mar
31

Asus Eee PC: ecco l’SDK

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Apple, presto l’iPhone 3G

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Firefox 3.0 a giugno

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

BlogBridge, semplicemente il miglior feed reader

 

BlogBridge IconCome avevo preannunciato un paio di giorni fa, in questo articolo farò una panoramica delle funzioni principali di BlogBridge.

Dopo averlo provato a fondo posso tranquillamente dire che, secondo me, BlogBridge è il miglior feed reader in circolazione perché, se sfruttato a dovere, questo lettore presenta veramente una marcia in più.

Magari se non avete molti feeds da leggere potreste non aver bisogno delle molteplici funzioni offerte da BlogBridge, ma se seguite molti blog vi consiglio caldamente di provarlo.

SmartFeeds

Normalmente i lettori permettono di suddividere i feeds in cartelle per organizzarli in modo più efficiente e questo avviene, ovviamente, anche in BlogBridge (le cartelle prendono il nome di Guides).

Gli SmartFeeds permettono di organizzare i feeds in base a particolari criteri specificati dell’utente. Per chiarire le idee con un esempio, supponiamo di voler raggruppare tutti i feeds contenenti la parola “Linux”. Per far ciò, basta cliccare sul bottone Create SmartFeed, nella barra principale del programma, e specificare come criterio, appunto, la presenza della parola “Linux”. In questo modo tutti gli articoli contenenti la suddetta parola saranno raggruppati, ed inoltre la parola sarà anche evidenziata in modo da poterla trovare rapidamente.

Gli SmartFeeds sono quindi ideali per filtrare rapidamente le notizie. La ricerca può essere effettuata anche in base a più parole contemporaneamente. Inoltre è possibile creare SmartFeeds anche in base ad altri criteri come ad esempio il numero di BlogStarz.

BlogStarz

Le BlogStarz permettono di assegnare ad ogni feed una valutazione da uno a cinque stelle. Quando si assegna la valutazione, le stelle cambiano da argentate a dorate. Le stelle argentate vengono assegnate da BlogBridge come raccomandazione mentre le stelle dorate vengono assegnate dall’utente.

Le stelle possono essere utilizzate convenientemente per filtrare i feeds in modo da mostrare solo quelli al di sopra di un certo numero di stelle. Se avete cinque minuti di tempo vorrete leggere solo i blog migliori, ed è per questo motivo che le stelle si rivelano uno strumento utile.

Tags

Ad ogni articolo è possibile assegnare delle tags e una descrizione. Le tags possono essere condivise sia con altri utenti di BlogBridge mediante il BlogBridge Service (di cui parlero più avanti), sia utilizzando il proprio account del.icio.us, oppure possono servire per creare degli SmartFeeds.

Keywords

Nelle impostazioni di BlogBridge è possibile inserire una lista di parole chiave in base ai propri interessi. In questo modo tali parole vengono evidenziate negli articoli per trovare rapidamente le informazioni che più interessano.

BlogBridge Service

BlogBridge offre la possibilità di usufruire di un servizio gratuito con diverse funzionalità (c’è anche una versione a pagamento). In particolare è utile per utilizzare il lettore su più di un computer in quanto offre la possibilità di registrare nel proprio account la lista delle sottoscrizioni e le preferenze, in modo da poter sincronizzare il programma.

Topic Guides

Sul sito di BlogBridge vengono messe a disposizione diverse raccolte di feeds, organizzate per argomento e selezionate da esperti in ogni settore. In questo modo è possibile scoprire nuovi blog in base ai propri interessi.

In conclusione

In realtà BlogBridge offre tante altre possibilità, troppe per essere elencate in un unico articolo, comunque spero almeno di avervi convinti a provarlo. Se siete interessati, sul sito di Blogbridge c’è anche una sezione con diversi screencasts, molto utili per imparare rapidamente le funzioni del programma.

Popularity: 2% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Mkinitcpio-0.5.18-1 disastro in Arch Linux

 

Appena entrato in Core, ecco qui … piantato durante la rigenerazione dell’immagine del kernel 2.6.24.4-ARCH e non va avanti, con CPU al 100%, aspetto ancora un pò per vedere se si sveglia e poi via con i .pacsave (perforza)

Le speranze del buon Telperion NON si sono verificate. Spappoliamo per bene i sistemi a tutti ! Ma era in unstable, si porta in Core senza nemmeno vedere se funziona ? Serietà ZERO, team Arch !

>>> Generating initial ramdisk, using mkinitcpio. Please wait...
==> Building image "default"
==> Running command: /sbin/mkinitcpio -k 2.6.24-ARCH -c /etc/mkinitcpio.conf -g /boot/kernel26.img
:: Begin build
:: Parsing hook [base]
:: Parsing hook [udev]
:: Parsing hook [autodetect]

nessun segno di vita per 20 minuti ….

E poi chissà come mai Linux non è diffuso e bla bla, di più non ne posso. Cosa deve fare uno per avere una cosa che FUNZIONA ? Ditemelo voi.

Aggiornamento = Su i686 sembra funzionare (ancora non ho provato su un kernel custom)
Rifatta la prova su AMD64, stesso risultato ….. non ho parole ! (chiaramente con il 0.5.17-2 e 2.6.24.3 tutto funziona come un orologio)

Ariaggiornamento = Curiosando nei repository trovo questa bella incongruenza:

core/kernel-headers 2.6.24.3-1 (base)
Kernel headers sanitized for use in userspace
core/kernel26 2.6.24.4-1 (base)
The Linux Kernel and modules

kernel 24.4 e headers 24.3 ? A me non suona, non so se possa essere corretto …. comunque sto con il 24.3 e NON CI PENSO PROPRIO ad upgradare anche se mi generasse l’immagine, a sto punto.

convert this post to pdf.

Popularity: 2% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Con Virgin America Linux prende il volo

 

Linux on PlaneCrunchgear riporta sulle sue pagine un’ interessante intervista al Direttore del “Intrattenimento in volo” della compagnia Virgin America, il quale ha dichiarato che l’ azienda adotterà Linux sui computer collocati nel retro dei poggiatesta dei passeggeri.

La distro utilizzata è un misto tra Red Hat e Fedora e i test si sono svolti per 4 anni al fine di evitare crash e ottimizzare al meglio tutto il sofware messo a disposizione (in particolare i giochi open source). Le postazioni in caso di problemi potranno essere riavviate sia dal personale di bordo che in maniera automatica dalla macchina stessa.

Interessante anche la chat “in volo”, che permetterà a più passeggeri di commentare lo stesso programma durante la visione. Questo servizio verrà presto ampliato con una connesione veloce e la possibilità di chattare anche verso l’ esterno del velivolo.

Oltre al vantaggio di poter offrire ai clienti la possibilità di creare una playlist audio-video da utilizzare durante il volo, Virgin America punta molto alla sostituzine dei giornali a bordo con una loro versione “informatizzata”. Questo risparmierà l’ abbattimento di centinaia di alberi e garantirà notizie molto più aggiornate di quelle della carta stampata.

Questa iniziativa di Virgin America sottolinea come sempre più le aziende iniziano ad accorgersi di Linux, e quando oltre ai conti delle società ci guadagna anche l’ ambiente non possiamo che gioire.

Via | Slashdot.org

Popularity: 2% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Red Hat: ma quale recessione?

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Cloud Computing: IBM lavora con il mondo accademico

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Wallet: lettore MP3 o carta di credito?

 

Popularity: 1% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
31

Linux Nvidia driver e kernel 2.6.25-rc*

 

nvidia on 2.6.25-rc7

Stavo impazzendo con i kernel della serie 2.6.24(.1 .2, .3, .4), avevo dei continui quanto fastidiosi blocchi di sistema, immaginate la scena : si verificava in modo del tutto casuale ed avveniva un vero e proprio freeze del sistema, il desktop sui miei due schermi diventava un immagine statica, non riuscivo ad accedere alla TTY e per finire non funzionavano i Magic SysRQ Key. Controllando nel Changelog dell’ultima rc del kernel (2.6.25-rc7) ho visto un fix molto interessante per il mio controller sata (promise), sinceramente non sapendo più che pesci pigliare mi sono detto: peggio di così non puo’ andare. Quindi mi sono messo all’opera ed ho compilato il nuovo kernel … ma come al solito i guai non vengono mai da soli :)

La prassi che seguo è sempre la solita da molti anni, creo un kernel, installo i driver nvidia ultima versione e qualche altro modulo esterno. Stavolta però sulla RC7 Nvidia non voleva saperne di compilarsi. Non vi dico cosa ho combinato tra sabato notte e domenica mattina, calcolate solo che ho ricompilato il kernel (diverse versioni) almeno 5/6 volte, anche perché mi è venuto in testa visto che stavo perdendo del tempo sui kernel di fare un po’ pulizia :/

Quindi ho cancellato tutto il bordello che avevo in /usr/src/ ed eliminato una 30 di immagini kernel ._. per ritornare ad usare quella che aveo prima di iniziare questa nuova avventura (2.6.24.4).

Fortunatamente esiste sempre un anima pia in #debian-it@freenode e proprio mentre cercavo di descrivere l’accaduto a mind è apparso un santo in mio aiuto. Il suo nome è tosky (sei finito in prima pagina tzè :) ) e mi ha passato un link :

http://www.nvnews.net/vbulletin/showthread.php?t=110088

Dentro ci sono alcune patch e le istruzioni che permettono a Nvidia di compilarsi con le versioni 2.6.25-rc* del kernel. Io posso solo dirvi che tutto funziona alla perfezione … almeno per quanto riguarda il discorso Nvidia.

Per il freeze … chissà! Per ora non mi resta che attendere e sperare!

convert this post to pdf.

Popularity: 4% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

PcRevenge ti regala un iPod Nano 4GB 3G

 

ipodcontest.jpg

Dopo 5 mesi dalla realizzazione del sito, lo staff di PcRevenge è contento di premiare tutti coloro che hanno partecipato nel corso del tempo e contribuito alla suo mantenimento, regalando ad un fortunato vincitore un premio. Stiamo parlando del nuovissimo iPod nano 4GB di Terza Generazione.

Ecco le caratteristiche del nuovo iPod:

  • Capacità 4GB (1000 Brani) ;
  • Display LCD 2?;
  • Risoluzione 320×240;
  • Skip free;
  • Riproduzione AAC/MP3/AIFF/WAV;
  • Lettura video Mpeg4;
  • Visualizzazione Foto;
  • Ultra sottile;
  • Calendario;
  • Giochi;
  • Peso 49 g ;
  • Colore: Argento;

ipodnano.jpg

Per partecipare al contest è molto semplice, ecco il Regolamento:

  1. Il vincitore del contest riceverà in regalo un iPod Nano 4GB 3G di colore Argentato ;
  2. Può partecipare chiunque disponga di un sito web (che non sia space Msn), che sia attivo almeno da 2 mesi e che perciò non sia creato Ex-Novo per poter partecipare al contest.
  3. Per partecipare bisogna parlare, attraverso un articolo nel proprio sito, del contest con un link al sito PcRevenge che sia visibile in HomePage. Si può anche copiare interamente l’articolo e incollarlo nel proprio sito, purchè sia presente un link come appena detto. In seguito commentare questo articolo mettendo un link all’articolo del vostro sito per poter segnare la vostra partecipazione.
  4. Il vincitore verrà estratto tra tutti i partecipanti secondo questo criterio: ad ognuno verrà assegnato un numero da 1 a 90 in ordine cronologico e l’estrazione del numero sarà quella sulla ruota di Torino (la prima successiva alla fine del contest). Nel caso in cui i partecipanti al contest fossero di piu’ di 90, si procederà all’estrazione con il programma PcRevenge Contest Creator del nostro collaboratore Ixiodor.
  5. Il contest avrà termine la notte del 31 Marzo 2008.

Partecipate in tanti! Se questo contest andrà bene ne organizzeremo uno nuovo al piu presto.

Buona Fortuna a tutti!

[Fonte]

ShareThis

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

emacs 22.2 si interessa a GIT e soci

 

emacsSolitamente non seguiamo assiduamente i rilasci intermedi dell’editor di casa FSF ma viste le novità introdotte nella recente versione 22.2 abbiamo pensato di fare uno strappo alla regola. Cosa c’è di nuovo dunque? Beh, oltre agli immancabili bug-fix emacs 22.2 introduce anche il supporto ad un gran numero di version control system ( tra i quali spiccano Bazaar, Mercurial, Monotone e Git ) e miglioramenti sul fronte dell’editing di file CSS, Vera, Verilog e BibTeX.

Ah, i novizi di emacs non si dimentichino di dare un’occhiata ai diversi tutorial segnalati in passato prima di procedere alla scoperta di questo storico software.

Grazie a Marco per la segnalazione

Popularity: 2% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

Emesene ed Amarok

 

Su Arch Linux, una volta installati Amarok ed Emesene, il secondo non riesce a rilevare la canzone che viene riprodotta dal primo. Per risolvere basta installare due semplici librerie:

pacman -Sy pykde pyqt3

A questo punto, una volta attivato il plugin per le canzoni di emesene dovreste avere la vostra canzone in bella vista al posto del messaggio! =)

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

Passaggio di licenza dalla CC 2.5 alla 3.0 BY-NC-SA.

 

Popularity: 3% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

mar
30

LaTeX visualFAQ

 

Chi ha imparato ad usare LaTeX si sarà imbattuto nella enorme mole di documenti in cui ricercare le informazioni desiderate, spesso però trovare ciò di cui si ha bisogno risulta abbastanza ostico.

LaTeX

Per semplificare la ricerca delle informazioni sul sito del progetto (latex-project.org) è presente un documento denominato VisualFAQ.

in pratica si tratta di un pdf realizzato con LaTeX in cui sono state simulate molte esigenze diverse (dalle più comuni alle più paricolari), tutte evidenziate da dei rettangoli verdi. Cliccando su questi rettangoli verrete indirizzati alla rispettiva spiegazione di come ottenere quel particolare effetto.

Per esempio se volete sapere come impostare un rientro del testo all’inizio di un capitolo, vi basterà cliccare sul rettangolo contenente un capitolo con il rientro.

Il pdf si trova qui, correte a scaricarlo!

EOF

Popularity: 2% [?]



Puoi visualizzare il post originale qui.

top