -> "choose zip from sdcard" e selezionate il file "format-script.zip". Confermate ed attendete la fine.
f) Selezionate ” wipe data/factory reset” e confermate
g) Selezionate "install zip from sdcard" -> "choose zip from sdcard" e questa volta selezionate il file "morfances2.1.zip". Confermate ed attendete la fine.
h) Adesso selezionate “Reboot system now” ed attendete il wizard di setup.

4)Per chi l ha ha già installato la MORFANCES ROM V2.1 ma vuole provarla col kernel Mediacom

N.B.Le app installate non vengono perse!!
a)Scaricare il file kernel mediacom.zip Deposit Files
b)Copiare il file “.zip” contenente l update nella microsd o nella memoria interna
c)Spegnere il tablet e riavviare in recovery tenendo premuti POWER + VOL- fino a quando vedete il pinguino
d)Selezionate "install zip from sdcard" -> "choose zip from sdcard" (o "choose zip from internal sdcard" se lo avete messo nella memoria interna) e selezionate il file ".zip" contenente l'update. Confermate ed attendete la fine.
e )Cancellare la Dalvik cache per evitare problemi. Per farlo selezionate "Advanced" -> "Wipe Dalvik cache ” e confermate.
f) Adesso selezionate “Reboot system now”

Per sbloccare il tablet (con touch insensibile o funzionante), basta premere il secondo tasto da sinistra, quello delle impostazioni del launcher. Anche avendo il touch addormentato, una volta sbloccato lo schermo in quel modo, si riattiva al volo. In ogni caso dategli tempo.

Per chi volesse cambiare la risoluzione del tablet a vostro piacimento potete installare questa app https://play.google.com/store/apps/d…HJvaWQuZHBpIl0.

La mia è solo una personalizzazione …il merito è tutto di Christian Troy !!!
by Morfances

Non mi assumo alcuna responsabilità su danneggiamenti o brick del vostro tab per una non corretta installazione di quanto sopra.     

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top