dic
31

Il gran giorno di Ubuntu 7.10

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
30

GNOME 3.3.3 arriva in sordina e porta con sé numerose novità

 

Mi piace +1 Tweet


Il team di sviluppo di GNOME prima di chiudere un 2011 piuttosto produttivo ha rilasciato la versione 3.3 del proprio desktop, l’ultimo aggiornamento prima della tanto attesa versione 3.4. L’aggiornamento non è stato pubblicizzato come i precedenti, è stato solamente annunciato all’interno della mailing list del progetto.

Le novità per questo aggiornamento sono parecchie e tutte molto importanti: troviamo un aggiornamento di Empathy che ora supporta MSN via XMPP, un miglioramento sostanziale per il Gnome Control Center, alcune modifiche grafiche a Epiphany, un primo rilascio per Boxes, il porting di Gnomine e Gnotravex in Vala e il supporto sperimentale a GApplication da parte di Glib.

Questo rilascio risulta essere molto importante, sopratutto per chi vuole incominciare ad assaporare alcune novità che vedremo solamente con GNOME 3.4. Il rilascio di questa versione di testing è a mio parere quasi dovuto, dati anche i rilasci di KDE che si accinge a rilasciare la versione 4.8 attesa non solo dagli stessi utenti del draghetto. Possiamo consultare l’ampio changelog per questo rilascio a questo indirizzo e conoscere tutte le novità di GNOME 3.4 tramite l’apposita pagina sul wiki di GNOME.

Via | GNOME Mailing List

GNOME 3.3.3 arriva in sordina e porta con sé numerose novità é stato pubblicato su Ossblog.it alle 19:00 di venerdì 30 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
30

Tip for me!

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
30

Oxygen, un nuovo font non ufficiale per il desktop KDE

 

Mi piace +1 Tweet

Oxygen, è una parola che suona familiare se siamo user di KDE. Proprio per questo motivo Vernon Adams, ha voluto chiamare allo stesso modo dei famosi componenti di KDE il suo nuovo font, disegnato appositamente per il desktop del draghetto verde.

Questo nuovo font potrebbe diventare un’altro font “di serie” dopo Cantarell introdotto su Gnome Shell e Ubuntu. Questo nuovo font, paragonabile al font non ufficiale per Linux Mint chiamato Mint Spirit, punta ad offrire un font con una migliore leggibilità per il destkop KDE. Il progetto, nonostante l’avanzamento dello sviluppo offre già ottimi risultati come testimonia l’immagine in cima al post.

Secondo quanto possiamo apprendere dalle immagini pubblicate sul blog di Vernon Adams, questo font si adatta perfettamente alle vari GUI di KDE e rende i testi molto più leggibili e gradevoli alla vista. Resta da vedere come proseguirà lo sviluppo di questo Oxygen, che se fosse inglobato dall’omonimo progetto Oxygen sarebbe una grandissima vittoria per il desktop KDE e per Adams.

Via | Veron Adams

Oxygen, un nuovo font non ufficiale per il desktop KDE é stato pubblicato su Ossblog.it alle 09:00 di venerdì 30 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
30

LibreCAD 1.0.0 è appena stato rilasciato su Linux, Mac OS X, Windows

 

Mi piace +1 Tweet

LibreCADLibreCAD è, come suggerisce il nome stesso, un’applicazione open source per il Computer–Aided Design (CAD). Il progetto risale all’estate del 2010, ma ha raggiunto la versione 1.0.0 soltanto ora: Ries Van Twisk, il suo creatore, ha dovuto affrontare alcune difficoltà legate alla licenza di rilascio. LibreCAD 1.0.0 prevede la GPLv2.

Alla licenza di LibreCAD sono previste delle eccezioni che riguardano i componenti del programma. Queste, ad ogni modo, sono sempre legate al free software: parliamo – nello specifico – di Apache 2.0 e GPLv3. Un “intoppo” sui caratteri installati da LibreCAD ha obbligato alla rimozione di contenuti proprietari, assenti dal rilascio.

L’applicazione nasce dall’esigenza di sostituire QCad, ancorato alle Qt3. L’interfaccia di LibreCAD è in Qt4: il programma è installabile su Linux, come su Mac OS X e Windows. Per risolvere la querelle sui caratteri di tipo CXF, LibreCAD 1.0.0 ha pensato d’introdurre il formato LFF — che è retro–compatibile con quello proprietario.

Via | Libre Graphics World

LibreCAD 1.0.0 è appena stato rilasciato su Linux, Mac OS X, Windows é stato pubblicato su Ossblog.it alle 08:00 di venerdì 30 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

VLC “Christmas” egg

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

Tip for Tor

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

Cradle, un nuovo videogioco basato su Unigine: l’engine è aggiornato

 

Mi piace +1 Tweet

Cradle è il nuovo gioco di Flying Cafe, una società russa, e si basa sull’engine di Unigine: è un titolo scifi in prima persona, nel quale si richiede al giocatore la soluzione d’una serie di enigmi. Del videogame sono stati presentati soltanto degli screenshot e un trailer. Le immagini sono promettenti, per gli amanti del genere.

Purtroppo, Flying Cafe non ha ancora annunciato l’eventuale disponibilità di Cradle per Linux. È in fase di post–produzione, perciò non è stato rivelato un piano definitivo per le piattaforme che supporterà: grazie a Unigine, Cradle potrebbe approdare anche su Mac OS X, iOS e/o Android. L’uscita è prevista per la primavera del 2012.

Insieme all’annuncio di Cradle, Unigine ha pubblicato gli ultimi aggiornamenti relativi al proprio engine. Il motore ha acquisito il riconoscimento automatico delle GPU di Intel e AMD/ATI Radeon HD7xxx, migliorato l’Anti–Aliasing per Mac OS X e, su PlayStation 3, utilizza appieno l’accelerazione hardware della GPU — anziché la SPU.

Via | Phoronix

Cradle, un nuovo videogioco basato su Unigine: l’engine è aggiornato é stato pubblicato su Ossblog.it alle 12:00 di giovedì 29 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

Elementary Icons: la versione 3.0 entra in fase di testing

 

Mi piace +1 Tweet

Il team di elementary OS, un nuovo progetto che punta a ridisegnare il desktop GNU/Linux e a fornire una nuova esperienza utente, ha annunciato tramite un post sul proprio blog l’avvio della fase di testing per la versione 3.0 delle celebri elementary icons.

L’ultimo aggiornamento delle icone elementary risale a Marzo, in contemporanea al rilascio di Luna, prima versione di elementary OS. Questo risulterà essere un aggiornamento “leggero” per le icone create da DanRabbit, dato che il grosso salto di qualità si dovrebbe avere con la versione 4.0 e il relativo rilascio di Luna, atteso per Maggio 2012.

Tra le “novità di questa versione” troviamo una riduzione dei link simbolici, mossa che permetterà al set di icone di avere una minore dimensione e di essere più facile da mantenere non perdendo la compatibilità con i vari DE (XFCE per esempio), nuove icone con colori più vivi e più gradevoli alla vista e numerose mimetype icons ridisegnate.

Possiamo provare questa serie di icone sulla nostra distribuzione aggiungendo alla nostra lista dei repository il PPA creato ad hoc da Sergey Davidoff. Non ci resta che provare questa versione 3.0 per vedere cosa ci aspetta nella serie successiva, i propositi per un’ottimo rilascio ci sono tutti, sta al team mettere a disposizione degli utenti un degno set di icone.

Via | elementary OS

Elementary Icons: la versione 3.0 entra in fase di testing é stato pubblicato su Ossblog.it alle 11:00 di giovedì 29 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

Il task manager di GTG ha, finalmente, un’estensione per GNOME Shell

 

Mi piace +1 Tweet

GNOMEGetting Things GNOME (GTG), la pregevole agenda multifunzione creata da Luca Invernizzi, ha ottenuto un’estensione per GNOME Shell. Quest’ultima è presente nell’archivio ufficiale del desktop. È l’integrazione col calendario gestito dal server di Evolution: genera una scheda dedicata sull’applet predefinita, dalla quale aprire GTG.

Rispetto ai sorgenti dell’agenda, tuttora mantenuti su Launchpad, quelli dell’estensione sono su GitHub. Concepita prima del “divorzio” di Canonical da GNOME – o, almeno, da una parte di esso – GTG è stata sviluppata su Ubuntu: affinché l’estensione sia installabile, occorre scaricare il ramo 0.3 di GTG — rivisitato per GNOME Shell.

Ottenere l’estensione è semplicissimo se GNOME Shell è già presente sul sistema: basta un clic sulla pagina dedicata nell’archivio ufficiale di GNOME. Se la configurazione del desktop non lo consente, un messaggio avverte dell’incompatibilità. GTG, senza il quale l’estensione è inutile, dev’essere recuperato da Bazaar su Launchpad.

Via | Luca Invernizzi

Il task manager di GTG ha, finalmente, un’estensione per GNOME Shell é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di giovedì 29 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
29

Filer.js, una soluzione per usare i servizi di HTML5 sui file system

 

Mi piace +1 Tweet

HTML5Filer.js è una libreria di wrapping in JavaScript, ideata da Eric Bidelman, per accedere ai file system locali dal browser in HTML5. Bidelman è un ingegnere di Google e – di conseguenza – lo strumento è stato concepito per funzionare su Chrom*. Quest’ultimo è l’unico browser a implementare già la soluzione di HTML5 sui file system.

L’idea di Bidelman non è inedita, perché esistono almeno altre due risorse equivalenti: una fa parte dei Closure Tools di Google, degli strumenti in JavaScript familiari a Bidelman che lavora proprio allo sviluppo di Chrom*. L’altra è WebFS, un’implementazione lato–client del file system di Node.js. Filer.js ha un altro significato.

Quanto rende davvero interessante Filer.js è la scelta di Biderman d’utilizzare la sintassi dei comandi di UNIX — nel dialogo tra JavaScript, HTML5 e i file system locali. Un approccio che avvicina alla realizzazione di applicazioni web i programmatori abituati alle “native”. È un’intuizione favorevole all’approdo su altri browser.

Via | ReadWriteWeb

Filer.js, una soluzione per usare i servizi di HTML5 sui file system é stato pubblicato su Ossblog.it alle 08:00 di giovedì 29 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
28

MegaCLI su sistemi Debian (squeeze)

 

 MegaCLI su sistemi Debian (squeeze)


 Powered by Max Banner Ads 

Le Megacli sono delle utility a linea di comando per la  gestione di controller RAID della LSI.

A questo link vi è una chiara descrizione su come installarli su di una Debian. Devo dire che la guida è molto chiara e soprattutto indica passo passo quali pacchetti di supporto installare. Per le MegaCLI basta cercare nel sito della LSI che l’autore indica e al primo controller scaricare il pacchetto zippato dal nome 8.02.16_MegaCLI.zip (l’attuale release).

Enjoy …

Installing MegaCLI in Debian-based System

Related posts:

  1. Debian Squeeze verrà rilasciata nell’estate 2010
  2. LSI MegaRAID SAS
  3. iDrac 6 Debian Xen based e Serial Console Redirection


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
28

Tomcat: Cannot get a connection, pool error null

 

 Tomcat: Cannot get a connection, pool error null


 Powered by Max Banner Ads 

Generalmente capitava di registrare questo errore nel syslog di una Debian sul quale gira SOLR ma andando a controllare il DB MySQL verso il quale fa le SELECT e le UPDATE non si vedevano segnalazioni di numero di connessioni alte.

Girando sulla rete sono arrivato su questo breve articolo che in tutta sincerità mi ha lasciato un pò a bocca aperta … MySQL, Tomcat 6, and Ubuntu 9.10: Blah che tra l’altro riguarda il Tomcat 6 e ho provato questa modifica.

In /etc/init.d/tomcat5.5
# Use the Java security manager? (yes/no)
#TOMCAT5_SECURITY=yes
TOMCAT5_SECURITY=no

e successivo restart del Tomcat.
Vediamo se effettivamente la causa è questa …. o se invece si hanno dei benefici dovuti al restart del Tomcat.

Related posts:

  1. Rotazione dei Log di Tomcat
  2. MariaDB 1.4: rilasciata una BETA molto prossima ad essere una Release Candidate
  3. FreeMySQL


Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
28

Android e Linux: l’unione fa la forza!

 

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

dic
28

LLVM anticipa il supporto di AVX2 sulla distribuzione dei processori

 

Mi piace +1 Tweet

LLVMLLVM 3.1, la prossima minor release dell’avanzata infrastruttura per la compilazione dei sorgenti in C/C++ e Obj-C/Obj-C++, supporterà le estensioni AVX e – soprattutto – AVX2 di Intel. L’annuncio risale a circa dieci giorni fa, ma è stato sottovalutato per il rilascio del compilatore di CUDA 4.1 come open source da parte di nVdia.

È un aspetto da considerare per due motivi: il primo riguarda il fatto che GCC 4.6 ha introdotto a sua volta il supporto ad AVX, il secondo è l’utilizzo del SDK per OpenCL di Intel da parte di LLVM 3.1. La ragione più “curiosa” è un’altra. Nessun processore implementerà AVX2 prima di Haswell, il successore di Sandy Bridge, nel 2013.

Salvo ritardi, però, il rilascio di LLVM 3.1 dovrebbe avvenire già nell’aprile del 2012. Con almeno un anno d’anticipo rispetto all’effettiva disponibilità di processori che supportino le funzionalità di AVX2. La novità è resa possibile grazie alla versione 1.5 di Intel OpenCL SDK, che permette il debug in assenza delle estensioni.

Via | LLVM

LLVM anticipa il supporto di AVX2 sulla distribuzione dei processori é stato pubblicato su Ossblog.it alle 10:00 di mercoledì 28 dicembre 2011.

Popularity: unranked [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top