mar
02

Firefox ha (forse) un nuovo concorrente…..Gazelle

 

Che il mercato dei browser avesse subito degli scossoni negli ultimi anni l’hanno capito pure i sassi ma che qualche grande software house stesse preparando il programma di navigazione della nuova era personalmente mi era sfuggito.

La grande azienda in questione altri non poteva essere se non Microsoft che con il suo Internet Explorer ne sta passando di tutti i colori.

Prima la sicurezza, poi le funzionalità, i concorrenti ora il monopolio insomma il software  per la navigazione made in Redmond non ha mai goduto di ottima salute specialmente da quando si sono affacciati concorrenti forti, vedi Firefox e derivati, e ricchi, vedi Google, Apple.

Ora sembra che lo sviluppo successivo del prodotto debba ricevere una battuta d’arresto in favore di un nuovo software dal nome intrigante Gazelle.

Dal nome ci potremmo aspettare doti velocistiche da primato ma la competizione in questo campo sarà veramente dura viste le qualità dimostrate in questi giorni dal nuovo Safari 4 uscito in beta, forse ci saranno dei miglioramenti sotto il profilo della sicurezza un ambito che storicamente vede l’azienda carente.

Ed in effetti le prime parole ufficiali rilasciate sul prodotto danno speranza a tutti coloro che desiderano, o sono obbligati, a navigare pe i mari pericolosi di internet con una vascello marchiato da Ballmer.

Apprezzabile quindi l’idea di scrivere un nuovo software piuttosto che rielaborare i sorgenti di Internet Explorer, 5000 righe di codice in C e l’idea di rendere il programma simile ad un sistema operativo questo è il progetto in pochissime parole.

L’idea è palesemente inspirata al metodo di gestione delle pagine adottata da Google Chrome sicuramente però questo è un approccio che sembra essere vincente quanto meno per la stabilità del software stesso.

Il cuore stesso del software si comporterà come un kernel e sarà in grado di decidere chi, come e quando potrà accede al sistema operativo che vive sotto di esso e da qui le dichiarazioni secondo le quali ogni componente, come ad esempio iframe e plug-in, verranno trattati come processi separati e totalmente indipendenti gli uni dagli altri.

Ma c’è di più, citando testualmente le parole dei tecnici Microsoft:

“Questa granularità non è sufficiente, perché un utente può navigare su più siti Web maligni in un singolo tab, e le pagine Web potrebbero contenere iframe con contenuti provenienti da siti Web non fidati”. Gazelle opera in maniera diversa, ragionando in termini di dominio e separando così contenuti di uguale natura, ad esempio pubblicità, “mentre Chrome li inserisce nella stessa istanza del sito

Sembra proprio che le intenzioni ci siano tutte per fornire un browser all’altezza dei tempi ma mi permetto di ricordare come a Redmond non siano poi così nuovi ad uscite del genere dove si annuncia di aver scoperto l’ambrosia per poi finire che era un “panino con la mortazza” (onore alla mortazza ovviamente).

Speriamo che, come ormai moltissimi altri progetti, questo del nuovo browser non sia una trovata puramente pubblicitaria e si traduca in qualcosa di buono per gli utenti Windows.

Quasi dimenticavo…..Firefox e Chrome a voi la palla.

Link

Ciao a tutti.

Popularity: 1% [?]

  • OkNotizie
  • Upnews
  • Wikio



Puoi visualizzare il post originale qui.




Fatal error: Call to undefined function wp23_related_posts() in /home/tuxfeed/public_html/wp-content/themes/df_marine/index.php on line 68